Tratto dallo speciale:

Sgravio IRAP ma aumento aliquota: quali benefici per le imprese?

di LavoroImpresa

scritto il

Matteo RenziIl beneficio derivante dallo sgravio IRAP introdotto dal Ddl Stabilità 2015 rischia di essere vanificato dall’aumento dell’aliquota, più pesante già da quest’anno mentre invece i risparmi per le imprese con elevata incidenza del costo dei dipendenti a tempo indeterminato si avranno solo dal prossimo anno. Siamo alle solite: la norma è retroattiva quando si tratta di aumentare le tasse mentre non lo è quando si introducono agevolazioni.

=> Legge di Stabilità 2015: le novità IRAP, IRPEF e IVA

E’ durata poco la festa per le imprese, deluse ancora una volta da un finto taglio IRAP. Già, finto. Perché i benefici promessi da Renzi alle imprese dal 2015 sarà neutralizzato dall’incremento dal 2014 delle aliquote.

Infatti, se è vero che da un lato diventa integrale la deduzione del costo del lavoro per i dipendenti assunti a tempo indeterminato (ma solo per tre anni) è anche vero che l’aliquota IRAP sale al 3,9% rispetto all’attuale 3,5% (per sempre). Con l’aggravante che, mentre la deduzione sarà applicata a partire dal prossimo anno, l’aumento dell’aliquota si registra già dal 2014. Risultato: le imprese pagheranno di più. Con buona pace di chi aveva veramente creduto alle parole del premier.

Senza contare, poi, che mentre l’aumento è generalizzato, lo sconto spetterà solo a chi impiega lavoratori a tempo indeterminato. Ciò vuol dire che subiranno un aggravio IRAP quelle imprese che hanno stipulato prevalentemente contratti a termine o parasubordinati ovvero quelle imprese che riescono a conseguire ampi margini pur avendo un basso impiego di manodopera.

Fatte queste premesse sorge una domanda: se il governo ha realmente abbassato l’IRAP, quali sono i benefici per le imprese?