Tratto dallo speciale:

In pensione a 70 anni: il requisito trappola

di Chiara Basciano

scritto il

Gli attuali requisiti per l'accesso alla pensione, previsti dalla Riforma Fornero, prevedono un importo minimo di assegno maturato, diversamente si resta al lavoro oltre i 70 anni.

In attesa che il Governo Gentiloni definisca misure agevolative per le pensioni future dei giovani e non solo (Riforma Poletti – fase 2) e nuovi strumenti di flessibilità in uscita (Legge di Bilancio 2018), è utile ricordare che tra i vincoli della Riforma Fornero per l’accesso alla pensione di vecchiaia –  l’unico trattamento che rimarrà nel lungo periodo con l’eliminazione di quello di anzianità basata sugli anni di contribuzione – c’è non solo l’aumento dell’età pensionabile (considerando anche gli scatti dovuti all’adeguamento alle aspettative di vita, sul cui automatismo è aperto il dibattito con i sindacati), ma anche il requisito trappola dell’importo minimo, che costringerà i futuri pensionati a rimanere al lavoro anche fino a 70 anni.

=> Pensioni: le novità del sistema previdenziale

In generale, per ottenere l’assegno previdenziale è necessario che il lavoratore abbia raggiunto l’età anagrafica (a regime, 66 anni e 7 mesi) e, in caso di primo accredito contributivo versato dopo il 1° gennaio 1996, che abbia versato un determinato numero di contributi. Non solo. Quello che non tutti sanno è che, per ottenere la pensione di vecchiaia prevista dalla Riforma Fornero è altresì necessario che l’assegno raggiunga, con i contributi versati, un importo minimo. Altrimenti sarà necessario rimanere al lavoro fino a 70 anni.

In particolare, l’importo della pensione non dovrà essere inferiore a 1,5 volte l’importo dell’assegno sociale, altrimenti si resta al lavoro fino ai 70 anni più 3 mesi, ferma restando un’anzianità contributiva effettiva di cinque anni, esclusi eventuali contributi figurativi.

Alla luce delle simulazioni effettuate tramite il servizio INPS La mia Pensione Online: un lavoratore “medio” di 40 anni con stipendio di 1500 euro netti e quindici anni di contributi alle spalle, da qui a quando raggiungerà l’eta teoricamente pensionabile potrebbe non arrivare neppure a questo minimo (calcolato ad oggi, circa 700 euro di pensione al mese): per arrivare a circa mille euro dovrebbe infatti lavorare sempre e con un stipendio non inferiore a quello attuale. Una garanzia che non certo tutti hanno.

=> Pensioni giovani, la proposta del Governo

Nel mercato del lavoro di oggi, caratterizzato da carriere discontinue e retribuzioni spesso piuttosto esigue, è ancor più facile che gli under 30 di oggi arriveranno all’età della pensione con l’impossibilità di accesso all’assegno previdenziale con i requisiti anagrafici standard. Una situazione che rende ancora più urgente una revisione del sistema previdenziale italiano.