Tratto dallo speciale:

Investimenti esteri: nuovo sportello Entrate

di Noemi Ricci

scritto il

L'Agenzia delle Entrate ha dato il via al nuovo Desk per dare assistenza fiscale agli investitori esteri: i dettagli dell'iniziativa che rientra nel Piano “Destinazione Italia”.

L’Agenzia delle Entrate fa un nuovo passo avanti per rendere l’Italia maggiormente attrattiva per gli investitori esteri, dando il via ad un Desk dedicato, al quale gli imprenditori interessati ad avviare un’attività sul territorio nazionale potranno chiedere, per via scritta, assistenza e consulenza sul corretto adempimento degli obblighi fiscali.

Piano Destinazione Italia

Il punto di assistenza dedicato agli investitori stranieri è attivo presso il settore Fiscalità Internazionale e Agevolazioni della Direzione Centrale Normativa delle Entrate e rientra tra le iniziative previste dal Piano “Destinazione Italia” lanciato nei giorni scorsi dal Governo per favorire la ripresa economica del nostro Paese aprendo le porte alla globalizzazione.

Assistenza fiscale agli investitori esteri

Lo sportello istituito con provvedimento del direttore dell’Agenzia del 16 dicembre 2013 va quindi nella direzione di rafforzare la cooperazione tra imprese e amministrazione finanziaria, aumentando il livello di compliance. Il Desk oltre a fornire agli investitori stranieri un canale di assistenza qualificata su norme e adempimenti, si legge nel Provvedimento dell’Agenzia, “fornisce all’Amministrazione Finanziaria gli elementi per monitorare i criteri di natura fiscale che guidano le politiche di investimento delle imprese straniere in Italia, facilitando l’individuazione di misure atte ad attrarre i capitali esteri. I quesiti posti dai dagli imprenditori esteri interessati a effettuare investimenti nel territorio italiano e relativi a tematiche fiscali collegate ai progetti imprenditoriali da avviare sul territorio nazionale dovranno essere inoltrati al Desk dedicato tramite la casella di posta elettronica internationaltaxassistance@agenziaentrate.it. L’Agenzia precisa che alle risposte fornite ai quesiti non si applicano le disposizioni vigenti in tema di interpello. Per maggiori informazioni consulta il Provvedimento direttoriale dell’Agenzia delle Entrate.