Credito al consumo: trend sui prestiti 2011 in Italia

di Francesca Pietroforte

scritto il

Analisi dell'Osservatorio mensile di Assofin sui primi quattro mesi del 2011 sul credito al consumo in Italia.

Il credito al consumo sostiene da anni gli acquisti dei privati, e indirettamente il business di molte Pmi, soprattutto da quando la recessione ha ridotto drasticamente la liquidità di cassa e la domanda di mercato è crollata. Lo strumento, che consente di dilazionare i pagamenti a costi sostenibili, è una sorta di manna dal cielo in un periodo di crisi come quello da cui il sistema economico nazionale sta cercando di uscire.

Il primo giugno 2011, tra l’altro, è entrata in vigore la nuova normativa sul credito al consumo, che impone a banche e istituti di credito maggiore trasparenza e precisi obblighi informativi su prestiti e finanziamenti, a tutto vantaggio dei consumatori e della libera concorrenza nell’accesso al credito.

L’Osservatorio Assofin ha analizzato l’andamento del credito al consumo nei primi 4 mesi del 2011 (finanziati acquisti per 17,7 miliardi di euro).

Il saldo è rimasto negativo (-3,4% dopo il -5,3% del 2010) ma segna comunque una lieve ripresa dei consumi: 53 miliardi di euro di valore.

Sembra dunque materializzarsi una lenta ma graduale risalita dopo una vera e propria paralisi che, secondo l’Istat, ha riguardato soprattutto i beni durevoli.

I prestiti finalizzati (quando il cliente è obbligato all’acquisto di un bene di consumo specificandone la finalità all’istituto finanziatore) sono calati del 13,3%, anche a causa della brusca discesa fatta registrare dall’acquisto a rate di automobili e motociclette (-17,1%) e del fatto che tali prestiti non sono erogati direttamente, ma attraverso un intermediario (con aumento dei costi e riduzione della fidelizzazione).

Per quanto riguarda i prestiti personali, si segna invece una tendenza positiva (soprattutto quelli fino a 75 mila euro, +8,4%), anche se si riducono gli acquisti a rate.

In merito alla cessione del quinto dello stipendio, si registra un calo (-9,7%, per un volume d’affari complessivo di 1,4 miliardi di euro) a causa della stretta creditizia attuata dalle compagnie di assicurazione, che richiedono oggi requisiti più elevati prima di elargire i finanziamenti in favore dei dipendenti di aziende private. Il decremento è dovuto anche al divieto della Banca d’Italia di applicare rinnovi delle polizze prima della scadenza e ha chiesto una maggiore attenzione agli istituti di credito.

Dall’analisi geografica, che si riferisce però al 2010, appare evidente come al Sud si sia registrato il calo maggiore dei finanziamento a rate con un -8,9% (contro il -2,8% del Nord Ovest, il -3,7% del Nord Est, il 5% del Centro e il -6% delle Isole) trainato dal -11,7% del Molise, dal -11,2% della Campania e dal -9,1 della Puglia. Secondo gli esperti, il 2011 dovrebbe essere ancora un anno di transizione, dominato da un andamento stazionario con alcune punte di ripresa nel secondo semestre.