Aprire un’attività : quale? Come scegliere segmentando il mercato

di LavoroImpresa

scritto il

Chi decide di tentare il salto imprenditoriale va incontro ad una serie di decisioni, molte delle quali estremamente importanti poiché possono determinare riuscita o fallimento dell’idea di business.

Uno dei dilemmi è legato alla scelta del tipo di attività  da avviare. Basti pensare che su Google la frase “quale attività  aprire” viene cercata mediamente 2.400 volte al mese. Cerchiamo allora di capire come scegliere il core business valutando la segmentazione del mercato.

Avvio impresa => Scopri le agevolazioni

Segmentare il mercato significa individuare le nicchie favorevoli in cui proporre i propri prodotti al prezzo giusto, ossia quello che i consumatori sono disposti a pagare.

La segmentazione avviene suddividendo il mercato in parti che potremmo definire cluster. Di ogni cluster si dovranno specificare le caratteristiche e i comportamenti dei clienti nonché i margini di profitto, di diffusione e di espansione e le potenzialità  del business da avviare.

Mettersi in proprio => Leggi come scegliere in quale settore fare impresa

Per suddividere il mercato occorre individuare i potenziali consumatori e classificarli secondo diverse variabili:

  • psicografiche, in base ai loro atteggiamenti (tradizionalisti, innovatori, curiosi, ambizioni);
  • comportamentali, in base alle loro abitudini di acquisto (fedeltà  al marchio, frequenza degli acquisti, attrazione al prezzo);
  • geografiche, in base alle loro aggregazioni urbane;
  • economiche, in base al loro sesso, età , istruzione, classe sociale e capacità  economica.

La classificazione del mercato, inoltre, deve tenere conto anche dei soggetti ai quali il prodotto è diretto (consumatori, rivenditori, enti pubblici) e dei principali competitors (produttori, concorrenti).

Startup innovative => Scopri le agevolazioni del Dl Sviluppo

Il mercato dei consumatori, definito anche dell'utente finale, è prevalentemente interessato agli acquisti di prodotti e servizi e, in particolare, di beni durevoli, ossia quelli destinati a produrre la loro utilità  in un periodo medio-lungo, e beni non durevoli, ossia destinati a esaurirsi all'atto del loro consumo o utilizzo. I prodotti, inoltre, possono essere di largo consumo in quanto soggetti ad un utilizzo sufficientemente diffuso e prodotti speciali o a mercato ristretto in quanto limitati a particolari categorie di consumatori.