Performance Management in azienda

di Alessia Valentini

scritto il

Concetti chiave, normativa, studi e approfondimenti per familiarizzare con l'analisi delle prestazioni aziendali.

Quali sono le leve di successo e i segreti di un imprenditore di successo? Di certo, è necessario prima di tutto avere una conoscenza approfondita della propria area di business, nonchè un innegabile istinto per gli affari. Tuttavia, esistono anche numerose metodologie e strumenti di Performance Management, che costituiscono un corredo necessario per differenziarsi dai competitor di mercato e superare periodi di diffusa crisi finanziaria.

=> I migliori software di gestione performance

Performance Management

Una buona gestione dell’impresa implica una piena governance di diversi elementi strategici e gestionali: chiara vision del proprio core business, allineamento aziendale agli obiettivi strategici, gestione dei processi, individuazione delle criticità, creazione del valore. Tutte questo costituisce la disciplina di analisi delle prestazioni aziendali, comunemente chiamata CPM (Corporate Performance Management), o anche EPM (Enterprise Performance Management), BPM (Business Performance Management), SPM (Strategic Performance Management).

Per usare la definizione di Gartner, la gestione delle prestazioni aziendali è:

« l’insieme dei processi, metodologie, metriche e sistemi finalizzati a misurare e gestire le performance di un’organizzazione. Sono quindi comprese le metodologie di Budgeting, Planning e Forecasting, Analisi di Profittabilità e Ottimizzazione, Dashboard e Scorecard, Consolidamento e Reporting Civilistico, Gestionale e Finanziario».

La CPM si compone di due parti: CPM operativa e CPM analitica. La prima risponde alle necessità tipiche dei manager del settore Finanza mentre la seconda è rivolta alle esigenze di analisi e reportistica di dirigenti che lavorano in tutti i livelli dell’organizzazione, ed è spesso usata anche dai rivenditori, fornitori e partner.

=> Gestione dell’infrastruttura a misura di PMI

Obblighi normativi

Nel passato l’utilizzo di queste metodologie in Italia era pressoché nullo. Con l’introduzione del Regolamento n. 1606/2002, sull’adozione dei Principi contabili IAS/IFRS (International Accounting Standard / International Financial Reporting Standard) nell’Unione Europea, le aziende quotate in Borsa sono obbligate ad adottare i principi internazionali nei propri bilanci consolidati. Tuttavia, anche le società non quotate in Borsa si stanno allineando alle regole IFRS per avere una maggior visibilità sul mercato.

Scenario

La diffusione di metodologie e software orientate al CPM è costantemente aggiornata grazie ad appositi studi di settore sugli strumenti e tool per l’implementazione della CPM.

=> A che punto è il tuo controllo di gestione?

Le ricerche esaminano il panorama competitivo in cui si muovono le imprese, le conseguenze sulle performance aziendali e gli opportuni miglioramenti da apportare a livello di integrazione dei processi. I risultati che emergono puntano l’attenzione su:

1. Accelerazione dei processi di analisi e reportistica per ottimizzare i risultati periodici di performance – riducendo ad esempio la durata dei cicli di pianificazione ed effettuando chiusure più rapide – e forte convergenza fra strategie e processi di CPM.

2. Necessità di gestire in modo più accurato i processi di CPM introducendo anche il concetto di “comitato interno di performance management“, che coinvolge i responsabili di tutte le Business Unit (BU) aziendali.

3. L’utilizzo di piattaforme integrate che consentano la gestione unificata dei processi coinvolgendo l ‘ area IT per un approccio comune al PM e per trasformare la strategia aziendale in processi operativi grazie all’implementazione di software di BI.

Infine, segnaliamo i studi Gartner focalizzati sulle suite di prodotto che si occupano di CPM, formulando un quadrante magico di evidenzia milgiori prodotti e vendor. Una evidenza comune con gli studi sopracitati è l’uso della CPM ancora limitato ai reparti finanziari, che troppo spesso sono i primi sponsor di questo genere di iniziative in azienda. L’adozione della CPM non sembra essere ancora pervasiva a tutti i reparti aziendali, anche se è in crescita la sua adozione in modalità “enterprisewide” come approccio sistemico e strategico di gestione.