Aumento IVA al 23%: servono misure anti deficit

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Se il Governo dovesse decidere di evitare l’aumento dell’IVA, magari in aggiunta al finanziamento della CIG e le missioni all’estero, è necessario trovare la copertura economica: questo il monito di Banca d’Italia.

L’Italia si trova ad un momento di svolta perché deve decidere quali strade percorrere nel prossimo futuro, soprattutto in relazione ai temi IVA e CIG (Cassa Integrazione Guadagni).

Qualora il Governo decidesse di finanziare la CIG ed evitare l’aumento dell’IVA al 23%, che altrimenti scatterebbe nel mese di luglio, dovrà prendere provvedimento quanto prima per trovare la copertura.

=> Leggi dell’aumento IVA previsto a Luglio 2013

Se questo non succederà, si rischierebbe di sforare il tetto del 3% del rapporto deficit/PIL, considerando anche i soldi necessarie alle missioni all’estero delle quali si parla frequentemente in questi giorni.

Ad affermarlo è il direttore centrale per la ricerca economica e le relazioni internazionali della Banca d’Italia Daniele Franco nel corso di un’audizione, che sottolinea come «nella categoria delle spese obbligatorie ci sono le missioni all’estero e la CIG, se a queste si volesse aggiungere l’IVA sarebbero ulteriori 2 miliardi. Se questi miliardi, siano essi solo CIG e missioni, o anche IVA, venissero aggiunti al disavanzo si andrebbe ampiamente oltre il 3% e questo darebbe qualche problema in termini di segnale ai mercati».

=> Leggi di più sull’IVA

Qualsiasi cosa si decida occorre «decidere presto» – prosegue il direttore – che ritiene necessaria un’immediata azione di Governo al fine di riuscire a trovare in tempo utile «le compensazioni opportune».

I Video di PMI