Tratto dallo speciale:

Cumulo professionisti, circolare in arrivo

di Barbara Weisz

scritto il

Ministero del Lavoro annuncia imminente circolare INPS con le istruzioni per il cumulo contributi dei professionisti previsto dalla legge di Stabilità ai fini della pensione.

L’INPS sta mettendo a punto il provvedimento attuativo per consentire il cumulo contributi per la pensione agli iscritti presso le casse previdenziali dei professionisti. La circolare è attesa «in questi giorni»: lo ha dichiarato Luigi Bobba, sottosegretario del Ministero del Lavoro, rispondendo a specifica interrogazione parlamentare in commissione Lavoro alla Camera. Quindi, un rappresentante del Governo ha assicurato in una sede istituzionale che l’atteso documento di prassi è in dirittura d’arrivo.

=> Cumulo contributi pensione negato ai professionisti

Si tratta dell’attuazione di quanto previsto dalla Legge di Stabilità 2017, che ha esteso agli iscritti alle casse professionali private la possibilità di cumulo gratuito dei contributi, precedentemente riservata agli assicurati presso e gestioni INPS. Non solo: la Legge di Bilancio ha previsto che il cumulo possa essere utilizzato, oltre che per il raggiungimento della pensione di vecchiaia, anche per maturare il trattamento anticipato.

La nuova opzione è già operativa per gli iscritti alle gestioni INPS, mentre deve essere regolamentata dal provvedimento di prassi per i professionisti. Il motivo del ritardo, notevole, riguarda la difficoltà di armonizzare le regole delle diverse gestioni dei requisiti contributivi per il raggiungimento della pensione. Questo perchè la legge prevede che il cumulo si eserciti calcolando pro quota la pensione in base ai regolamenti specifici delle diverse gestioni previdenziali.

=> Cumulo contributi pensione, le regole per i professionisti

La circolare chiarirà tutti gli aspetti operativi e renderà efficace la norma. Il sottosegretario ha tenuto a precisare che:

«le disposizioni introdotte con la legge di Bilancio non richiedono l’adozione né di atti di indirizzo né di disposizioni applicative».

Traduzione: il ritardo non è attribuibile al Governo. Sono l’INPS e le casse dei professionisti che devono adeguare le proprie procedure amministrative «per la completa ed effettiva operatività del nuovo istituto previdenziale».

=> Cumulo contributi pensione, le istruzioni INPS

Come noto, ci sono già le disposizioni di prassi per il nuovo cumulo contributi per gli iscritti INPS, previste dalla circolare 60/2017, nella quale l’istituto di previdenza ha annunciato una successiva circolare con le istruzioni applicative per il cumulo dei periodi assicurativi non coincidenti anche presso le Casse professionali.

I Video di PMI

Quota 100: regole, pro e contro