Tratto dallo speciale:

Proroga 730 precompilato, ultimi giorni

di Barbara Weisz

scritto il

In scadenza il 23 luglio la proroga per la consegna del 730 precompilato: ultimi consigli e, in caso di errori, opzione UNICO o 730 integrativo.

Ultimissimi giorni per i contribuenti che non hanno ancora presentato il 730 precompilato, la proroga scade giovedì 23 luglio: entro questa data bisogna presentare la dichiarazione direttamente, attraverso il sito dell’Agenzia delle Entrate. Stesso termine anche per CAF e intermediari, per la consegna al contribuente del prospetto elaborato e la trasmissione al Fisco dei modelli. Ricordiamo che, per utilizzare la proroga, devono aver già trasmesso almeno l’80% delle dichiarazioni loro affidate entro il 7 luglio (termine originario per la presentazione).

=> Proroga per il 730/2015 

Coloro che hanno utilizzato la proroga non riceveranno l’eventuale conguaglio con la busta paga di luglio ma dovranno attendere agosto o anche settembre. Secondo gli ultimi dati comunicati dall’Agenzia delle Entrate, sono 2,2 milioni i contribuenti che hanno effettuato l’accesso al sito predisposto per il 730 precompilato ma non tutti hanno poi effettivamente utilizzato l’invio fai da te, che è stato effettuato da 1,4 milioni di persone. E’ pari a 14 milioni, invece, il numero di contribuenti che si sono rivolti a un CAF o a un professionista.

=> 730 precompilato: spunti critici

Il consiglio fondamentale per coloro che scelgono di inviare autonomamente la dichiarazione utilizzando il sito delle Entrate è quello di controllare con attenzione tutti i dati, anche quelli precompilati, visto che in questo primo anno di sperimentazione sono stati evidenziati diversi errori (per esempio, nei casi in cui nel 2014 si sono sommati diversi sostituti d’imposta). In caso di errori sarà possibile presentare un 730 integrativo, esclusivamente rivolgendosi a un CAF o a un professionista dell’assistenza fiscale, entro il prossimo 26 ottobre oppure presentare il modello UNICO integrativo o correttivo entro la scadenza del 30 settembre (quest’ultima opzione è obbligatoria nei casi in cui dagli errori commessi derivino un maggior debito o un minor credito).

=> Errori e ritardi in dichiarazione: 730 integrativo o UNICO

I Video di PMI

Aliquote IRPEF e scaglioni di reddito