Cessione crediti e sconto in fattura: procedura online

di Redazione PMI.it

scritto il

Guida all'uso della procedura telematica di comunicazione dell'opzione di cessione credito o di sconto in fattura al posto delle detrazioni edilizie.

Si chiama CCIRE ed è il software messo a punto dall’Agenzia delle Entrate per comunicare l’esercizio dell’opzione di sconto in fattura o di cessione del credito, riservata ai soggetti che hanno diritto alle detrazioni per interventi di riqualificazione energetica (ecobonus) e riduzione del rischio sismico (sismabonus), effettuati sulle singole unità immobiliari.

Cessione generica del credito

La comunicazione si effettua utilizzando la procedura telematica disponibile nella propria area riservata dei siti Entratel/Fisconline.

Dopo l’autenticazione, si deve seguire il percorso: La mia scrivania / Servizi per / Comunicare / “Comunicazione opzione cessione/sconto – ecobonus e sismabonus (singole unità immobiliari)”.

L’opzione di cessione del credito (che non riguarda il solo Ecobonus 110%) può essere esercitata con riferimento alle seguenti tipologie di interventi:

  • recupero del patrimonio edilizio (bonus ristrutturazione, Articolo 16-bis del TUIR)
  • efficienza energetica
  • adozione di misure antisismiche
  • recupero o restauro della facciata degli edifici (bonus facciate, Art. 1, commi 219 e 220, legge 160/2019)
  • installazione di impianti fotovoltaici
  • installazione di colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici (Art. 16-ter DL 63/2013).

Regole specifiche per il Superbonus

Per le spese sostenute negli anni 2020 e 2021 e che rientrano nell’ambito di applicazione del Superbonus 110% introdotto dal Decreto Rilancio,  la comunicazione si effettua con apposito modello a partire dal prossimo 15 ottobre.

Per i beneficiari, è infatti prevista la possibilità di sostituire la detrazione IRPEF con un contributo anticipato, sotto forma di sconto diretto dal fornitore dei beni o servizi oppure di cessione a soggetti terzi del credito corrispondente alla detrazione spettante (da ripartire tra gli aventi diritto in 5 quote annuali di pari importo, entro i limiti di capienza dell’imposta annua derivante dalla dichiarazione dei redditi).

I potenziali beneficiari:

  • condomìni
  • persone fisiche al di fuori dell’esercizio di attività di impresa, arti e professioni, che possiedono o detengono l’immobile
  • Istituti autonomi case popolari (IACP) o altri istituti con i requisiti di cui alla legislazione europea “in house providing”
  • cooperative di abitazione a proprietà indivisa
  • Onlus e associazioni di volontariato
  • associazioni e società sportive dilettantistiche, solo per lavori in immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.

I soggetti IRES sono ammessi solo se partecipano alle spese per interventi trainanti sulle parti comuni di edifici condominiali.

La cessione (a sua volta cedibile) può essere disposta in favore di:

  • fornitori dei beni e dei servizi necessari alla realizzazione degli interventi
  • altri soggetti (persone fisiche, anche esercenti attività di lavoro autonomo o d’impresa, società ed enti)
  • istituti di credito e intermediari finanziari.

I dati dei crediti ceduti saranno resi disponibili per l’accettazione da parte dei cessionari, da comunicare esclusivamente attraverso la “Piattaforma cessione crediti” (stesso percorso), attraverso cui potranno accettare o rifiutare i crediti ricevuti. Nel primo caso, i crediti saranno visibili nel “Cassetto fiscale” del cessionario e potranno essere utilizzati in compensazione tramite modello F24, oppure ulteriormente ceduti ad altri soggetti, tramite la medesima piattaforma.

Per utilizzare la procedura è stato predisposto un apposito Manuale.

I Video di PMI