Google lancia Search-based Keyword Tool e SearchWiki

di Noemi Ricci

scritto il

Lanciato da Google un nuovo servizio per gli utenti di AdWords: Search-based Keyword Tool. Lo strumento suggerisce le parole chiave più strategiche per attirare clienti sul proprio sito di eCommerce

Con l’aumento delle Pmi che si dedicano all’eCommerce e l’avvicinarsi della festività più commerciale dell’anno, diventa strategico essere competitivi e attirare il maggior numero di clienti sul proprio sito web.

Tra i metodi più utilizzati dalle piccole imprese per attirare visitatori attraverso la ricerca web con parole chiave, spicca senza dubbio AdWords di Google, che ha appena messo a disposizione dei propri utenti il nuovo strumento Search-based Keyword Tool.

L’altra novità da casa Google è SearchWiki, una nuova funzione che consente di personalizzare i risultati delle SERP – le pagine con i risultati delle ricerche web su Google tramite utilizzo di keywords – riclassificando, cancellando, aggiungendo o commentando ogni singolo risultato.

Chiaramente le modifiche apportate, che andranno ad alterare il posizionamento di una certa voce sulla pagina, sono valide solo per le proprie ricerche. Tuttavia, è possibile monitorare le personalizzazioni della community cliccando sul link “See all notes for this SearchWiki” e tracciando quindi il trend che accompagna le ricerche di una determinata keyword.

Di più immediato utilizzo resta comunque la nuova funzione Search-based Keyword Tool: in pratica, basta selezionare un sito e una serie di tag e lanciare la ricerca delle parole chiave (“Find Keywords“) che il sistema cercherà e suggerirà in base alle ricerche effettuate dagli utenti.

Un occhio di riguardo è posto alle regole della concorrenza, infatti il sistema non visualizza le parole che non sono state utilizzate per la propria campagna nel caso in cui ci si autentichi con il proprio account AdWords; altrimenti verrebbero mostrate tutte le parole chiave, che i concorrenti potrebbero “rubarsi” reciprocamente.

È anche possibile stabilire dei criteri per la visualizzazione delle keywords, ad esempio per categoria di appartenenza.

Il servizio è per ora disponibile nella versione full solo negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, mentre in Italia agli utenti viene restituito solo un set limitato di parole chiave.