Secondo lavoro in malattia? Illegittimo il licenziamento

di Francesca Vinciarelli

scritto il

La sentenza della Cassazione su un caso di illegittimo licenziamento di un lavoratore che svolgeva un secondo lavoro pur essendo in malattia.

È illegittimo il licenziamento di un lavoratore che, posto in malattia, trova un secondo lavoro, purché questo non pregiudichi la guarigione. A stabilirlo è stata la sentenza della Corte di Cassazione n. 23365 del 15 ottobre 2013. Il caso riguardava il licenziamento di un lavoratore in malattia trovato a lavorare presso l’azienda di un parente. I giudici della Suprema Corte hanno motivato la propria decisione valutando la genericità delle contestazioni del datore di lavoro, nonché l’occasionalità e la sporadicità dell’attività secondaria svolta dal lavoratore. Lavoro ritenuto compatibile con la malattia per la quale il lavoratore si era assentato dal lavoro principale: secondo la Cassazione «lo stato di malattia era indubitabile e le marginali attività espletate non avrebbero, in realtà, potuto rendere più difficile il processo di guarigione, anzi poteva affermarsi che tali attività potevano avere un’incidenza funzionale e positiva per la stessa guarigione». Dunque, in casi di questo genere, non è possibile per il datore di lavoro procedere con il licenziamento in maniera licenziamento in maniera legittima.