Eolico: le potenzialità del vento come unica fonte di energia

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

L'Eolico potrebbe teoricamente soddisfare la domanda mondiale di energia pulita, ma nella pratica le imprese del settore devono fare i conti con pochi incentivi e tanta burocrazia.

L‘energia eolica potrebbe – almeno a livello teorico – soddisfare integralmente il fabbisogno energetico planetario: resta dunque cruciale investire su questa fonte rinnovabile.

Uno studio pubblicato su “Nature Climate Change” ha quantificato l’energia potenzialmente ricavabile dal vento in ben 2.200 TW (terawat): 400 TW generati dai campi a terra e 1.800 TW prodotti da strutture in alta quota.

Se si pensa che il fabbisogno energetico globale è fissato a 18 TW, si può capire come l’elettricità generata dai campi a terra potrebbe già da sola contribuire enormemente alla generazione di energia pulita.

Una riflessione che dovrebbe fungere da traino per gli investimenti, a tutto vantaggio delle aziende dell’Eolico.

Naturalmente si tratta di valori teorici e che non tengono conto delle conseguenze apportate a livello ambientale dagli impianti eolici; si tratta tuttavia di numeri impressionanti, 20 volte superiori, nel caso dei soli impianti a terra, all’attuale fabbisogno mondiale di energia elettrica.

In Europa l’Eolico si è ritagliato una fetta complessiva del 21,4% in termini di capacità elettrica complessiva 2011. In pratica, un meritato terzo posto dopo Fotovoltaico (46,7%) e gas naturale (21,6%).

In Italia siamo al 3% del fabbisogno nazionale, ma i tagli apportati dal Governo agli incentivi statali per le Rinnovabili, comprese quelle diverse dal Fotovoltaico: il Decreto sulle Rinnovabili Elettriche rischia di penalizzare il settore a causa delle eccessive restrizioni e per il periodo transitorio troppo breve tra vecchio e nuovo regime di incentivazione.

Non solo: anche i costi e i tempi della burocrazia (aste e registri) rischiano di oscurare la stella dell’Eolico italiano.