Acconto IVA di Dicembre 2023: istruzioni e scadenze dal Fisco

di Alessandra Gualtieri

Pubblicato 20 Dicembre 2023
Aggiornato 18:05

Dall'Agenzia delle Entrate le istruzioni sul versamento dell'acconto IVA di dicembre 2023: adempimenti e scadenze per contribuenti e intermediari.

Il 19 dicembre 2023, l’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile sul suo sito il provvedimento direttoriale che fornisce istruzioni per i versamenti dell’acconto IVA di dicembre 2023.

I versamenti da parte dei contribuenti devono avvenire entro la scadenza stabilita dalla legge, cioè il 27 dicembre (come previsto dall’articolo 6, comma 2, legge n. 405/1990).

Nei giorni successivi bisogna completare il riversamento all’Erario, secondo le modalità indicate nel nuovo documento di prassi.

Guida al versamento dell’acconto IVA di dicembre

Il provvedimento riguarda dunque gli istituti di credito convenzionati, gli uffici postali e gli agenti della riscossione. Questi intermediari sono stati scelti dai contribuenti per effettuare il pagamento dell’acconto.

Il termine ultimo per il trasferimento delle somme all’erario è fissato per le 14:50 del 29 dicembre.

L’adempimento coinvolge tutti gli intermediari convenzionati: banche, uffici postali e agenti della riscossione, che ricevono i pagamenti dai contribuenti.

Modalità di versamento e trasferimento acconti

Gli intermediari dovranno dunque trasferire le somme incassate nei giorni 20, 21, 22 e 27 dicembre alla contabilità speciale presso la Banca d’Italia – Tesoreria dello Stato entro il termine stabilito.

  • Per i versamenti ricevuti il 20, 21 e 22 dicembre, devono utilizzare i canali di pagamento che prevedono il trasferimento entro 3 o 5 giorni lavorativi.
  • Per i versamenti del 27 dicembre, sarà necessario utilizzare i canali che prevedono il trasferimento entro 2 giorni lavorativi.

Rendicontazione

Se gli intermediari optano per un unico bonifico cumulativo per l’intero importo incassato nei giorni 20, 21, 22 e 27 dicembre, la rendicontazione all’Amministrazione finanziaria sarà unica e rispetterà la stessa scadenza del trasferimento, cioè il 29 dicembre.

Le somme riscosse tramite modello F24 EP e regolate il 29 dicembre 2023 sono escluse dalle disposizioni, poiché non rappresentano versamenti a titolo di acconto IVA.