Tratto dallo speciale:

Come numerare le nuove fatture dal 2013

di Barbara Weisz

scritto il

Cambia la numerazione delle fatture dal 2013 in attuazione della riforma contenuta nella Legge di Stabilità, per adeguarsi alla disciplina UE: ecco le tre opzioni e i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate.

L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che la numerazione delle fatture 2013 può ripartire da 1 (anche ogni anno) o proseguire la serie numerica in continuità con le fatture 2012: è la risoluzione 1/E a fornire le indicazioni operative alle aziende in applicazione dei cambiamenti introdotti con la Legge di Stabilità.

=> Leggi le novità su Fatturazione e IVA dal 2013

Numerazione fatture

Secondo le modifiche introdotte dall’articolo 1, comma 325, lettera d della legge 24 dicembre 2012, n. 228, la fattura deve contenere, fra le altre cose, data di emissione e un «numero progressivo che la identifichi in modo univoco» mentre prima  la legge prevedeva una numerazione “in ordine progressivo per anno solare”. Quindi la prima fattura del 2013 può essere:

  • fatt. n 1
  • fatt. n 1/2013
  • fatt. n xx (successiva all’ultima del 2012)

La modifica normativa si è resa necessaria per armonizzare la disciplina italiana a quella comunitaria, che non richiede di ricominciare la numerazione ogni anno solare (direttiva 2006/112/CE modificata dalla direttiva 2010/45/UE).  In pratica ci sono le seguenti possibilità:

  • può essere adottata una numerazione progressiva che, partendo dal N. 1, prosegua ininterrottamente per tutti gli anni solari di attività, fino alla sua cessazione;
  • può continuare la numerazione specificando l’anno solare.
  • può proseguire quella dell’ultima fattura emessa nel 2012.

=> Scopri il nuovo Regolamento sulla Fattura Elettronica

In tutti e tre i casi viene rispettato il criterio per cui la numerazione identifica in modo univoco la fattura.
Proseguire con la numerazione degli anni precedenti è la prassi europea: può essere consigliabile per le imprese che hanno sedi in diversi paesi europei o per armonizzare le proprie pratiche a quelle UE. E’ anche possibile, pur scegliendo la numerazione senza soluzione di continuità, iniziare comunque dal N. 1 in questo 2013.

=>Leggi di più sui metodi di Fatturazione

Compilazione fatture

Altra novità in materia di fatturazione riguarda l’obbligo di indicare il numero di partita IVA del soggetto cessionario o committente oppure il numero di identificazione IVA attribuito dallo Stato europeo di appartenenza o infine il codice fiscale per chi non esercita attività d’impresa, arte o professione. Infine, in fattura va indicata la dicitura fiscale per le operazioni senza l’applicazione dell’Iva (inversione contabile, operazione non soggetta, operazioni non imponibili eccetera).

=> Ecco le nuove norme UE 2013 sulla fattura elettronica

Dal primo gennaio 2013 sono entrati in vigore anche la fattura semplificata per operazioni inferiori ai 100 euro e l’IVA per cassa, esigibile al momento della fatturazione delle operazioni.