Redditometro con avvio soft: criteri meno rigidi

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Il Redditometro entrerà in vigore nel 2013 in modo graduale, per essere perfezionato e messo a punto: ecco come si comporterà l'Agenzia delle Entrate.

Conto alla rovescia per il Redditometro in vigore dal 2013, seppur con un’applicazione graduale: nella prima fase di attuazione – cioè nel confrontare spese effettuate e redditi dichiarati fin dall’anno d’imposta 2009 – i margini del Fisco per far scattare gli accertamenti fiscali saranno meno rigidi.

=> Leggi come si applica il Redditometro

Come ribadito dal direttore dell’Agenzia delle Entrate, gli accertamenti scatteranno solo per quei casi in cui si rileveranno «scarti significativi» fra il reddito dichiarato e il tenore di vita risultante dalle spese sostenute.

A regime – quando lo strumento sarà stato via via perfezionato, anche grazie ai contraddittori con i contribuenti – si arriverà alla regola prevista dalla legge, per cui gli accertamenti scattano in caso di scostamenti del 20% tra reddito dichiarato e reddito presunto.

Il meccanismo di entrata in funzione del Redditometro – con la sua partenza soft – è stato esposto da Befera in occasione della presentazione del Redditest, il software di autodiagnosi lanciato dall’Agenzia delle Entrate per permettere ai contribuenti di verificare la propria coerenza fiscale:

=> Scarica il sofware e leggi il tutorial sull’uso del Redditest

Befera ha sottolineato che l’obiettivo del Redditometro non è scovare i piccoli evasori.  In questa prima fase però l’obiettivo è soprattutto quello di mettere a punto lo strumento, perfezionandolo andando a migliorarne i punti deboli.

«L’incoerenza iniziale fra i redditi dichiarati e quelli presunti possono avere mille giustificazioni, e il primo contraddittorio offre un filtro potente che si aggiunge a quelli già prodotti dai software di analisi», ha sottolineato il direttore.

=>Leggi come motivare gli scostamenti emersi dal Redditometro

Dunque, avvio soft ma contraddittorio garantito? Prepariamoci a spiegare al Fisco le nostre ragioni. E a dimostrarle, carte alla mano!

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito