Nobel Economia a Ostrom e Williamson: cooperazione e governance alternative

di Redazione PMI.it

scritto il

La commissione di Stoccolma assegna il Nobel per l'Economia all'esperta di cooperazione Elinor Ostrom, e al padre dell'Economia Neo-Istituzionalista Oliver Williamson

L’Economia accoglie nel mainstream nuovi filoni di pensiero sociale: il Nobel per l’Economia 2009 è andato a Elinor Ostrom e Oliver Williamson, ai quali è stato assegnato il prestigioso riconoscimento per i loro studi sull’organizzazione della cooperazione nella governance economica e le teorie sui costi di transazione.

Elinor Ostrom è una delle eccellenze nell’analisi del rapporto tra uomini e ambiente, ovvero della gestione delle risorse comuni e del ruolo delle istituzioni preposte alla loro efficace gestione.

Il merito riconosciuto all’economista è dunque di aver dimostrato che la proprietà pubblica può essere gestita da associazioni di utenti.

A Oliver Williamson è stato invece riconosciuto l’impegno su analisi dei confini nell’impresa e risoluzione dei conflitti aziendali.

È il creatore della cosidetta Economia Neo-Istituzionalista – o Economia dei costi di transazione – alla base della moderna sociologia economica: ogni organizzazione economica nasce dal tentativo di minimizzare i costi di transazione e di governance economica che si sviluppano in contesti caratterizzati da contratti incompleti, investimenti specifici, razionalità limitata e opportunismo.

Williamson, è stato spiegato «ha mostrato che i mercati e le organizzazioni gerarchiche, a riflesso di quanto avviene nelle aziende, hanno strutture di governance alternative che si differenziano per il modo diverso di risolvere i conflitti di interesse».