Tratto dallo speciale:

Criptovalute dannose per l’ambiente: alternative sostenibili

di Alessandra Caparello

15 Novembre 2022 11:00

Criptovalute alla prova della sostenibilità ambientale: dalla proof of work alla proof of stake per ridurre l'impatto del mining basato su blockchain.

Le criptovalute sono monete virtuali che non hanno corso legale in quasi nessun angolo del pianeta, tuttavia spostano da anni ingenti capitali. Oltre alle criticità legate alla mancanza di una vera regolamentazione, i detrattori delle criptomonete puntano il dito anche contro il loro impatto ambientale. Per fare un esempio, nelle attività di mining del Bitcoin, solo negli Stati Uniti si registrano 40 miliardi di tonnellate di emissioni di carbonio.

Spieghiamo in che modo le criptovalute sono dannose per l’ambiente e come ridurne l’impronta, nonché il consumo energetico.

Mining di criptovalute: cosa significa

Il termine mining deriva dall’inglese “to mine”, ovvero “estrarre” e dal sostantivo “mine”, letteralmente “miniera”. Il mining è dunque l’estrazione di criptovalute e viene eseguito dal computer. All’origine di questa attività c’è la blockchain, un “libro” senza un’unità centrale di controllo in cui vengono registrate tutte le transazioni eseguite con una delle migliaia di criptovalute esistenti.

Come l’industria mineraria, anche quella delle criptovalute determina infatti gravi ripercussioni sull’ambiente a causa del processo ad alta intensità energetica con cui vengono create le monete. Il mining richiede dunque ingenti investimenti tra software, hardware e manutenzione ma soprattutto ha ricadute negative sull’ambiente.

A differenza dell’industria mineraria, quella delle criptovalute potrebbe iniziare a cambiare il proprio modo di operare.

Qual è l’impatto ambientale delle criptovalute?

Per comprenderne l’impatto ambientale dobbiamo innanzitutto capire come vengono create le nuove monete di una criptovaluta. Poiché non sono regolate da un’autorità centrale, la blockchain si affida agli utenti per convalidare le transazioni e aggiornarla con nuovi blocchi di informazioni. E, per proteggersi dai malintenzionati che tentano di manipolare queste nuove informazioni, queste blockchain devono essere implementare il “proof of work”.

È il meccanismo più diffuso. Il proof of work è un meccanismo di consenso che abilita la convalida delle transazioni di criptovalute risolvendo un complicato problema matematico: la prima persona che risolve il rompicapo convalida la transazione e riceve una quantità fissa di criptovaluta, poi il ciclo ricomincia.

Quando qualcuno “estrae” criptovalute, in realtà sta eseguendo programmi sul proprio computer che cercano di risolvere il problema. Maggiore è la potenza del computer, maggiori sono le possibilità di ottenere il diritto di aggiornare la blockchain e di raccogliere i frutti. I miners sono quindi incentivati a mettere più potenza nelle loro operazioni di mining per battere la concorrenza.

“Ogni volta che un maggior numero di persone effettua il mining di Bitcoin, la concorrenza aumenta”, afferma Junior Theomou, fondatore di Miners DeFi, una società di mining di Bitcoin che opera grazie all’energia idroelettrica. “Più macchine ci sono sul mercato, più diventa difficile estrarre Bitcoin. Quindi ora c’è una competizione in atto, con sempre più macchine che fanno mining e competono tra loro”.

L’Università di Cambridge ha stimato che il Bitcoin da solo generi 132,48 terawattora (TWh) all’anno, il che supera facilmente il consumo energetico annuale della Norvegia, pari a 123 TWh nel 2020. La quantità di anidride carbonica emessa da questo utilizzo di energia varia a seconda del modo in cui l’energia è stata creata. Ma nel 2020, gli Stati Uniti – dove si svolge il 35,4% del mining di Bitcoin da quando la Cina ha vietato il mining di criptovalute nel 2021 – hanno creato quasi 40 miliardi di chili di anidride carbonica prodotti dal solo mining di Bitcoin negli USA.

Il futuro delle criptovalute e l’ambiente

Nonostante i progressi delle fonti alternative per la generazione di criptovalute, il mining proof of work non mostra alcun segno di rallentamento. Nel gennaio 2020, il consumo mensile di Bitcoin era stimato in 6,07 TWh, salito a 8,92 TWh nel gennaio 2021. A gennaio 2022, il consumo era di 10,95 TWh.

Il punto è trovare un modo sostenibile per fornire l’elettricità necessaria per la potenza di calcolo utilizzata da questi miners. Alcune criptovalute si stanno allontanando dal proof of work a causa della preoccupazione per l’ambiente.

Proof of stake: cosa significa

Ethereum, la seconda criptovaluta più scambiata sul mercato, per esempio ha attivato un meccanismo di proof of stake nel 2022 perché è più sicuro, consuma meno energia ed è migliore per implementare nuove soluzioni di ridimensionamento rispetto all’architettura di Proof of Work precedente.

Passare al proof of stake vuol dire che, per creare nuovi blocchi sulla blockchain Ethereum, non sarà più necessario risolvere calcoli crittografici con hardware dedicato ma sarà sufficiente una convalida degli stessi dopo avere impegnato 32 ether in un processo noto come “staking”. Non sarà più necessaria l’attività di mining con hardware dedicato che assorbe grandi quantità di energia.

Anche a livello individuale ci sono stati sforzi per ridurre le emissioni di carbonio. I Crypto Climate Accords hanno raccolto 250 firme di individui e aziende impegnandosi a ridurre le proprie emissioni di carbonio a zero entro il 2030 e a decarbonizzare l’intero settore delle criptovalute entro il 2040.

Tuttavia, Theomou sostiene che l’industria delle criptovalute non si allontanerà mai completamente dal Bitcoin, perché è altamente improbabile che il Bitcoin subisca cambiamenti drastici. “È sicuro così com’è solo perché non è mai cambiato. Ed è questo che la gente ama, sapere che è così e che sarà sempre così”, afferma Theomou.

Theomou sostiene che l’educazione alle criptovalute è l’aspetto più importante per la sostenibilità delle stesse. Poiché il Bitcoin è la moneta più conosciuta, è spesso il punto di partenza. “Più le persone imparano a conoscere le criptovalute, più imparano a conoscere tutte le opzioni, e possono facilmente decidere di non usare una criptovaluta e di usarne un’altra che sia più ecologica e che non usi la proof of work”, afferma. “Le opzioni ci sono, ma è necessario essere istruiti per vedere le possibilità di scelta”.