SISTRI: aperto il bando per il nuovo sistema

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Consip indice la gara per la concessione del SISTRI, per conto del Ministero dell’Ambiente: i dettagli.

Aperto un nuovo bando per la concessione del nuovo SISTRI, il sistema informatico per la tracciabilità dei rifiut pericolosi che non è mai realmente decollato in Italia. La nuova gara è stata indetta da Consip per conto del Ministero dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM), l’obiettivo è di riuscire finalmente a realizzare un sistema moderno ed efficace per contrastare le eco-mafie. La gara, precisa Consip:

“Recepisce le indicazioni emerse dalla consultazione pubblica indetta da Consip nello scorso mese di aprile e rivolta alle organizzazioni appartenenti alle categorie di soggetti utenti del SISTRI (produttori, trasportatori, smaltitori) e al mercato di riferimento (produttori di software gestionali e operatori del mercato IT), al fine di raccogliere contributi in merito alla possibilità di evoluzione del sistema di tracciabilità dei rifiuti”.

=> SISTRI 2015: novità e approfondimenti

Per il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti:

«Con l’avvio della gara Consip si apre, nel pieno rispetto dei tempi previsti, un nuovo corso per il SISTRI. Entro la fine di quest’anno vogliamo raggiungere il nostro obiettivo: dotarci di un nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti tecnologicamente avanzato, efficace e in grado di rappresentare per le imprese, le cui istanze sono state pienamente recepite, la garanzia di operare nella trasparenza e nella legalità».

Bando

Si tratta di un bando a procedura ristretta – a lotto unico – per la concessione del Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI), del valore stimato di 260 milioni di euro, il cui obiettivo è quello di garantire al mercato la possibilità di definire gli adeguati raggruppamenti di imprese per la gestione dei servizi richiesti.

Valutazione delle proposte

La gara prevede due fasi:

  • prima fase: pubblicazione di un bando di prequalifica;
  • seconda fase: invio della lettera di invito ai concorrenti qualificati.

Le proposte presentate verranno valutate sulla base dell’offerta economicamente più vantaggiosa in base ai criteri che saranno specificati nella lettera di Invito a presentare offerta. All’offerta verranno attribuiti punteggi sia tecnici che economici, per un massimo rispettivamente di 60 e 40 punti.

=> SISTRI: contributo 2015 in scadenza

Nuovo SISTRI

Più in dettaglio la concessione prevede l’affidamento della:

  • tracciatura dell’intero ciclo di vita del rifiuto attraverso i registri di carico e scarico (produttore e smaltitore), le schede di movimentazione (produttore e trasportatore) in modo da produrre in automatico il MUD ed avere quindi una contabilità del rifiuto chiara e definita;
  • registrazione dei percorsi in modalità offline, in linea con l’attuale normativa, con un modello in grado di evolvere in funzione delle nuove normative europee in fase di diffusione.

Il tutto anche mediante lo svolgimento di:

  • servizi operativi, inerenti la tracciabilità del rifiuto, la registrazione dei percorsi, la gestione del contributo, il supporto agli utenti e la disponibilità delle informazioni;
  • servizi strumentali, ovvero attività funzionali all’erogazione dei servizi concessori, quali la presa in carico del sistema, la gestione delle infrastrutture, la manutenzione e l’evoluzione del sistema informativo, il call center.

Il contratto avrà una durata di 60 mesi dalla sua data di sottoscrizione, più ulteriori eventuali 24 mesi.

.

I Video di PMI

Guida al SISTRI