Le inserzioni Yahoo sul web mobile di T-Mobile

di Redazione PMI.it

scritto il

Annunciata partnership per la diffusione di sponsorizzazioni mirate veicolate da Yahoo sul servizio di web mobile "Web'n'walk" di T-Mobile

La pubblicità online comincia a trasferirsi anche su piattaforma mobile, e l’accordo appena siglato fra la web company Yahoo e l’operatore di telefonia T-Mobile è uno dei casi più esemplari del nuovo corso, cui nel 2008 assisteremo con sempre maggiore frequenza.

In base ai termini dell’accordo il provider californiano di soluzioni per la ricerca sponsorizzata su Internet fornirà contenuti pubblicitari destinati al servizio di web mobile Web’n’walk di T-Mobile, disponibile sul mercato britannico.

Ciò consentirà agli inserzionisti pubblicitari di poter far convergere i propri messaggi promozionali sul canale mobile dell’operatore, raggiungendo così gli utenti in maniera ancora più personalizzata e interattiva. Gli utenti mobili, infatti, potranno entrare in contatto diretto con le case produttrici dei servizi e dei prodotti sponsorizzati, un po’ come se cliccassero su un banner web.

L’accordo si colloca sulla scia di una precedente partnership siglata da Yahoo anche con Vodafone Uk, a riprova che il mercato della pubblicità sull’internet per cellulari è davvero in fase di decollo.
In effetti, grazie alla diffusione del web mobile – in virtù di un livellamento delle tariffe e di un’offerta sempre più ricca di soluzioni flat – l’advertising online sembra aver trovato una nuova e profittevole declinazione.

Si stanno moltiplicando gli studi a sostegno dell’idea che stia nascendo un nuovo modello di business, che apre le porte di un settore dalle enormi potenzialità a web company e operatori mobili, ma anche a piccoli investitori, agenzie marketing e aziende che vogliono promuoversi sfruttando la cross-medialità.

Quello che si sta sviluppando è un mercato da 5 mld di dollari già entro quattro anni, secondo le stime Local Mobile Search. Anche le valutazioni italiane dell’Osservatorio sul Mobile Marketing e Service (School of Management del Politecnico di Milano) sono positive: non soltanto i volumi di questo mercato sono in crescita, ma si stanno anche affinando le strategie di marketing e advertising B2C che vedono il cellulare come protagonista.