Occupazione e maternità: incentivi alle PMI emiliane

di Teresa Barone

scritto il

Dalla Provincia di Piacenza arrivano contributi alle imprese per la stabilizzazione delle madri lavoratrici: contributi fino a 1000 euro in aggiunta agli incentivi nazionali.

La Provincia di Piacenza favorisce l’inserimento o il reinserimento nel mercato del lavoro delle giovani madri titolari di un contratto di lavoro atipico, stanziando contributi a beneficio delle imprese e delle società cooperative attive nel territorio.

Incentivi occupazione giovani madri

Destinatarie del bando a favore dell’occupazione femminile sono le giovani madri iscritte alla “Banca dati giovani genitori” gestita dall’INPS, di età compresa tra i 30 e i 35 anni e titolari di un rapporto di lavoro a tempo determinato, in somministrazione, lavoro intermittente, lavoro ripartito, contratto di inserimento, collaborazione a progetto o occasionale, lavoro accessorio, collaborazione coordinata e continuativa.

I datori di lavoro che desiderano usufruire degli incentivi non devono aver effettuato licenziamenti nei sei mesi precedenti l’erogazione dei contributi, e non devono sussistere sospensioni dal lavoro o riduzioni dell’orario di lavoro per crisi aziendale, ristrutturazione, riorganizzazione o riconversione industriale.

Gli incentivi sono concessi per le assunzioni a tempo indeterminato, anche parziale, e consistono in un contributo forfettario provinciale di 1000 euro che può essere erogato in aggiunta a quello nazionale di 5 mila euro.

Il bando è pubblicato sul sito della Provincia di Piacenza