Tratto dallo speciale:

Prestiti garantiti al 100% fino a 30mila euro

di Barbara Weisz

scritto il

I prestiti garantiti salgono al 100% fino a 30mila euro, requisiti di fatturato con autocertificazione, importo del finanziamento con criterio alternativo, restituzione in dieci anni, adeguamento (previo disco verde UE) per i prestiti finora concessi.

I prestiti con garanzia del Fondo PMI salgono a 30mila euro: è una delle novità inserite nella legge di conversione del Decreto Liquidità Imprese, che introduce anche regole più flessibili e procedure più veloci per ottenere il finanziamento. Per esempio, viene estesa ai prestiti coperti al 100%, come requisito alternativo al 25% del fatturato, quello del doppio della spesa per il personale. Ma soprattutto, l’ammontare dei ricavi 2019 può anche essere dichiarato con autocertificazione.

Altre due importanti modifiche introdotte all’articolo 13, lettera m, del dl 23/2020: PMI e Partite IVA possono ottenere copertura al 100% sia in garanzia diretta sia in riassicurazione per un finanziamento fino a 30mila euro (precedente tetto: 25mila euro); la durata dell’ammortamento si estende: il prestito non va più restituito entro sei anni ma le rate possono prolungarsi fino a dieci anni, anche se resta fermo il preammortamento di 24 mesi (inizio restituzione dopo due anni dal prestito).

=> Decreto liquidità imprese: i prestiti per le PMI

Finanziamenti in essere

Le imprese che hanno già chiesto e ottenuto il prestito, se hanno i requisiti possono aver diritto a una somma più alta e a migliori condizioni. Ecco perché è stata inserita la lettera m-bis nell’articolo 13: per i prestiti già concessi fino alla data di entrata in vigore della legge di conversione, i soggetti beneficiari possono chiedere, con riguardo all’importo finanziato e alla durata, l’adeguamento del finanziamento alle nuove condizioni.

Si attendono però chiarimenti operativi: sembra  infatti probabile che, per attuare la nuova disposizione, sia necessaria una nuova autorizzazione da parte della Commissione UE. La norma ( lettera m dell’articolo 13 del decreto Liquidità Imprese) lo prevede esplicitamente. E la stessa ABI (Associazione Banche Italiane) vi fa riferimento, auspicando che arrivi al più presto per la piena entrata in vigore delle modifiche apportate dal Parlamento, che «dovrebbero contribuire a velocizzare le procedure in particolare dei finanziamenti fino alla nuova soglia di 30mila euro».

Importo del prestito

I 30mila euro sono il tetto massimo, ma non è detto che ogni impresa possa ottenere questa somma in prestito. Il finanziamento non può essere superiore a uno di questi due fattori (alternativi, a scelta):

  • il 25% del fatturato 2019;
  • il doppio della spesa salariale annua 2019 (o dell’ultimo anno disponibile), comprendendo oneri sociali e costo del personale che lavora nel sito dell’impresa ma che figura formalmente nel libro paga dei subcontraenti; nel caso di imprese costituite a partire dal primo gennaio 2019, l’importo massimo del prestito non può superare i costi salariali annui previsti per i primi due anni di attività.

La precedente formulazione prevedeva invece che per questi prestiti l’unico criterio fosse il 25% del fatturato 2019.

Requisito di fatturato

Non solo: diventa anche più flessibile il meccanismo. Precedentemente, i ricavi del soggetto beneficiario dovevano risultare dall’ultimo bilancio depositato o dall’ultima dichiarazione fiscale presentata alla data della domanda di garanzia, mentre solo per le attività costituite dopo il primo gennaio 2019 era prevista la possibilità di presentare altra idonea documentazione, compresa un’autocertificazione.

=> Liquidità imprese, come funzionano i prestiti garantiti

Ebbene, ora quest’ultima regola vale per le tutte le PMI e i professionisti che intendono avvalersi di questi prestiti: quindi, se scelgono come criterio il 25% del fatturato 2019, possono presentare un’autocertificazione (per esempio, nel caso in cui non abbiano ancora presentato la dichiarazione o non sia ancora stato depositato il bilancio). Si tratta di una semplificazione che potrebbe sbloccare pratiche precedentemente sospese o respinte per la mancata documentazione necessaria.

Merito creditizio

C’è infine una modifica che riguarda l’ammissibilità in presenza di inadempienze probabili o esposizioni scadute. I prestiti fino a 30mila euro possono essere concessi anche a beneficiari finali con esposizioni che, anche prima del 31 gennaio 2020, sono state classificate come inadempienze probabili o esposizioni scadute e/o sconfinanti deteriorate, a condizione che le predette esposizioni alla data della richiesta del finanziamento non siano più classificabili come deteriorate.

I Video di PMI

DL Agosto: Guida alle misure fiscali