IRAP

L’IRAP (Imposta Regionale Attività Produttive) è un’imposta istituita con il D. Lgs. 446/1997 dall’allora Governo Prodi e successivamente divenuta, con la Legge Finanziaria del 2008, una tassa a tutti gli effetti, con il 90% del gettito ottenuto attribuito alle Regioni con l’obiettivo di finanziare il Fondo Sanitario Nazionale.

Chi è soggetto all’imposta

Si tratta di un’imposta strettamente legata al fatturato di Aziende, Enti o liberi professionisti: sono quindi soggetti al suo pagamento, in buona sostanza, tutti coloro i quali esercitano un’attività anche non commerciale, comprese le Pubbliche Amministrazioni e i produttori agricoli i quali, però, in alcuni casi, possono essere esonerati.

Determinazione dell’imponibile

L’imponibile per il calcolo dell’IRAP varia a seconda che il soggetto passivo sia:
  1. Impresa commerciale;
  2. Produttore agricolo;
  3. Ente non commerciale e/o Ente pubblico,
  4. Banche e/o Assicurazioni
Nel caso di impresa commerciale l’imponibile viene calcolato sul differenziale fra le voci classificabili nel valore della produzione, in base a quanto stabilito nello schema di bilancio di cui al Codice Civile, e quelle classificabili nel costo della produzione. Fra i costi di produzione non vanno calcolati i salari dei dipendenti, i crediti maturati e gli interessi di eventuali canoni di leasing. Per i produttori agricoli l’imponibile viene determinato come differenza tra l'ammontare dei corrispettivi e l'ammontare degli acquisti effettuati per la produzione agricola stessa; è possibile decidere di scegliere di calcolare l’imponibile come le imprese commerciali. Il produttore agricolo esonerato dall’IVA lo è anche dall’IRAP. Per gli Enti non commerciali l'imponibile è pari al totale dei compensi per lavoro dipendente, anche autonomo occasionale; qualora l'Ente svolga attività commerciale vale quanto detto per le imprese commerciali. Per quanto riguarda la PA vale quanto esposto per gli Enti non commerciali con la dovuta notazione che, per il calcolo dell’IRAP retributiva, il criterio dell’imponibile è quello di cassa. Se l’Ente pubblico svolge attività commerciale si può fare riferimento per il calcolo dell’imponibile ai criteri valevoli per le imprese commerciali (art. 5 del D. Lgs. 446/1997).

Aliquota e calcolo dell’Imposta

Al momento della sua introduzione l’aliquota prevista era del 4,25% ridotta al 3,90% con la Finanziaria del 2008, da moltiplicare per un coefficiente pari a 0,9176 in quelle Regioni che si erano avvalse del comma 3 dell’art. 16 del D. Lgs. 446/97 o per quelle la cui aliquota fu portata al 5,25% dalla Legge Finanziaria del 2006 (Lazio, Abruzzo, Campania, Molise e Sicilia). Il citato comma 3 consentiva alle Regioni di alzare o abbassare di un punto percentuale l’aliquota fissata al 4,25%: l’intervento deciso nella Finanziaria del 2006 fu necessario per tamponare lo sfondamento della spesa sanitaria.

Quando si paga

Per il versamento dell’IRAP valgono le stesse scadenze fiscali di IRPEF e IRES. Fino al periodo fiscale 2007 il modulo della Dichiarazione IRAP si allegava al Modello UNICO; successivamente, con la Legge Finanziaria del 2008, questo non è stato più possibile e le imprese commerciali devono oggi effettuare il versamento tramite il Modello F24 in due rate (16 Giugno e 30 Novembre dell’anno di competenza). Sempre il 16 Giugno deve essere erogato il versamento per il saldo dell’anno precedente: si può decidere di pagare entro i 30 giorni successivi tale data con una maggiorazione dello 0,4%. Le Pubbliche Amministrazioni devono usare il Modello F24-EP (Enti Pubblici).

Furto di merci, contabilità e disciplina fiscale

Gestione contabile e fiscale del furto dei beni in azienda Il furto di merci rappresenta una ingente fonte di perdita per le imprese, che devono far fronte a investimenti per dotare il magazzino di prodotti da rivendere o da lavorare. Vediamo la disciplina riguardante imposte dirette e IVA che si applicano in caso di sottrazione della merce, per evitare problemi di accertamenti fiscali per errori contabili. => Consulta la gestione contabile dei furti di beni In primo luogo va sottolineato che, in caso di furto di cespiti, si deve imputare in contabilità l'onere del costo che non è stato possibile ammortizzare in contropartita. La normativa...

Esenzione IRAP studio professionale

Un contribuente opera con codice attività 74.90.99 Altre attività professionali nca, effettua consulenze fiscali ma non essendo iscritto a nessun albo professionale, versa alla gestione separata INPS i propri contributi, opera nello stabile dove vi è un altro studio e dispone di strumenti minimi per lavorare. In data 29/12/2015 ha tuttavia assunto una dipendente a tempo parziale, con sola funzione di segreteria (rispondere al telefono e prendere appuntamenti). Può comunque essere esentato dall'IRAP in quanto non rientrante nella casistica della stabile organizzazione?

Taglio IRES: i conti sui risparmi

Tasse Tra gli ultimi annunci del premier Matteo Renzi ci sono quelli in tema di strategie su tasse e lavoro, con la promessa che nel 2017 per le imprese verranno ridotte l'IRES e l'IRI. Taglio IRES Un taglio, quello dell'IRES al 24% rispetto all'attuale 27,5% con il quale sono tassati gli utili delle società di capitali e i gruppi di società, che secondo uno uno studio della CGIA Mestre che porterà alle imprese, soprattutto quelle di grandi dimensioni, un risparmio pari a circa 4,1 miliardi di euro di tasse. => Tasse imprese, Renzi: taglio IRES e IRI Nel complesso si stima che le...

Dichiarazione IRAP 2016, online i software

Dichiarazione dei redditi Sono stati resi disponibili online dall'Agenzia delle Entrate i software per la dichiarazione IRAP 2016 aggiornati alla versione 1.0.0, accessibili ed utilizzabili direttamente dal web senza necessità di alcuna installazione, né di dover verificare la presenza di una versione più aggiornata del programma => Dichiarazione IRAP 2016: modelli e novità I software consentono la compilazione e il controllo della dichiarazione IRAP 2016: dopo aver verificato con il software di controllo che non vi siano messaggi di errore, segnalazioni di anomalie o incongruenze riscontrate tra i dati...

IRAP 2016, online le istruzioni di invio

IRAP La trasmissione dei dati relativi alla dichiarazione IRAP 2016, relativamente alle comunicazioni con le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano è stata regolamentata nel dettaglio mediante il provvedimento n. 2016/44526 del 24 marzo 2016 dell’Agenzia delle Entrate. => Dichiarazione IRAP 2016: modelli e novità All’interno del provvedimento si trovano infatti le specifiche tecniche del documento informatico in formato XML che deve essere utilizzato per la trasmissione alle Regioni e alle Province autonome in cui ha sede il domicilio fiscale del soggetto passivo, ovvero...

Tasse locali in crescita, ecco la classifica

tasse La Legge di Stabilità 2016 ha eliminato la TASI sulla prima casa ma il peso delle tasse locali in Italia continua ad essere molto alto: negli ultimi 20 anni (dal 1995 al 2015), sono passate da 30 a 103 miliardi di euro, con una crescita del 248%, a fronte di un +72% delle tasse centrali. L'anno in cui l'imposizione fiscale locale ha raggiunto il massimo storico è il 2014 (6,6% del PIL) per scendere al 6,3% nel 2015. Gli obiettivi per il 2017 prevedono un ulteriore calo al 5,7% del PIL. I dati sono contenuti in una ricerca Confcommercio-Cer sul rapporto tra spesa pubblica e pressione...

Sgravio IRAP stagionali: requisiti più soft

Settore turismo Il sottosegretario all'Economia Enrico Zanetti ha fornito chiarimenti in merito ai requisiti richiesti per ottenere lo sgravio IRAP del 70% introdotto dalla Legge di Stabilità 2016 (Legge n. 208/2015) in caso di impiego di lavoratori stagionali, in occasione di un'interrogazione parlamentare in Commissione Finanze alla Camera dei Deputati. => Il pacchetto Lavoro nella Legge di Stabilità 2016 Sgravio lavoratori stagionali Più in particolare il comma 73 della manovra finanziaria 2016 ha così esteso la deducibilità dalla base imponibile ai fini IRAP delle spese prevista...

Scadenze fiscali di novembre 2015

Scadenza fiscale Numerose, forse troppe, le scadenze fiscali di novembre, tra IVA, acconto IRPEF, addizionali IRPEF, IRAP, IRES, Canone RAI, ritenute d’imposta e così via. Nel complesso si stimano entrate per l'Erario pari a 53,5 miliardi di euro. Riassumiamo di seguito l'elenco delle scadenze fiscali che vedono interessati in questo mese lavoratori dipendenti, autonomi, imprese, società di capitali e sostituti d’imposta. => Scadenze fiscali: IVA, IRAP e UNICO 2015 2 novembre Il 2 novembre è la data entro la quale: i contribuenti IVA che hanno realizzato nel primo, secondo o terzo...

Legge di Stabilità: misure per l’Agricoltura

Agricoltura La Legge di Stabilità 2016 punta sull'Agricoltura, inserendo una serie di iniziative che hanno l'obiettivo di "tornare alla terra!" - come si legge dalle slide di presentazione della Manovra pubblicate dal Premier, Matteo Renzi, sul social network Twitter. Renzi l'ha definita: «La prima Legge di Stabilità della storia spiegata su Twitter». => Scarica le slide sulla Legge di Stabilità 2016 E sul social network scrive: “TORNARE ALLA TERRA: Via IMU agricola, via IRAP agricola, semplificazione burocratica”. Si tratta di due misure, l'annullamento dell'IMU e dell'IRAP, che...

Taglio IRES: in Legge Stabilità anche riduzione IRAP

Tasse sulle imprese Il taglio IRES previsto nella prossima Legge di Stabilità comporterebbe risparmi per le imprese fino a a 1,2 miliardi di euro l'anno. E' quanto stima l'Ufficio studi della CGIA Mestre, analizzando il vantaggio fiscale di cui le aziende beneficerebbero con la riduzione dell’imposta sui redditi delle società. Attualmente l'aliquota IRES è del 27,5% e, ad essere interessati dalla riduzione IRES promessa, sarebbero 620.500 aziende e gruppi di società, pari al 12% del totale delle imprese presenti in Italia. => Legge Stabilità 2016: taglio tasse alle imprese A goderne...

X
Se vuoi aggiornamenti su IRAP

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy