Avvio Srl semplificata, requisiti e costi

di Barbara Weisz

scritto il

Boom di Srl semplificate (Srl a 1 Euro) in Italia, esenti da spese notarili e diritti di bollo: requisiti, costi e procedure per le Srls.

Lo scorso anno, quasi la metà di tutte le Srl avviate in Italia è stato del tipo semplificato (c.d. “a un euro”, ossia con capitale sociale minimo di un euro e massimo di 9.999 euro).

La disciplina sulle Srl semplificata (società a responsabilità limitata a 1 euro) è stata perfezionata con il Decreto Lavoro 2013, che ha eliminato alcuni paletti di quella originaria del 2012 lasciando intatte tutte le agevolazioni in materia di minori costi di avvio e di statuto standard – integrabile ma inderogabile rispetto ai suoi tratti distintivi (parere MiSE 43644/2012). V

ediamo dunque come aprire una srl semplificata e quanto costa.

Requisiti per aprire una Srls

L’atto costitutivo deve essere redatto per atto pubblico e contenere i dati anagrafici e requisiti della società, indicati all’articolo 3 del Dl 1/2012 convertito con la legge 27/2012, che ha introdotto l’articolo 2463-bis del Codice civile, modificato dal comma 13 dell’articolo 4 del decreto lavoro (Dl 76/2013):

  • La denominazione sociale contiene l’indicazione di società a responsabilità limitata.
  • Il capitale sociale è compreso fra uno e 9.999 euro, è sottoscritto e interamente versato alla data della costituzione. Il conferimento deve essere in denaro e versato all’organo amministrativo.
  • Vanno indicati gli amministratori (che, rispetto alla regola originaria, non devono più essere soci).

=>Srl semplificata: scarica Statuto e atto costitutivo

Adempimenti e costi

  • Non si paga. Per l’atto costitutivo, il notaio controlla i requisiti senza chiedere onorari ed entro 20 giorni deposita l’atto presso l’Ufficio del Registro Imprese tramite software ComUnica, senza spese per i diritti di segreteria e bollo.
  • Si paga. I costi dovuti sono il diritto annuale alla Camera di Commercio, l’imposta di registro, la denuncia inizio attività.

Un discorso a parte meritano i costi relativa alla tassa di concessione governativa per i libri sociali.

Per le Srls, infatti, c’è l’obbligo di contabilità ordinaria, nonché di deposito del bilancio di esercizio presso il registro imprese e di tenuta dei libri sociali.