Bonus Ristrutturazioni anche per conviventi

di Francesca Vinciarelli

scritto il

In caso di lavori di ristrutturazione sull'immobile comune, la detrazione fiscale spetta anche al convivente di fatto anche se non è proprietario: i chiarimenti dell'Agenzia.

Con l’approvazione della legge sulle unioni civili (legge 76/2016), assumendo le coppie anche non sposate che convivono rilevanza giuridica, cambiano le regole per l’attribuzione della detrazione fiscale per il recupero del patrimonio edilizio, che ora spetta anche al convivente di fatto. Questo perché, spiega la risoluzione n. 64/E/2016 dell’Agenzia delle Entrate, la disponibilità dell’immobile è insita nella stessa convivenza, anche senza che sia presente un contratto di comodato d’uso.

Diversamente, finora se il convivente non era un familiare del titolare dell’immobile, ovvero coniuge, parente entro il terzo grado o affine entro il secondo grado, non poteva accedere all’agevolazione fiscale se non in presenza di un comodato d’uso. Questo perché l’articolo 16-bis del Tuir prevede che lo sconto fiscale per il recupero del patrimonio edilizio si applichi alle spese sostenute dai contribuenti che possiedono o detengono un immobile sul quale sono effettuati gli interventi, o dai familiari con loro conviventi al momento dell’inizio dei lavori.

=> Bonus Ristrutturazione 2016: novità e istruzioni

Ora la nuova disciplina in tema di unioni civili e il mutato quadro normativo di riferimento, attribuendo alle convivenze di fatto alcuni diritti spettanti ai coniugi, fanno sì che possa fruire del bonus ristrutturazioni anche il convivente more uxorio che sostiene le spese di recupero del patrimonio edilizio, ma non è proprietario dell’immobile.

Questo perché viene riconosciuto un valore alle coppie di fatto e al legame che si crea tra ciascun convivente e l’immobile abitato ed essendo la disponibilità dell’immobile insita nella coabitazione, senza necessità che trovi fondamento in un titolo contrattuale.

=> Permessi ristrutturazioni edilizia: tutti i casi

 Fonte: Agenzia delle Entrate.

quello che dovresti leggere ora

Ecobonus 2018: interventi e sconti

In attesa dei decreti attuativi l’ENEA pubblica chiarimenti sull’Ecobonus 2018 e attiva il nuovo sito per la trasmissione delle nuove comunicazioni obbligatorie per bonus ristrutturazioni ed Ecobonus.

Calcolo bollo auto: guida completa

Come calcolare il bollo auto da versare annualmente per il possesso dei veicoli utilizzando i servizi online messi a disposizione da ACI e Agenzia delle Entrate.

Modello IVA 2018: cosa cambia

Guida al nuovo “Modello per la comunicazione delle liquidazioni IVA periodiche” e le relative istruzioni, approvati dall’Agenzia delle Entrate: ecco cosa cambia.

Le risposte dell'esperto