UE: niente Copyright per software e API

di Francesca Vinciarelli

scritto il

In tema di copyright la Corte Europea ha stabilito che il diritto d'autore non si può applicare sulle parti del software, API compreso, dando autorizzazione alla pratica del reverse engineering: la sentenza.

Nessun copyright per le aziende attive nel campo dello sviluppo software: la Corte Europea ha stabilito che le norme che regolano normalmente la violazione del diritto d’autore non possono applicarsi a nessuna parte del software. Quindi nessun copyright su linguaggi di programmazione, istruzioni o API (Application Programming Interfaces).

Una precisazione importante che sta scuotendo le software house del vecchio continente, a dispetto di cià che avviene oltreoceano, dove i software non solo possono essere brevettati ma nascono continuamente nuove battaglie legali sulla loro paternità.

Il caso esaminato dalla Corte Europea riguardava le due società SAS e WPL (World Programming Limited), con la prima che chiedeva che le venissero riconosciuti i diritti d’autore da parte della seconda per aver preso ispirazione da un proprio software per sviluppare un’applicazione del tutto simile.

In effetti WPL si è basata sul funzionamento del software di SAS per lo sviluppo del programma, dopo averne acquistato la licenza d’uso e averne studiato approfonditamente il comportamento ma non il codice sorgente, al quale non aveva accesso.

Fondamentalmente WPL ha sfruttato una tecnica nota tra gli addetti del settore e chiamata “reverse engineering”, che consente di produrre del codice partendo dal suo comportamento.

La motivazione dei giudici UE è che imporre il copyright sulle funzionalità di un software significherebbe bloccare la libera diffusione delle idee e l’innovazione a vantaggio dei monopoli.

I Video di PMI

Come avviare una Srl Semplificata