Milano aperta ai paesi della nuova Ue: +21% imprese rumene

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

In aumento il tasso di incidenza delle imprese estere nel territorio italiano. Milano in testa, con la presenza di imprese dalla Romania in crescita del 21%

Gli imprenditori esteri continuano a investire in Italia avvviando nuove aziende sul territorio. Il maggiore tasso di crescita è legato ai nuovi paesi Ue, capitanati dalla Romania che vive un momento di forte espansione imprenditoriale.

È quanto emerge dall’analisi dei dati realizzata dalla Camera di commercio di Milano, a partire dalle informazioni presenti nel Registro delle Imprese.

Soprattutto nel Nord d’Italia, molte nuove start-up sono dovute a iniziative rumene, con un’impennata 2007-2008 di oltre il 21% nella provincia di Milano, che detiene il terzo posto sul totale nazionale, registrando solo nell’area comunale una crescita del 16.1%.

A conti fatti, il numero di imprese individuali attive nel 2008 è nel complesso pari a 2.347, disseminate in tutta la provincia, mentre sono poco meno di 670 quelle all’interno del comune.

Il dato diventa ancora più significativo se considerato l’arco di tempo 2006-2008. In questo caso, subito dopo l’ingresso della Romania nella Ue le imprese di nuova creazione hanno evidenziato un +71,3% in provincia e un +52% nella metropoli.

Gli imprenditori che si lanciano nell’avventura italiana sono in maggioranza giovani e di sesso maschile (solo 1/10 le donne), con età non superiore ai 49 anni, di cui il 20% non raggiunge i 30. Secondo le stime il trend non cesserà nel 2009, che già nei primi quattro mesi ha assistito alla nascita di 292 imprese totali.

I Video di PMI

Pensioni: tutti i modi per ritirarsi nel 2020-21