Scudo Fiscale: chiarimenti dal Fisco

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Pubblicata dall'Agenzia delle Entrate una nuova circolare con indicazioni e chiarimenti relativi allo Scudo Fiscale, in particolare sul rimpatrio giuridico degli immobili e delle altre attività patrimoniali

Scudo Fiscale: con la circolare 6/E, l’Agenzia delle Entrate fornisce nuove indicazioni sugli adempimenti per regolarizzare la propria posizione, rispetto a quelle fornite con la circolare 3/E del 29 gennaio 2010.

Per le attività amministrate da società fiduciarie non sussistono obblighi di monitoraggio fiscale, sia per il contribuente che per gli stessi intermediari.

Sul rimpatrio giuridico di immobili e attività patrimoniali, il contratto di amministrazione può avere durata illimitata, conferendo alla fiduciaria il mandato a compiere tutti gli atti giuridici di amministrazione dei beni secondo le istruzioni del contribuente.

Viene poi ribadita la nuova finestra temporale per l’adesione alla procedura di emersione: dal 30 dicembre 2009 al 30 aprile 2010, riaperta (e non prorogata) dal Dl 194/2009 meglio noto come “Milleproroghe”.

Essendo il precedente termine fissato al 15 dicembre 2009, le operazioni concluse nel periodo compreso tra il 16 e il 29 dicembre 2009 non sono dunque valide.

Inoltre, per le operazioni di emersione perfezionate entro il 28 febbraio – anche se è domenica – non essendo un versamento di somme all’Erario, è stata disposta un’imposta straordinaria del 6%, che passa al 7% per quelle effettuate tra il 1° marzo e il 30 aprile.

I Video di PMI