Carisbo e Unindustria e Carige in supporto alle Pmi

di Redazione PMI.it

scritto il

In aiuto delle Pmi arrivano l'accordo tra Carisbo e Unindustria Ferrara e due nuove tipologie di prestiti dal Gruppo Banca Carige, volti a sostenere le imprese sul fronte della liquidità e della patrimonializzazione

Una boccata di ossigeno per le Pmi ferraresi e genovesi: le prime grazie al nuovo accordo tra Carisbo (Gruppo Intesa Sanpaolo) e Unindustria Ferrara volto a promuovere misure di garanzie di credito per il sistema produttivo, le seconde grazie a due nuove tipologie di finanziamento del Gruppo Banca Carige.

In entrambi i casi, l’obiettivo è intervenire sulla liquidità e sulla patrimonializzazione delle imprese di piccole e medie dimensioni.

L’accordo tra Unindustria e Carisbo si inserisce nell’ambito della convenzione nazionale siglata dello scorso luglio tra Gruppo bancario e Confindustria, che prevede un plafond complessivo di 5 miliardi di euro.

Grazie ad esso, il Gruppo Intesa Sanpaolo ha anticipato la moratoria ABI-Governo, arrivando ad oggi a sospendere oltre 2.800 pagamenti rate di mutui o leasing.

L’intesa con Unindustria Ferrara, anch’essa impegnata nel sostenere le imprese associate nell’accesso al credito, va oltre la moratoria prevedendo iniziative volte a soddisfare il fabbisogno di liquidità delle aziende, fornire continuità ai flussi di credito, gestire in forma flessibile i finanziamenti in corso, favorire interventi di rafforzamento patrimoniale delle aziende e rendere più agevole l’accesso al credito.

Mentre i nuovi prestiti del Gruppo Banca Carige mirano a sostenere le Pmi nella ricapitalizzazione, mediante strumenti finanziari interni ed esterni. I prestiti concessi avranno un importo pari all’aumento di capitale versato.

Il secondo obiettivo a cui punta la campagna creditizia del Gruppo Carige è il supporto alle politiche di investimento delle aziende. In questo caso i prestiti che potranno coprire fino al 66% del valore del nuovo programma di investimento.

Per entrambe le tipologie di prestiti verranno applicate le migliori condizioni di mercato secondo il merito creditizio delle aziende.