IRAP

L’IRAP (Imposta Regionale Attività Produttive) è un’imposta istituita con il D. Lgs. 446/1997 dall’allora Governo Prodi e successivamente divenuta, con la Legge Finanziaria del 2008, una tassa a tutti gli effetti, con il 90% del gettito ottenuto attribuito alle Regioni con l’obiettivo di finanziare il Fondo Sanitario Nazionale.

Chi è soggetto all’imposta

Si tratta di un’imposta strettamente legata al fatturato di Aziende, Enti o liberi professionisti: sono quindi soggetti al suo pagamento, in buona sostanza, tutti coloro i quali esercitano un’attività anche non commerciale, comprese le Pubbliche Amministrazioni e i produttori agricoli i quali, però, in alcuni casi, possono essere esonerati.

Determinazione dell’imponibile

L’imponibile per il calcolo dell’IRAP varia a seconda che il soggetto passivo sia:
  1. Impresa commerciale;
  2. Produttore agricolo;
  3. Ente non commerciale e/o Ente pubblico,
  4. Banche e/o Assicurazioni
Nel caso di impresa commerciale l’imponibile viene calcolato sul differenziale fra le voci classificabili nel valore della produzione, in base a quanto stabilito nello schema di bilancio di cui al Codice Civile, e quelle classificabili nel costo della produzione. Fra i costi di produzione non vanno calcolati i salari dei dipendenti, i crediti maturati e gli interessi di eventuali canoni di leasing. Per i produttori agricoli l’imponibile viene determinato come differenza tra l'ammontare dei corrispettivi e l'ammontare degli acquisti effettuati per la produzione agricola stessa; è possibile decidere di scegliere di calcolare l’imponibile come le imprese commerciali. Il produttore agricolo esonerato dall’IVA lo è anche dall’IRAP. Per gli Enti non commerciali l'imponibile è pari al totale dei compensi per lavoro dipendente, anche autonomo occasionale; qualora l'Ente svolga attività commerciale vale quanto detto per le imprese commerciali. Per quanto riguarda la PA vale quanto esposto per gli Enti non commerciali con la dovuta notazione che, per il calcolo dell’IRAP retributiva, il criterio dell’imponibile è quello di cassa. Se l’Ente pubblico svolge attività commerciale si può fare riferimento per il calcolo dell’imponibile ai criteri valevoli per le imprese commerciali (art. 5 del D. Lgs. 446/1997).

Aliquota e calcolo dell’Imposta

Al momento della sua introduzione l’aliquota prevista era del 4,25% ridotta al 3,90% con la Finanziaria del 2008, da moltiplicare per un coefficiente pari a 0,9176 in quelle Regioni che si erano avvalse del comma 3 dell’art. 16 del D. Lgs. 446/97 o per quelle la cui aliquota fu portata al 5,25% dalla Legge Finanziaria del 2006 (Lazio, Abruzzo, Campania, Molise e Sicilia). Il citato comma 3 consentiva alle Regioni di alzare o abbassare di un punto percentuale l’aliquota fissata al 4,25%: l’intervento deciso nella Finanziaria del 2006 fu necessario per tamponare lo sfondamento della spesa sanitaria.

Quando si paga

Per il versamento dell’IRAP valgono le stesse scadenze fiscali di IRPEF e IRES. Fino al periodo fiscale 2007 il modulo della Dichiarazione IRAP si allegava al Modello UNICO; successivamente, con la Legge Finanziaria del 2008, questo non è stato più possibile e le imprese commerciali devono oggi effettuare il versamento tramite il Modello F24 in due rate (16 Giugno e 30 Novembre dell’anno di competenza). Sempre il 16 Giugno deve essere erogato il versamento per il saldo dell’anno precedente: si può decidere di pagare entro i 30 giorni successivi tale data con una maggiorazione dello 0,4%. Le Pubbliche Amministrazioni devono usare il Modello F24-EP (Enti Pubblici).

Professionisti e beni strumentali marginali: esenzione IRAP

Esenzioni IRAP Esenzione IRAP per i professionisti che utilizzano un apparato esterno marginale. A stabilirlo è stata la Corte di Cassazione con la sentenza n. 8527 dell'11 aprile 2014, affermando che l'utilizzo di un apparato esterno marginale, risultante dall’aggregazione di beni strumentali e/o lavoro altrui e desunto dalla dichiarazione dei redditi non può costituire un presupposto per l’applicazione dell’IRAP nei confronti di un professionista. => Professionisti autonomi, quando scatta l'IRAP Il caso Nel caso in esame al professionista era stata notificata una cartella esattoriale,...

Guida IRAP: calcolo e applicabilità

Tasse Il tributo più anomalo e iniquo del nostro ordinamento tributario è l’IRAP: l'imposta regionale sulle attività produttive - il cui gettito finisce però nelle casse dello Stato - grava su tutte società, anche se non conseguono utili. L'Italia è l’unico Paese europeo che si pregia di riscuotere l'imposta, introdotta nel '97 dal Governo Prodi per finanziare il sistema sanitario nazionale e mai più abolita dai successivi Governi, nonostante le promesse. => Vai allo Speciale IRAP Chi paga l’IRAP Sono soggetti passivi IRAP le società di capitali, le società cooperative,...

Professionisti autonomi, quando scatta l’IRAP

Professionisti In attesa dei decreti applicativi della Delega Fiscale - che chiariranno una volta per tutte il principio dell'autonoma organizzazione del professionista - la Cassazione conferma come si configuri  qualora si ricorra a fomule di impiego, anche part-time, implicando il versamento IRAP. La sentenza 7609 del 2 aprile 2014, riferita al caso di un avvocato che chiedeva il rimborso fiscale per anni durante i quali aveva impiegato una segretaria a tempo parziale. Mentre nel secondo grado gli era stata riconosciuta l'assenza dei presupposti dell'autonoma organizzazione, la Cassazione ha...

Agevolazioni IRAP alle imprese toscane

42-19755820 La Regione Toscana rende note le nuove agevolazioni IRAP a favore delle imprese locali, misure previste dalla legge sul “Riordino degli sgravi fiscali alle imprese a valere sull’IRAP”: si tratta di un pacchetto di incentivi che spaziano dall’azzeramento dell'aliquota ordinaria IRAP alle deduzioni per l’assunzione di personale dipendente, passando attraverso il credito d'imposta e l’applicazione di aliquote vantaggiose. => Scopri gli sgravi IRAP per le PMI Sgravi IRAP Le imprese toscane possono beneficiare delle modalità di sgravio elencate qui di seguito: Azzeramento...

Tasse e imprese: i provvedimenti fiscali riducono l’IRES

ISTAT Nel 2014 le imprese risparmieranno il 9,8% di imposte sui redditi per un totale di 2,6 miliardi di euro, grazie alla detassazione prevista dall'ACE (Aiuto alla crescita economica) e ad altre novità fiscali introdotte dal 2011 ad oggi: è quanto emerge dall'analisi ISTAT che utilizza il nuovo modello di microsimulazione Matis (Modello per l'analisi della tassazione e degli incentivi sulle società di capitali) applicato al 2011-14. ACE Il contributo più rilevante alla riduzione delle imposte (-5,4%) è dato dall’ACE, la defiscalizzazione su utili reinvestiti e capitali prevista dal...

Taglio del cuneo fiscale: Padoan, decidere tra imprese o lavoratori

Il Ministro Padoan Il Ministero dell'Economia sta definendo i provvedimenti che porteranno alla riduzione strutturale del costo del lavoro. Il taglio del cuneo fiscale - primo impegno fiscale del governo Renzi - sarà pari a dieci miliardi. Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, assicura che sarà «un intervento forte» e «le coperture arriveranno dalla Spending Review con 5 miliardi nel 2014 e con misure transitorie come il rientro dei capitali». Le misure sono attese per maggio, nell'ambito di un più ampio provvedimento di riforma fiscale. =>Programma di Governo: taglio da 10 mld per il...

Lavoro e Fisco, prime ipotesi di NASPI e taglio IRAP

Sempre più fitta l'agenda del nuovo governo: dopo l'approvazione della Delega Fiscale arrivano sollecitazioni sul fronte cuneo fiscale dal mondo delle imprese, mentre prendono forma le prime ipotesi sulla Riforma del Lavoro Renzi nell'ambito delle misure previste dal Jobs Act, con la nuova ASPI già ribattezzata NASPI (sussidio di disoccupazione universale). L'accelerazione sulle riforme economiche si accompagna ai dati ISTAT sulla disoccupazione, a cui il premier ha risposto con un tweet: «la disoccupazione è al 12,9%. Cifra allucinante, la più alta da 35 anni. Ecco perché il primo...

Dichiarazione Redditi: specifiche per UNICO, IRAP, CNM e 770

Dichiarazione redditi Rilasciate da parte dell'Agenzia delle Entrate le specifiche tecniche di trasmissione per i nuovi modelli 2014 di UNICO, IRAP, CNM e 770 relativi al periodo d’imposta 2013, dopo la loro approvazione e pubblicazione online. Le specifiche tecniche sono approvate con sette distinti provvedimenti direttoriali che spiegano ai contribuenti e agli intermediari abilitati come effettuare la trasmissione telematica presentando le dichiarazioni direttamente online. Modelli 2014 Nel dettaglio le istruzioni operative riguardano i modelli (clicca per scaricarli) : 770 ordinario; 770...

Studi professionali con praticanti? IRAP non dovuta

Studi professionali Il ricorso al solo lavoro dei praticanti negli studi professionali non fa scattare l'obbligo di pagamento dell'IRAP. È quanto determinato dalla Corte di Cassazione nella sentenza n. 2520/2014. Il motivo della decisione delle Corte risiede nel fatto che, avvalendosi solo di praticanti, l'attività svolta dal professionista non costituisce autonoma organizzazione. Viene dunque meno il presupposto impositivo per l'applicazione dell'IRAP. Dichiarazione redditi 2014: modelli UNICO e IRAP definitivi La sentenza conferma l'interpretazione già fornita dall'Agenzia delle Entrate con la...

Dichiarazione redditi 2014: modelli UNICO e IRAP definitivi

UNICO e IRAP, tutti i modelli 2014 Dopo il 730, il CUD e i modelli IVA arriva anche la versione definitiva di UNICO 2014 e della dichiarazione IRAP: si completano così i modelli dichiarativi relativi al 2014, tutti disponibili sul sito dell'Agenzia delle Entrate completi di istruzioni. I sei nuovi arrivati sono: UNICO società di capitali; UNICO persone fisiche; UNICO società di persone; UNICO enti non commerciali; IRAP 2014; Consolidato nazionale mondiale. Sono stati approvati con appositi provvedimenti del direttore dell'Agenzia del 31 gennaio 2014. Vediamo con maggior precisione a cosa servono i...