Il business? È solo un gioco…

di Paolo Iasevoli

scritto il

IBM e altre grandi multinazionali sono sempre più "ludiche": un videogame per lavorare (Innov8), un concorso con in palio una console... Ma c'è poco da scherzare

Nei prossimi anni lavorare in IBM potrebbe diventare un gioco. Anzi, un videogioco.

Big Blue sta puntando con decisione su un nuovo modo con cui far collaborare i proprio dipendenti, costruendo un mondo virtuale a 3 dimensioni in cui è possibile comunicare con colleghi e clienti di tutto il mondo e condividere progetti.

Si era già parlato di come questo rappresenti un trend molto in voga nelle grandi multinazionali, che hanno l’esigenza di gestire una forza lavoro sparsa in diverse Nazioni. Ma il fenomeno presenta risvolti interessanti anche per le imprese più piccole, offrendo loro la possibilità di entrare in contatto “faccia a faccia” con partner e clienti, indipendentemente dalla loro collocazione geografica. Non a caso Gartner stima che entro il 2012 tutte le aziende USA, di qualsiasi dimensione, avranno una versione “digitale” dei propri uffici.

Ma come appare esattamente un sistema del genere? Nel corso di una conferenza, IBM ha svelato pubblicamente il suo “videogioco” Innov8 attraverso un trailer, reso poi disponibile su YouTube.

Il protagonista del video è un avatar che rappresenta la versione digitale del lavoratore, intento a muoversi in un ambiente virtuale che riproduce un ufficio, con tanto di cubicoli, scrivanie e altri colleghi con cui interagire.

La gestione delle informazioni e dei progetti sembra essere “object-oriented”, con i numeri di telefono dei clienti rappresentati da cartelli rossi, grafici su cui lavorare appesi alle pareti e computer virtuali da usare in modo reale. La prima risposta del pubblico è sembrata entusiasta, ma bisognerà attendere Settembre per assistere alla commercializzazione del prodotto, che sarà regalato alle università e venduto alle aziende in diverse versioni tagliate su misura.

La voglia di giocare di Big Blue non si ferma qui. Ad Armonk sono fermamente convinti che giocare aumenti le capacità manageriali e relazionali, incrementando la bravura nel gestire progetti di lavoro. Per questo oggi IBM ha lanciato un concorso tra i suoi dipendenti intitolato War Of The Worlds, un videogioco in cui bisognerà iniziare nuove attività di business e gestire i clienti. Ai vincitori la console Wii di Nintendo, ovviamente.

E non è la sola. Tra le altri grandi aziende “ludiche” spiccano McKinsey, con un videogioco per testare le capacità di leadership, Philips e Johnson & Johnson con giochi virtuali per promuovere una collaborazione reale tra le diverse divisioni.