IRAP

L’IRAP (Imposta Regionale Attività Produttive) è un’imposta istituita con il D. Lgs. 446/1997 dall’allora Governo Prodi e successivamente divenuta, con la Legge Finanziaria del 2008, una tassa a tutti gli effetti, con il 90% del gettito ottenuto attribuito alle Regioni con l’obiettivo di finanziare il Fondo Sanitario Nazionale.

Chi è soggetto all’imposta

Si tratta di un’imposta strettamente legata al fatturato di Aziende, Enti o liberi professionisti: sono quindi soggetti al suo pagamento, in buona sostanza, tutti coloro i quali esercitano un’attività anche non commerciale, comprese le Pubbliche Amministrazioni e i produttori agricoli i quali, però, in alcuni casi, possono essere esonerati.

Determinazione dell’imponibile

L’imponibile per il calcolo dell’IRAP varia a seconda che il soggetto passivo sia:
  1. Impresa commerciale;
  2. Produttore agricolo;
  3. Ente non commerciale e/o Ente pubblico,
  4. Banche e/o Assicurazioni
Nel caso di impresa commerciale l’imponibile viene calcolato sul differenziale fra le voci classificabili nel valore della produzione, in base a quanto stabilito nello schema di bilancio di cui al Codice Civile, e quelle classificabili nel costo della produzione. Fra i costi di produzione non vanno calcolati i salari dei dipendenti, i crediti maturati e gli interessi di eventuali canoni di leasing. Per i produttori agricoli l’imponibile viene determinato come differenza tra l'ammontare dei corrispettivi e l'ammontare degli acquisti effettuati per la produzione agricola stessa; è possibile decidere di scegliere di calcolare l’imponibile come le imprese commerciali. Il produttore agricolo esonerato dall’IVA lo è anche dall’IRAP. Per gli Enti non commerciali l'imponibile è pari al totale dei compensi per lavoro dipendente, anche autonomo occasionale; qualora l'Ente svolga attività commerciale vale quanto detto per le imprese commerciali. Per quanto riguarda la PA vale quanto esposto per gli Enti non commerciali con la dovuta notazione che, per il calcolo dell’IRAP retributiva, il criterio dell’imponibile è quello di cassa. Se l’Ente pubblico svolge attività commerciale si può fare riferimento per il calcolo dell’imponibile ai criteri valevoli per le imprese commerciali (art. 5 del D. Lgs. 446/1997).

Aliquota e calcolo dell’Imposta

Al momento della sua introduzione l’aliquota prevista era del 4,25% ridotta al 3,90% con la Finanziaria del 2008, da moltiplicare per un coefficiente pari a 0,9176 in quelle Regioni che si erano avvalse del comma 3 dell’art. 16 del D. Lgs. 446/97 o per quelle la cui aliquota fu portata al 5,25% dalla Legge Finanziaria del 2006 (Lazio, Abruzzo, Campania, Molise e Sicilia). Il citato comma 3 consentiva alle Regioni di alzare o abbassare di un punto percentuale l’aliquota fissata al 4,25%: l’intervento deciso nella Finanziaria del 2006 fu necessario per tamponare lo sfondamento della spesa sanitaria.

Quando si paga

Per il versamento dell’IRAP valgono le stesse scadenze fiscali di IRPEF e IRES. Fino al periodo fiscale 2007 il modulo della Dichiarazione IRAP si allegava al Modello UNICO; successivamente, con la Legge Finanziaria del 2008, questo non è stato più possibile e le imprese commerciali devono oggi effettuare il versamento tramite il Modello F24 in due rate (16 Giugno e 30 Novembre dell’anno di competenza). Sempre il 16 Giugno deve essere erogato il versamento per il saldo dell’anno precedente: si può decidere di pagare entro i 30 giorni successivi tale data con una maggiorazione dello 0,4%. Le Pubbliche Amministrazioni devono usare il Modello F24-EP (Enti Pubblici).

Professionisti: IRAP e gestione studio

Studio professionale È soggetto all'IRAP il professionista che affida la gestione dello studio a terzi, ad esempio una società di servizi. In questi casi risulta irrilevante la mancanza di dipendenti e collaboratori diretti. A precisarlo è la Corte di Cassazione con la sentenza n. 12287/2015. Ancora una sentenza in cui la Cassazione si pronuncia sul tema del presupposto impositivo dell’autonoma organizzazione dell’IRAP nel caso in cui libero professionista affidi all'esterno la gestione del proprio studio professionale, erogando elevati compensi per prestazioni afferenti l’esercizio della propria...

PMI: IRAP ridotta in Friuli Venezia Giulia

Tasse La Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia ha detto si al nuovo regolamento che prevede la riduzione dell'IRAP dell'1% a beneficio delle imprese di nuova costituzione, come anche delle aziende che decidono di trasferire il loro insediamento produttivo sul territorio della Regione. => IRAP 2015: online i software Rilancimpresa FVG Si tratta di provvedimenti previsti dalla legge Rilancimpresa FVG di Riforma delle Politiche industriali, finalizzati a: «favorire la costituzione di nuove realtà economiche e incentivare l'apertura di insediamenti produttivi sul territorio regionale...

IRAP per le imprese commerciali

Snc Con la sentenza n. 10600/2015 la Corte di Cassazione ha confermato che l'attività svolta dalle società commerciali costituisce in ogni caso presupposto d'imposta ai fini IRAP, ai sensi dell’art. 2, D.Lgs n. 446/1997 (Istituzione e disciplina dell'imposta regionale sulle attività produttive). Dunque nel caso in cui si scelga di svolgere un'attività utilizzando uno dei modelli di società non è rilevante la sussistenza o meno di un’autonoma organizzazione, requisito solitamente richiesto per l'applicazione dell'IRAP. => Professionisti autonomi, quando scatta l'IRAP Il...

La nuova disciplina IRAP: chiarimenti Entrate

irap2015 La deducibilità IRAP sul costo del lavoro introdotta dalla Legge di Stabilità spetta anche ai contratti a tempo indeterminato in somministrazione, mentre è esclusa per i dipendenti agricoli a tempo determinato con almeno 150 giornate lavorative (contrariamente a quanto previsto inizialmente): sono alcuni dei chiarimenti forniti dall'Agenzia delle Entrate con la circolare 22/E relativa alle modifiche IRAP in Legge di Stabilità. Il documento di prassi contiene precisazioni relative all'applicazione dell'agevolazione fiscale alle public utilities, al conteggio del TFR (trattamento di...

Calcolo della base imponibile IRAP

irap 2015 La base imponibile IRAP, sulla quale si calcolano le imposte da pagare, in generale si determinata sottraendo al valore della produzione lorda i costi di produzione, ma in realtà la determinazione precisa di questo valore (in pratica, il valore della produzione netta), cambia a seconda della tipologia di impresa o attività e del regime di contabilità. Vediamo una breve sintesi delle diverse modalità per calcolare la base imponibile IRAP, in vista dell'acconto del prossimo 16 giugno. => IRAP 2015: online i software Imprese in contabilità ordinaria Le imprese in contabilità...

IRAP 2015: online i software

irap Online sul sito dell'Agenzia delle Entrate i nuovi software per la compilazione e l'invio telematico del modello IRAP 2015 e per la procedura di controllo: si possono trovare nella sezione dedicata al modello IRAP/2015. Il software di compilazione IRAP 2015 consente di compilare il modello relativo all'imposta regionale sulle attività produttive e di creare il relativo file da inviare telematicamente. => Dichiarazioni IRAP 2015: le specifiche tecniche per l'invio La tecnologia utilizzata consente di attivare le applicazione direttamente dal web, in modo semplice e intuitivo, con...

Esenzione IRAP: quando c’è autonoma organizzazione

IRAP per il professionista Il presupposto per l'applicazione dell'IRAP è l' esistenza di una autonoma organizzazione, ovvero sono soggetti ad IRAP i lavoratori autonomi per i quali sussiste il requisito dell’organizzazione autonoma dell’attività, ma stabilire se tale requisito esista o meno non è sempre semplice. Non a caso si tratta di un concetto a lungo dibattuto dalla giurisprudenza e fonte di anni di contenzioso in sede tributaria tra contribuenti e Amministrazione finanziaria. => Esenzione IRAP per professionisti In generale il requisito della autonoma organizzazione ricorre quando il...

Studio professionale: IRAP sulla ristrutturazione

Ristrutturazione Rilevano ai fini IRAP le spese relative a lavori di ristrutturazione e di arredo del proprio studio professionale sostenute dal professionista, essendo tale investimento strumentale all'attività lavorativa svolta. A chiarirlo è stata la Corte di Cassazione con la sentenza n. 8638/2015. => Ristrutturazioni: IVA detraibile per affitta camere Il ricorso era stato presentato da un professionista lavoratore autonomo, con riferimento al rifiuto da parte dell'Agenzia delle Entrate di rimborsare le somme versate a titolo di IRAP. Ricorso respinto dalla CTP di Parma, in prima istanza, e...

Esenzioni IRAP per professionisti SSN

Professionisti SSN Non sono soggetti all'IRAP i professionisti del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) - quali medici generici e pediatri convenzionati - dovendo tali professionisti sottostare a precise prescrizioni e vincoli imposti dalla tipologia del rapporto. Lo ha chiarito la Commissione tributaria regionale di Milano con la sentenza n. 320/2015, precisando che l’esercizio professionale di medici generici e pediatri convenzionati è soggetto alla sorveglianza delle Asl e, per questo, non può essere mai imputabile un’autonoma organizzazione. => IRAP e IRPEF: le novità 2015 Tale attività di...

Dichiarazioni 2015: calendario scadenze

Calendario 2015 Tra le maggiori novità in tema fiscale nel 2015 debutta la dichiarazione dei redditi precompilata, che può essere presentata anche autonomamente da parte dei contribuenti previo accesso ai servizi online dell'Agenzia delle Entrate tramite PIN e credenziali di Fisconline o quelle della Carta Nazionale dei Servizi o quelle dell'INPS, oltre che come di consueto con l'assistenza dei professionisti abilitati o dei CAF. Per quest'anno sarà ancora obbligatorio rivolgersi a CAF o intermediari nel caso in cui si intenda presentare la dichiarazione congiunta. => 730 precompilato: come...

X
Se vuoi aggiornamenti su Dichiarazioni 2015: calendario scadenze

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy