Tratto dallo speciale:

Bollette 2024: cambio regole, tutele per Vulnerabili e Bonus Sociali

di Barbara Weisz

1 Gennaio 2024 14:16

Bollette 2024 al giro di boa, stop al mercato tutelato del gas, ok a tariffa calmierata per Clienti Vulnerabili e Bonus Sociali: misure a confronto.

Dal 10 gennaio 2024 termina il  mercato tutelato del gas ma continueranno ad avere diritto a tariffe agevolate in bolletta i clienti considerati vulnerabili.

Il servizio con va confuso con il Bonus sociale, che prevede sconti in bolletta per clienti a basso ISEE, alla stregua del Bonus Elettrico per disagio fisico destinato a chi utilizza in casa apparecchi elettro-medicali salvavita.

Facciamo chiarezza sulle diverse varie forme di agevolazione in bolletta per clienti disagiati, fra analogie e differenze.

Tutela gas 2024: per quali clienti vulnerabili resta

Con la fine della maggior tutela sul mercato dell’energia, dal 10 gennaio 2024 si passa al mercato libero per la fornitura domestica di gas, mentre a luglio (dopo la mini-proroga) è il turno delle bollette dell’elettricità. In entrambi i casi, restano tutelati da tariffe ARERA solo i clienti considerati vulnerabili.

I requisiti di vulnerabilità cambiano per il mercato elettrico e per quello del gas.

Per quanto riguarda la bolletta del gas, che passa al mercato libero dal gennaio 2024, verranno considerati vulnerabili, e quindi continueranno ad avere tariffe ARERA, i seguenti utenti domestici:

  • in condizioni economicamente svantaggiate con ISEE fino a a 8.107,5 euro (articolo 1, comma 75, della legge 124/17);
  • con utenza in una struttura di emergenza dopo eventi calamitosi;
  • con età superiore ai 75 anni;
  • con disabilità ai sensi della 104 (articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104).

La confusione per molti utenti nasce dal fatto che i soggetti di cui al primo punto sono già titolari anche del Bonus Sociale per disagio economico, per cui si rischia di confondere i due strumenti.

A creare ulteriori dubbi sono le versioni personalizzate dei moduli inviati dai fornitori di energia, che in alcuni casi interpretano in maniera estensiva i requisiti, applicando il diritto alle utenze fruite dal soggetto vulnerabile anche se non è il diretto intestatario dell’utenza in questione ma ne rientra nel nucleo. Di norma, tuttavia,

  • per il gas si ha diritto alla maggior tutela se l’intestatario dell’utenza è la persona vulnerabile,
  • per la luce sono ammessi anche gli intestari di bollette nel cui nucleo abitativo c’è un soggetto che utilizza apparecchi elettrici salva-vita in casa (che peraltro ha/hanno anche diritto al bonus sociale elettrico per disagio fisico).

Come sapere se si è sul mercato libero o tutelato?

Tutte le informazioni sul contratto di ciascuna utenza (anagrafiche, contratti e misure) sono disponibili online sul Portale Consumi (www.consumienergia.it) dell’ARERA, accessibile con credenziali SPID.

  • Per il gas, la maggior tutela è indicata nella bolletta, in prima pagine insieme ai codici di fornitura.
  • Per la luce, oltre all’indicazione in bolletta c’è la considerazione che quasi tutte le forniture sul mercato tutelato sono del Servizio Elettrico Nazionale.

Cosa succede ai non vulnerabili

Chi è sul mercato tutelato ma non rientra nei vulnerabili, non subirà nessuna interruzione di fornitura del gas ma resterà temporaneamente con lo stesso fornitore di vendita, che però, dal 10 gennaio 2024, applicherà condizioni economiche differenti.

=> Bolletta Gas Non Vulnerabili: le offerte per chi non passa al Mercato Libero

Il prezzo della nuova tariffa è deciso dal venditore e rinnovato ogni 12 mesi, secondo quanto già comunicato per lettera inviata a settembre 2023. Sarà comunque possibile, per vulnerabili e non, passare al mercato libero con la stessa società o altro fornitore, negoziando le condizioni economiche di vendità in base alle rispettive offerte.

Come ottenere la bolletta per vulnerabili

Le tipologie di clienti vulnerabili (ad eccezione dei clienti con 104) automaticamente saranno riconosciute come tali continuando ad avere tariffe calmierate (perchè il fornitore conosce già sia l’età sia l’eventuale fruizione del Bonus Sociale con requisito ISEE o l’utenza presso strutture emergenziali).

Nel caso in cui questo non succedesse, si deve presentare domanda al proprio fornitore di energia, utilizzando l’apposito modulo di certificazione (Modulo gas) che è presente sul portale dell’Autorità per l’energia e che comunque tutte le società di distribuzione per legge devono aver inviato ai clienti a settembre 2023. Più nel dettaglio:

  • se si è già nel mercato tutelato: nei primi tre casi la permanenza nella maggior tutela è automatica, mentre nell’ultimo va comunicata tramite modulo;
  • se non si è già nel mercato tutelato ma si si vuole entrare: entro dicembre allora si deve darne comunicazione autocertificando il diritto per legge 104, mentre da gennaio si può contattare il servizio clienti del gestore per richiedere il passaggio al servizio di tutela della vulnerabilità.

=> Tariffa tutelata per Vulnerabili obbligatoria: procedura caso per caso

Tutela luce 2024: per quali clienti vulnerabili

La fine del mercato tutelato dell’elettricità è fissata il 1° luglio 2024. In questo caso, i requisiti di vulnerabilità per rimanervi sono leggermente diversi. L’utente deve:

  • trovarsi in condizioni economicamente svantaggiate con ISEE fino a a 8.107,5 euro (articolo 1, comma 75, della legge 124/17);
  • presentare una disabilità ai sensi dell’articolo 3 legge 104/92;
  • avere un’età superiore ai 75 anni;
  • trovarsi in gravi condizioni di salute tali da richiedere l’utilizzo di apparecchiature medico-terapeutiche salvavita alimentate da energia elettrica;
  • rientrare tra i soggetti presso i quali sono presenti persone che utilizzano in casa gli apparecchi salva-vita di cui al punto precedente;
  • avere un’utenza ubicata in una struttura abitativa di emergenza a seguito di eventi calamitosi;
  • avere un’utenza in un’isola minore non interconnessa;

Come si vede, sono ricomprese tutte le categorie definite vulnerabili anche per il mercato del gas, con l’aggiunta di due fattispecie: le condizioni di salute che necessitano di apparecchiature alimentate dall’energia elettrica e l’utenza nelle isole minori non interconnesse.

Il meccanismo è lo stesso: i clienti che ne hanno diritto o vengono automaticamente identificati come vulnerabili oppure possono farne richiesta presentando apposito modulo di autocertificazione (Modulo luce).

Gli utenti non vulnerabili, invece, passeranno al fornitore del mercato libero che si sarà aggiudicato l’asta, alle condizioni del Servizio a Tutele Graduali (STG).

Bonus Sociale per lo sconto in bolletta

I bonus sociali (elettrico, gas e idrico) sono agevolazioni differenti, previste sempre per legge, ed i cui beneficiari rientrano anche nel diritto al servizio di tutela per vulnerabilità.

  • Il bonus sociale per disagio economico spetta (per luce e gas) a chi si trova sotto una certa soglia ISEE (per i percettori di RdC spetta anche per l’acqua)
  • Il bonus sociale per disagio fisico spetta a chi usa apparecchi elettro-medicali salvavita in casa (per la bolletta della luce).

Bonus sociale per disagio economico: sconto luce e gas

Nel caso del bonus sociale per disagio economico i requisiti sono, alternativamente, i seguenti: ISEE non superiore a 9mila 530 euro, nucleo familiare con almeno quattro figli a carico (famiglia numerosa) e ISEE fino a 20mila euro, nucleo familiare titolare di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza.

Per il solo 2023, il bonus sociale è stato esteso a nuclei con ISEE pari a 15mila euro (legge 197/2022), oppure 30mila euro con almeno quattro figli a carico (dl 34/2023). Nell’ultimo trimestre del 2023 è stato poi previsto, per i beneficiari del bonus bollette, un contributo straordinario che cresce insieme al numero dei componenti del nucleo familiare. Questo contributo straordinario è prorogato anche dalla manovra 2024.

Anche per i bonus sociali c’è un automatismo, per cui vengono applicati senza presentazione della domanda alle famiglie che hanno presentato l’ISEE.

Bonus elettrico per disagio fisico

Il bonus elettrico per gravi condizioni di salute è  un’agevolazione che spetta in caso di grave malattia che richiede l’utilizzo di apparecchiature elettromedicali per il mantenimento in vita. Si può richiedere anche se il paziente non è il titolare della bolletta: basta che viva nell’abitazione per la quale si richiede il bonus.

Le apparecchiature elettromedicali salvavita che danno diritto al bonus sono state individuate dal decreto del ministero della Salute del 13 gennaio 2011.

In questo caso non ci sono automatismi e bisogna presentare domanda, utilizzando i moduli presenti sul portale ARERA, allegando un certificato ASL che attesti la situazione di gravità. Non serve invece l’ISEE, perché questa agevolazione non è legata alle condizioni economiche.

Il valore del bonus elettrico per disagio fisico è determinato dall’ARERA, in base a potenza contrattuale, apparecchiature elettromedicali salvavita utilizzate e tempo giornaliero di utilizzo.