Fisco amico: cambia il Codice del Contribuente

di Barbara Weisz

scritto il

Proposta di legge di Lega e M5S con semplificazioni fiscali per cittadini, Partite Iva e imprese: più strumenti a disposizione e meno vessazioni, più agevolazioni e meno pressione tasse.

Niente informazioni al Fisco se già le possiede, modelli e software disponibili con congruo anticipo, Spesometro annuale, sanzioni soft in fase di avvio della fatturazione elettronica, abolizione comunicazioni IVA, contraddittorio preventivo prima di accertamenti, procedure snelle per imprese e Partite IVA, rimpatrio cervelli agevolato: sono alcune delle proposte contenute in un progetto di legge depositato dai partiti di maggioranza in commissione Finanze alla Camera, volto a semplificare gli adempimenti e ridurre gli oneri.

Alcune di queste misure dovrebbero essere inserite già nella prossima manovra economica. Vediamole in dettaglio.

Dichiarazioni. Il nuovo Codice del Contribuente prevede che l’Amministrazione finanziaria di possa più richiedere al singolo cittadino dati che già gli risultino noti, come ad esempio quelli che confluiscono nella dichiarazione precompilata. Al fine di snellire la macchina burocratica, poi, si prevede una tempistica diversa per la diffusione di applicativi informatici, modelli con istruzioni e in genere strumenti necessari ad assolvere gli adempimenti: entro 60 giorni dalla scadenza fiscale.

Accertamenti. Viene previsto un nuovo contraddittorio preventivo in tutti i procedimenti di controllo fiscale.

Scadenze fiscali. Per evitare i consueti “ingorghi”, di prevede di riscrivere in parte il calendario delle scadenze fiscali, ad esempio spostando il termine per la presentazione della dichiarazione dei redditi di imprese e lavoratori autonomi al 31 dicembre.

Partite IVA. Per questa categoria di contribuenti è prevista l’abolizione delle comunicazioni dei dati delle liquidazioni IVA in concomitanza con l’obbligo di fatturazione elettronica (che scatta dal primo gennaio 2019 per le operazioni fra privati). Poi: sanzioni più soft in tutto il primo anno di applicazione della e-fattura e Spesometro sempre annuale (e non più semestrale).

Sostituti d’imposta. Per le imprese è previsto il versamento cumulativo dell’addizionale IRPEF per tutti i comuni e la soppressione del modello 770 mediante integrazione in F24 con l’indicazione del codice fiscale del contribuente che subisce la ritenuta d’acconto.

Agevolazioni. Ci sono poi misure di incentivazione, ad esempio per la riapertura di negozi e laboratori artigiani o per il rientro dei cervelli, con una rivisitazione della norma che includa anche coloro che si sono trasferiti per aprire una startup.

Infine, c’è una proposta di alleggerimento fiscale, che prevede di abbassare al 5% l’aliquota IVA per tutti i beni e i servizi essenziali all’alimentazione, assistenza e cura di bambini fino a tre anni, disabili, anziani, persone non autosufficienti.