IRAP

L’IRAP (Imposta Regionale Attività Produttive) è un’imposta istituita con il D. Lgs. 446/1997 dall’allora Governo Prodi e successivamente divenuta, con la Legge Finanziaria del 2008, una tassa a tutti gli effetti, con il 90% del gettito ottenuto attribuito alle Regioni con l’obiettivo di finanziare il Fondo Sanitario Nazionale.

Chi è soggetto all’imposta

Si tratta di un’imposta strettamente legata al fatturato di Aziende, Enti o liberi professionisti: sono quindi soggetti al suo pagamento, in buona sostanza, tutti coloro i quali esercitano un’attività anche non commerciale, comprese le Pubbliche Amministrazioni e i produttori agricoli i quali, però, in alcuni casi, possono essere esonerati.

Determinazione dell’imponibile

L’imponibile per il calcolo dell’IRAP varia a seconda che il soggetto passivo sia:
  1. Impresa commerciale;
  2. Produttore agricolo;
  3. Ente non commerciale e/o Ente pubblico,
  4. Banche e/o Assicurazioni
Nel caso di impresa commerciale l’imponibile viene calcolato sul differenziale fra le voci classificabili nel valore della produzione, in base a quanto stabilito nello schema di bilancio di cui al Codice Civile, e quelle classificabili nel costo della produzione. Fra i costi di produzione non vanno calcolati i salari dei dipendenti, i crediti maturati e gli interessi di eventuali canoni di leasing. Per i produttori agricoli l’imponibile viene determinato come differenza tra l'ammontare dei corrispettivi e l'ammontare degli acquisti effettuati per la produzione agricola stessa; è possibile decidere di scegliere di calcolare l’imponibile come le imprese commerciali. Il produttore agricolo esonerato dall’IVA lo è anche dall’IRAP. Per gli Enti non commerciali l'imponibile è pari al totale dei compensi per lavoro dipendente, anche autonomo occasionale; qualora l'Ente svolga attività commerciale vale quanto detto per le imprese commerciali. Per quanto riguarda la PA vale quanto esposto per gli Enti non commerciali con la dovuta notazione che, per il calcolo dell’IRAP retributiva, il criterio dell’imponibile è quello di cassa. Se l’Ente pubblico svolge attività commerciale si può fare riferimento per il calcolo dell’imponibile ai criteri valevoli per le imprese commerciali (art. 5 del D. Lgs. 446/1997).

Aliquota e calcolo dell’Imposta

Al momento della sua introduzione l’aliquota prevista era del 4,25% ridotta al 3,90% con la Finanziaria del 2008, da moltiplicare per un coefficiente pari a 0,9176 in quelle Regioni che si erano avvalse del comma 3 dell’art. 16 del D. Lgs. 446/97 o per quelle la cui aliquota fu portata al 5,25% dalla Legge Finanziaria del 2006 (Lazio, Abruzzo, Campania, Molise e Sicilia). Il citato comma 3 consentiva alle Regioni di alzare o abbassare di un punto percentuale l’aliquota fissata al 4,25%: l’intervento deciso nella Finanziaria del 2006 fu necessario per tamponare lo sfondamento della spesa sanitaria.

Quando si paga

Per il versamento dell’IRAP valgono le stesse scadenze fiscali di IRPEF e IRES. Fino al periodo fiscale 2007 il modulo della Dichiarazione IRAP si allegava al Modello UNICO; successivamente, con la Legge Finanziaria del 2008, questo non è stato più possibile e le imprese commerciali devono oggi effettuare il versamento tramite il Modello F24 in due rate (16 Giugno e 30 Novembre dell’anno di competenza). Sempre il 16 Giugno deve essere erogato il versamento per il saldo dell’anno precedente: si può decidere di pagare entro i 30 giorni successivi tale data con una maggiorazione dello 0,4%. Le Pubbliche Amministrazioni devono usare il Modello F24-EP (Enti Pubblici).

Esenzioni IRAP per Associazione tra Professionisti

Professionisti Esenzione IRAP per i professionisti che condividono spazi di lavoro, attrezzature e personale con un'associazione, ma come contribuenti restano persone fisiche una vera e propria "autonoma organizzazione": lo stabilisce una sentenza di Cassazione (numero 1662 del 28 gennaio 2015), che interviene su un concetto a lungo dibattuto dalla giurisprudenza, quello appunto relativo all'autonoma organizzazione, che è il presupposto impositivo IRAP. Come è noto, se non c'è autonoma organizzazione il professionista non deve pagare l'IRAP (che è la tassa sui redditi delle imprese). =>...

Evasione IRAP senza reato penale

IRAP Chi si rende colpevole di evasione IRAP non commette un reato penale, a precisarlo è stata la sentenza n. 4906/2015 della Corte di Cassazione. Il caso riguardava un imprenditore indagato per omessa presentazione della dichiarazione (art. 5 del D.Lgs. n. 74/2000) che si era visto sequestrare, in via preventiva, alcuni beni. L’indagato si era rivolto alla Corte di Cassazione, che aveva annullato l’ordinanza riqualificando il reato in dichiarazione infedele. Il Tribunale del riesame aveva poi riconfermato il sequestro. Quindi l’imprenditore si è rivolto nuovamente alla Cassazione per...

Dichiarazione dei Redditi, tutti i modelli 2015

Agenzia delle Entrate Ufficiali i modelli per la Dichiarazione dei Redditi 2015: l'Agenzia delle Entrate ha reso definitivi i modelli UNICO Enc (Enti non commerciali), Sc (Società di capitali) ed Sp (Società di persone), il modello Cnm (Consolidato nazionale e mondiale) e il modello IRAP. Passano da bozze a definitivi anche i modelli modelli da allegare a UNICO 2015 per contribuenti che non presentano gli studi di settore: i tre modelli INE (Indicatori di Normalità Economica) persone fisiche, società di persone e società di capitali e i due modelli Parametri esercenti attività d'impresa ed arti e...

Deduzione IRAP: i criteri di calcolo

IRAP Disposizioni particolari per i lavoratori agricoli, esclusione enti non commerciali, criteri di calcolo: ci sono una serie di casi specifici per la fruizione della deduzione IRAP sul costo del lavoro dipendente prevista dalla Legge di Stabilità (commi da 20 a 25 della legge 190/2014). In linea generale, la norma introduce una deduzione IRAP sul costo del personale dipendente con contratto a tempo indeterminato. => IRAP e IRPEF dopo la Legge di Stabilità 2015 Tecnicamente, l'agevolazione è pari alla differenza fra il costo del lavoro complessivo dei dipendenti a tempo indeterminato...

Confidi: il corretto regime IRAP

Confidi I Confidi determinano la base imponibile IRAP con il metodo retributivo e applicano l'aliquota IRAP ordinaria del 3,9%: lo stabilisce l'Agenzia delle Entrate nella risoluzione 5/E, fornendo consulenza giuridica in risposta a uno specifico quesito. Pur essendo disciplinati dal TUB, Testo unico bancario (dlgs 385/1993), ai fini delle imposte sui redditi applicano l’articolo 13, comma 45, del Dl 269/2003, quindi le regole degli enti commerciali. In materia, però, di determinazione della base imponibile IRAP, applicano invece l’articolo 10, comma 1, del dlgs 446/1997, come gli enti non...

IRAP e IRPEF dopo la Legge di Stabilità 2015

Legge di Stabilità 2015 Non ci sono solo il taglio IRAP imprese sul costo del lavoro e il bonus IRPEF per i dipendenti e i parasubordinati: la Legge di Stabilità 2015 introduce una serie di novità su queste due imposte. Sull'IRAP ci sono il credito d'imposta per le imprese senza dipendenti e il ritorno alle aliquote 2013, sull'IRPEF si segnalano la proroga delle detrazioni su ristrutturazioni edilizie, efficienza energetica e bonus mobili, la tassazione ordinaria per il TFR anticipato. Vediamo una sintesi delle misure. => Leggi anche come aumentano le tasse nel 2015 IRAP imprese, taglio costo del...

Modello IRAP: le nuove deduzioni

Dichiarazione dei reddito Pubblicata sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate la bozza della dichiarazione IRAP (Imposta Regionale sulle Attività Produttive) utilizzabile a partire dal prossimo anno, con le relative istruzioni. Tra le novità del nuovo modello IRAP trovano spazio le nuove semplificazioni e agevolazioni previste dalla Legge di Stabilità 2015. => Legge di Stabilità 2015: focus su Regime Minimi, Pensioni e IRAP Agevolazioni È il caso della deduzione per incremento occupazionale, l’aumento della deduzione forfetaria per i dipendenti a tempo indeterminato e di quella graduata in...

Legge di Stabilità 2015: focus su Regime Minimi, Pensioni e IRAP

Manovra-2015 Rush finale per la Legge di Stabilità 2015, con dibattito in commissione Bilancio al Senato più lungo del previsto e arrivo in Aula rimandato al 18 dicembre  (prevedibilmente con voto di fiducia, attesa entro il 19 dicembre) per poi tornare alla Camera in terza lettura il 21, in approvazione definitiva il 22: fra i capitoli caldi spiccano: riforma del Regime dei Minimi, taglio IRAP imprese, tasse sulle pensioni private. Il Governo ha presentato circa 80 emendamenti tra cui le modifiche in materia di IMU-TASI (in attesa della Local Tax, è stato congelato l'aumento delle aliquote...

IRAP azzerata per nuove imprese sarde

IRAP La Giunta della Regione Sardegna ha approvato la manovra finanziaria 2015 annunciando numerose novità per rilanciare l’isola e sostenere l’imprenditoria locale: tra le iniziative varate anche l’azzeramento dell’IRAP per i primi cinque anni delle nuove imprese, grazie soprattutto alle risorse che arriveranno dalla programmazione dei fondi Por 2014-2020 e dai trasferimenti UE. => Legge di Stabilità: in dubbio Bonus e tagli IRAP Taglio IRAP La Giunta stabilisce il taglio dell’IRAP definitivo del 25%, al quale si aggiunge la riduzione stabilita dalla Legge di Stabilità,...

Legge di Stabilità: in dubbio Bonus e tagli IRAP

Dubbi sulla Legge di Stabilità Dopo l'approvazione alla Camera, la Legge di Stabilità è giunta all'esame del Senato, dove si stanno affrontando alcune questioni ancora aperte tra le quali gli sconti IRAP per le PMI che assumono e i diversi bonus di supporto al reddito (bonus di 80 euro, anticipo del TFR e bonus bebè). Il dossier del Servizio Bilancio mette in dubbio proprio questi provvedimenti contenuti nella Legge di Stabilità 2015. Vediamo in dettaglio perché. => Legge di Stabilità 2015: le modifiche della Camera Bonus 80 euro Per quanto riguarda la stabilizzazione del bonus di 80 euro in busta paga...

X
Se vuoi aggiornamenti su Legge di Stabilità: in dubbio Bonus e tagli IRAP

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy