Tratto dallo speciale:

Bollette per clienti vulnerabili: i moduli per stare nel Mercato Tutelato

di Barbara Weisz

26 Dicembre 2023 07:55

I vulnerabili hanno diritto alle tariffe ridotte del Mercato Tutelato in bolletta gas e luce: ecco i moduli di autocertificazione da inviare.

La permanenza nel Mercato Tutelato di luce e gas nel 2024, con scadenze diversificate, riguarda i soli clienti classificati come vulnerabili. Si tratta di una platea di utenti con diritto alle tariffe fissate dall’ARERA, anche nel caso in cui siano titolari di utenze sul Mercato Libero ma volessero rientrare in quello di maggior tutela.

Per rientrare in questa categoria bisogna avere determinate caratteristiche, individuate dalla legge.

In alcuni casi il fornitore è in grado di individuare da sè i requisiti per l’accesso a questa agevolazione, applicando in automatico le tariffe tutelate in bolletta. In altri bisogna invece fare specifica domanda, o utilizzando i moduli messi a disposizione sul sito ARERA oppure quelli pubblicati sul sito web del proprio fornitore di energia.

Vulnerabili con diritto alle tariffe gas e luce ARERA

Partiamo con i requisiti che danno diritto alle tariffe per gli utenti vulnerabili. Per le bollette del gas:

  • essere fruitori di Bonus Sociale (ai sensi dell’articolo 1, comma 75, della legge 124/17) per condizioni economicamente svantaggiate (ISEE fino a a 8mila 107,5 euro);
  • soggetti con disabilità certificata dai medici competenti ai sensi della legge 104/92;
  • utenza in una struttura abitativa di emergenza a seguito di eventi calamitosi;
  • età superiore ai 75 anni (aver già compiuto 76 anni o compierli nell’anno solare in corso).

Per le bollette della luce, oltre alle categorie sopra descritte, sono vulnerabili i nuclei nei quali c’è una persona con gravi patologie che utilizza apparecchi elettrici salva-vita in casa.

Tempistiche e procedure di richiesta

Il Mercato Tutelato del gas finisce il 10 gennaio 2024, quello dell’energia si interrompe il 1° luglio 2024 (in virtù della proroga). Entro queste date è prima di tutto necessario verificare in quale mercato si è e poi se si rientra nella platea dei vulnerabili.

A quel punto, bisogna accertarsi se il proprio fornitore di energia ha già individuato il requisito, applicando automaticamente la tariffa ARERA in bolletta. Tutte le compagnie dell’energia hanno inviato a settembre questa indicazione ai proprio clienti.

E’ comunque possibile verificarlo rivolgendosi al servizio clienti o ai numeri a disposizione per queste segnalazioni (che è possibile individuare in bolletta oppure sul portale del proprio gestore).

Modulo di autocertificazione vulnerabilità

Se non si rientra automaticamente fra i vulnerabili (il fornitore lo sa già se il requisito è quello ISEE o l’età anagrafica ma non può sapere se si ha la 104 o si vive in strutture di emergenza per eventi calamitosi), allora bisogna inviare un modulo di autocertificazione della propria vulnerabilità.

Dove trovarlo, come inviarlo e quando

I moduli sono disponibili sul portale ARERA, nelle pagine dedicate alle informazioni sulla fine del mercato tutelato, presente anche sui siti istituzionali delle compagnie dell’energia (che in alcuni casi pubblicano invece una versione personalizzata, ma sostanzialmente analoga nei contenuti).

  • Qui il modulo gas di autocertificazione dei requisiti di vulnerabilità
  • Qui il modulo luce  di autocertificazione delle condizioni di vulnerabilità

Il modulo va inviato al fornitore del gas entro il 31 dicembre 2023.

Tutti i moduli predisposti dai fornitori di energia contengono gli indirizzi a cui bisogna trasmetterli. Il modulo ARERA invece è generico e bisogna dunque contattare il proprio gestore per sapere dove inviarlo, oppure ci si può recare presso un punto fisico di rivendita, allegando un documento di identità.

Come compilare il modulo vulnerabilità in bolletta

La compilazione è semplice: basta inserire i dati anagrafici e segnalare qual’è il requisito in base al quale c’è il diritto a rientrare fra i clienti vulnerabili. Ecco il facsimile del modulo ARERA:

Una precisazione: anche i clienti vulnerabili possono chiedere di farsi applicare la tariffa tutelata oppure cambiare fornitore di energia a tale scopo. Lo specifica l’ARERA sul suo sito:

un cliente vulnerabile che si trova già nel mercato libero può richiedere di essere fornito alle condizioni definite dall’Autorità (servizio di tutela della vulnerabilità).

Si tratta di un obbligo riservato ai fornitori e agli esercenti del servizio di fornitura di ultima istanza.

Alcune compagnie prevedono moduli differenziati per la comunicazione dei clienti e di coloro che invece intendono cambiare gestore. Ad esempio a questo link c’è il modulo Enel per farne richiesta.

Per chi ha bisogno di chiarimenti o assistenza, può rivolgersi allo Sportello del Consumatore, ARERA, scrivendo ai contatti indicati oppure 2chiamando il numero verde 800 166 654.