Tratto dallo speciale:

Moda, export e paesi Bric – 3

di Filippo Davide Martucci

scritto il

Il mercato della moda vede la ripresa nel 2011, ma la crisi pesa ancora: i consumi in Italia e in Europa sono deboli. Bisogna puntare su export e paesi Bric. L'analisi.

Tutto questo mentre la legge Reguzzoni-Calearo-Versace, che prometteva di istituire e regolamentare l’obbligo di etichetta, è ancora ferma in attesa del via libera della Commissione Europea, autorità competente su queste tematiche, e mentre un centinaio di aziende del sistema moda, molte delle quali del comasco, hanno elaborato e messo in pratica forme di autocertificazione che garantiscano la provenienza e il tipo di lavorazione dei prodotti.

«Per conquistare i paesi in via di sviluppo è fondamentale utilizzare bene i fondi per la promozione, senza spenderli in mille rigagnoli. Anche perché i nostri concorrenti, a partire da Francia e Germania, non stanno certo a guardare» ha affermato Michele Tronconi, presidente di Sistema Moda Italia, auspicando al tempo stesso la razionalizzazione dell’Istituto del Commercio Estero, per facilitare le imprese a costruire una preparazione efficace e a mettere a punto strategie adeguate. Oggi sono poche le aziende che vantano una presenza in questi mercati, e in molti casi si tratta di quelle che hanno compreso che produrre in Italia e vendere in Cina è impensabile, mentre è necessario cercare un’azienda che possa applicare le conoscenze e le tecniche in loco, disponendo magari già di una distribuzione adeguata.

foto: Camera Nazionale della Moda Italiana

I Video di PMI

Italia fuori dall’Euro: le ragioni del sì e del no