Agevolazioni ICT per Micro e Piccole Imprese

Risposta di

Barbara Weisz

scritto il

Sandro chiede

Siamo una micro impresa con sede legale Milano e operativa a Vercelli. Dobbiamo sostituire tutti gli apparati telefonici a partire dal centralino e sostituire tutte le postazioni di lavoro con nuovi PC, Tablet, Portatili, vogliamo investire su nuovi programmi gestionali e di supporto alle vendite. Ci sono delle agevolazioni a livello nazionale e/o regionale per questi investimenti?

Barbara Weisz risponde

Ci sono diverse agevolazioni per la digitalizzazione delle PMI. Le due misure più importanti, a livello nazionale, sono

  • il credito d’imposta per la trasformazione 4.0, che prevede aliquote diverse a seconda del tipo di investimenti che l’azienda intende effettuare
  • la Nuova Sabatini, che finanzia in modo agevolato l’acquisto di macchinari e software.

Il credito d’imposta 4.0 applicato al vostro caso, dovrebbe essere quello previsto dal comma 1054 della Manovra di Bilancio 2021 (legge 178/2020), sui beni tecnologici e software, che è al 10% fino a una spesa massima di 2 milioni di euro per i beni materiali e di 1 milione di euro per i software. In realtà, c’è la possibilità di alzarlo al 15% nel caso in cui i beni acquistati siano destinati alla realizzazione di modalità di lavoro agile: se gli investimenti che voi state facendo abilitano lo smart working è possibile che possiate utilizzare l’aliquota al 15%.

=> Transizione 4.0: come ottenere gli incentivi

La Nuova Sabatini invece finanzia l’acquisto di beni strumentali delle imprese in modalità agevolata, e consiste sostanzialmente in un prestito agevolato per investimenti dai 20mila ai 4 milioni di euro, con un contributo statale a copertura degli interessi.  Nel vostro caso, i macchinari non mi pare rientrino nella definizione 4.0, quindi il contributo statale dovrebbe essere al 2,75%.

=> Nuova Sabatini 2021: online modulo di domanda

Infine, per quanto riguarda eventuali incentivi regionali, non mi pare che in questo momento ci siano agevolazioni attive in Lombardia e Piemonte, ma la cosa migliore è sempre quella di tenere d’occhio la sezione dedicata ai bandi per le imprese dei portali delle Regioni, e delle associazioni imprenditoriali.