Tratto dallo speciale:

Cartelle Equitalia: il modello di avviso

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Il modello di avviso di intimazione di pagamento con il quale Equitalia punta a rendere più chiara la cartella esattoriale.

Equitalia cambia il modello di avviso di intimazione al pagamento, rinnovando veste grafica e contenuti alla cartella esattoriale. Il nuovo modello di avviso di intimazione – ai sensi dell’art. 50 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602 – è stato approvato con il provvedimento n. 22585 /2015 dell’Agenzia delle Entrate. L’obiettivo è quello di rendere più chiara e intuitiva la lettura dei dati contenuti nella cartella Equitalia, nonché di rendere il modello adatto a tutti i diversi tipi di atti per la riscossione coattiva.

=> Cartelle esattoriali: consultare l’estratto conto Equitalia

Pignoramento dei beni

Si tratta delle cartelle esattoriali che l’Agente della riscossione invia prima di passare al pignoramento dei beni, azione che verrà avviata qualora il contribuente non proceda al pagamento entro cinque giorni dal ricevimento dell’avviso.

Nuovo modello di avviso

Il nuovo modello sostituisce il precedente e si compone di tre pagine. Tra le principali novità, sotto il profilo grafico, viene inserito sul frontespizio dell’avviso un prospetto riassuntivo in cui vengono indicati dall’Agente della riscossione gli elementi identificativi della cartella di pagamento o degli altri atti per i quali il contribuente risulta moroso. Questo nuovo prospetto consente anche di utilizzare un unico avviso di intimazione per molteplici atti.

=> Leggi come gestire le cartelle di pagamento

Nella seconda pagina, nella sezione riservata all’Agente di riscossione, verranno forniti al debitore ulteriori informazioni e chiarimenti. La terza e ultima pagina è dedicata alla notifica: contiene informazioni relative al destinatario dell’avviso di intimazione di pagamento, le modalità e le tempistiche con le quali è avvenuta la notifica.

I Video di PMI

Cartella esattoriale nulla: regole e sentenze