IRAP

L’IRAP (Imposta Regionale Attività Produttive) è un’imposta istituita con il D. Lgs. 446/1997 dall’allora Governo Prodi e successivamente divenuta, con la Legge Finanziaria del 2008, una tassa a tutti gli effetti, con il 90% del gettito ottenuto attribuito alle Regioni con l’obiettivo di finanziare il Fondo Sanitario Nazionale.

Chi è soggetto all’imposta

Si tratta di un’imposta strettamente legata al fatturato di Aziende, Enti o liberi professionisti: sono quindi soggetti al suo pagamento, in buona sostanza, tutti coloro i quali esercitano un’attività anche non commerciale, comprese le Pubbliche Amministrazioni e i produttori agricoli i quali, però, in alcuni casi, possono essere esonerati.

Determinazione dell’imponibile

L’imponibile per il calcolo dell’IRAP varia a seconda che il soggetto passivo sia:
  1. Impresa commerciale;
  2. Produttore agricolo;
  3. Ente non commerciale e/o Ente pubblico,
  4. Banche e/o Assicurazioni
Nel caso di impresa commerciale l’imponibile viene calcolato sul differenziale fra le voci classificabili nel valore della produzione, in base a quanto stabilito nello schema di bilancio di cui al Codice Civile, e quelle classificabili nel costo della produzione. Fra i costi di produzione non vanno calcolati i salari dei dipendenti, i crediti maturati e gli interessi di eventuali canoni di leasing. Per i produttori agricoli l’imponibile viene determinato come differenza tra l'ammontare dei corrispettivi e l'ammontare degli acquisti effettuati per la produzione agricola stessa; è possibile decidere di scegliere di calcolare l’imponibile come le imprese commerciali. Il produttore agricolo esonerato dall’IVA lo è anche dall’IRAP. Per gli Enti non commerciali l'imponibile è pari al totale dei compensi per lavoro dipendente, anche autonomo occasionale; qualora l'Ente svolga attività commerciale vale quanto detto per le imprese commerciali. Per quanto riguarda la PA vale quanto esposto per gli Enti non commerciali con la dovuta notazione che, per il calcolo dell’IRAP retributiva, il criterio dell’imponibile è quello di cassa. Se l’Ente pubblico svolge attività commerciale si può fare riferimento per il calcolo dell’imponibile ai criteri valevoli per le imprese commerciali (art. 5 del D. Lgs. 446/1997).

Aliquota e calcolo dell’Imposta

Al momento della sua introduzione l’aliquota prevista era del 4,25% ridotta al 3,90% con la Finanziaria del 2008, da moltiplicare per un coefficiente pari a 0,9176 in quelle Regioni che si erano avvalse del comma 3 dell’art. 16 del D. Lgs. 446/97 o per quelle la cui aliquota fu portata al 5,25% dalla Legge Finanziaria del 2006 (Lazio, Abruzzo, Campania, Molise e Sicilia). Il citato comma 3 consentiva alle Regioni di alzare o abbassare di un punto percentuale l’aliquota fissata al 4,25%: l’intervento deciso nella Finanziaria del 2006 fu necessario per tamponare lo sfondamento della spesa sanitaria.

Quando si paga

Per il versamento dell’IRAP valgono le stesse scadenze fiscali di IRPEF e IRES. Fino al periodo fiscale 2007 il modulo della Dichiarazione IRAP si allegava al Modello UNICO; successivamente, con la Legge Finanziaria del 2008, questo non è stato più possibile e le imprese commerciali devono oggi effettuare il versamento tramite il Modello F24 in due rate (16 Giugno e 30 Novembre dell’anno di competenza). Sempre il 16 Giugno deve essere erogato il versamento per il saldo dell’anno precedente: si può decidere di pagare entro i 30 giorni successivi tale data con una maggiorazione dello 0,4%. Le Pubbliche Amministrazioni devono usare il Modello F24-EP (Enti Pubblici).

Modello IRAP: le nuove deduzioni

Dichiarazione dei reddito Pubblicata sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate la bozza della dichiarazione IRAP (Imposta Regionale sulle Attività Produttive) utilizzabile a partire dal prossimo anno, con le relative istruzioni. Tra le novità del nuovo modello IRAP trovano spazio le nuove semplificazioni e agevolazioni previste dalla Legge di Stabilità 2015. => Legge di Stabilità 2015: focus su Regime Minimi, Pensioni e IRAP Agevolazioni È il caso della deduzione per incremento occupazionale, l’aumento della deduzione forfetaria per i dipendenti a tempo indeterminato e di quella graduata in...

Legge di Stabilità 2015: focus su Regime Minimi, Pensioni e IRAP

Manovra-2015 Rush finale per la Legge di Stabilità 2015, con dibattito in commissione Bilancio al Senato più lungo del previsto e arrivo in Aula rimandato al 18 dicembre  (prevedibilmente con voto di fiducia, attesa entro il 19 dicembre) per poi tornare alla Camera in terza lettura il 21, in approvazione definitiva il 22: fra i capitoli caldi spiccano: riforma del Regime dei Minimi, taglio IRAP imprese, tasse sulle pensioni private. Il Governo ha presentato circa 80 emendamenti tra cui le modifiche in materia di IMU-TASI (in attesa della Local Tax, è stato congelato l'aumento delle aliquote...

IRAP azzerata per nuove imprese sarde

IRAP La Giunta della Regione Sardegna ha approvato la manovra finanziaria 2015 annunciando numerose novità per rilanciare l’isola e sostenere l’imprenditoria locale: tra le iniziative varate anche l’azzeramento dell’IRAP per i primi cinque anni delle nuove imprese, grazie soprattutto alle risorse che arriveranno dalla programmazione dei fondi Por 2014-2020 e dai trasferimenti UE. => Legge di Stabilità: in dubbio Bonus e tagli IRAP Taglio IRAP La Giunta stabilisce il taglio dell’IRAP definitivo del 25%, al quale si aggiunge la riduzione stabilita dalla Legge di Stabilità,...

Legge di Stabilità: in dubbio Bonus e tagli IRAP

Dubbi sulla Legge di Stabilità Dopo l'approvazione alla Camera, la Legge di Stabilità è giunta all'esame del Senato, dove si stanno affrontando alcune questioni ancora aperte tra le quali gli sconti IRAP per le PMI che assumono e i diversi bonus di supporto al reddito (bonus di 80 euro, anticipo del TFR e bonus bebè). Il dossier del Servizio Bilancio mette in dubbio proprio questi provvedimenti contenuti nella Legge di Stabilità 2015. Vediamo in dettaglio perché. => Legge di Stabilità 2015: le modifiche della Camera Bonus 80 euro Per quanto riguarda la stabilizzazione del bonus di 80 euro in busta paga...

Acconto IRPEF, IRES e IRAP: guida al calcolo

Fisco Per calcolare gli acconti IRPEF, IRES e IRAP, tutti in scadenza a fine novembre, si possono utilizzare il metodo storico oppure quello previsionale. Vediamo come si deve effettuare l'operazione applicando entrambi i sistemi, tenendo presente che il contribuente può scegliere di calcolare ad esempio l'IRES con un metodo e l'IRAP con un altro. Il calendario fiscale vede in scadenza il prossimo 1 dicembre quelle che normalmente sono le scadenze di fine novembre (il 30 è domenica): si paga in tutti i casi la seconda rata degli acconti IRPEF persone fisiche, IRES, IRAP, contributi INPS,...

Codici tributo e istruzioni F24 per i versamenti di novembre

Tasse Secondo acconto IRPEF per le persone fisiche, IRES e IRAP di autonomi e imprese, cedolare secca, acconti INPS: tutte le scadenze fiscali di fine novembre slittano a lunedì 1° dicembre. Vediamo una breve guida per la compilazione del modello F24, con tutti i codici tributo e le istruzioni per il calcolo delle tasse. => Tasse, IMU-TASI, verso la scadenza del saldo 2014 IRPEF Secondo acconto IRPEF, che risulta dal modello UNICO 2014: il riferimento è l'importo segnato al rigo RN 33 - Differenza, che deve essere superiore a 52 euro. Si detrae l'eventuale acconto del 40% pagato a...

Legge di Stabilità 2015: ecco gli emendamenti

leggestabilità Gli emendamenti alla Legge di Stabilità presentati in commissione Bilancio al Senato sono stati 3.700, di cui 1.600 dichiarati inammissibili. Ne restano 2100 destinati a diventare 500. Tra quelli presentati spiccano: proposta del Governo di estendere il reverse charge sull'IVA, da tutto l'arco parlamentare modifiche all'anticipo del TFR in busta paga, riduzione IRAP per PMI, no al caro tasse per i fondi pensione, deducibilità IMU per gli immobili produttivi. Vediamo le norme al centro del dibattito e gli orientamenti del Governo. => Legge di Stabilità 2015: le misure...

Incentivi lavoro: i punti deboli della Legge di Stabilità

Legge di Stabilità 2015 Gli incentivi alle nuove assunzioni nella Legge di Stabilità 2015 presentano limiti tali da ridurne drasticamente i benefici pratici: per prima cosa la copertura finanziaria copre 300mila contratti, appena 1/5 di quelli attivati a tempo indeterminato dalle aziende italiane in un anno. Senza contare che comportano un tetto massimo (6.200 euro) ed assorbono, abolendo, la storica decontribuzione per l'assunzione stabile di disoccupati (Legge 407/90) - al Sud e non solo - con l'aggravante che non comportano neppure lo sgravio dei contributi INAIL (come invece avveniva in quel caso). Anche...

Legge di Stabilità 2015: taglio tasse, IRAP e incentivi assunzione

Il premier all'Assemblea di Confindustria Bergamo Il 15 ottobre l'Italia presenta la Legge di Stabilità 2015, una manovra da 30 miliardi di cui 18 mld per il taglio delle tasse sul lavoro (cuneo fiscale) e non solo: bonus  IRPEF in busta paga, sgravi contributivi per imprese che assumono, riduzione IRAP. Ad anticipare le misure della Finanziaria il premier Matteo Renzi, agli imprenditori di Confindustria Bergamo. Prima di introdurre "la scaletta" della prossima Legge di Stabilità si concede un gioco di parole che rimanda al Jobs Act e a uno dei suoi capitolo più caldi: l'Articolo 18. «Il 18 non è l'articolo dello Statuto dei...

Violazioni IRAP: accertamento oltre la prescrizione?

Evasione fiscale Secondo l’art. 43, co. 3, DPR 29 settembre 1973, n. 600, la violazione che comporti l’obbligo di denuncia come previsto dall'art. 331, c.p.p. per uno dei reati indicati dal D.Lgs. 10 marzo 2000, n. 74, raddoppia i tempi di accertamento previsti relativamente al periodo d’imposta in cui la violazione è accaduta. Come sostenuto dal citato DPR, modificato dal DLgs. 9 luglio 1997, n. 241, è obbligatorio notificare gli avvisi di accertamento entro e non oltre il 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione. In caso di reato tributario i termini...

X
Se vuoi aggiornamenti su Violazioni IRAP: accertamento oltre la prescrizione?

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy