IRAP

L’IRAP (Imposta Regionale Attività Produttive) è un’imposta istituita con il D. Lgs. 446/1997 dall’allora Governo Prodi e successivamente divenuta, con la Legge Finanziaria del 2008, una tassa a tutti gli effetti, con il 90% del gettito ottenuto attribuito alle Regioni con l’obiettivo di finanziare il Fondo Sanitario Nazionale.

Chi è soggetto all’imposta

Si tratta di un’imposta strettamente legata al fatturato di Aziende, Enti o liberi professionisti: sono quindi soggetti al suo pagamento, in buona sostanza, tutti coloro i quali esercitano un’attività anche non commerciale, comprese le Pubbliche Amministrazioni e i produttori agricoli i quali, però, in alcuni casi, possono essere esonerati.

Determinazione dell’imponibile

L’imponibile per il calcolo dell’IRAP varia a seconda che il soggetto passivo sia:
  1. Impresa commerciale;
  2. Produttore agricolo;
  3. Ente non commerciale e/o Ente pubblico,
  4. Banche e/o Assicurazioni
Nel caso di impresa commerciale l’imponibile viene calcolato sul differenziale fra le voci classificabili nel valore della produzione, in base a quanto stabilito nello schema di bilancio di cui al Codice Civile, e quelle classificabili nel costo della produzione. Fra i costi di produzione non vanno calcolati i salari dei dipendenti, i crediti maturati e gli interessi di eventuali canoni di leasing. Per i produttori agricoli l’imponibile viene determinato come differenza tra l'ammontare dei corrispettivi e l'ammontare degli acquisti effettuati per la produzione agricola stessa; è possibile decidere di scegliere di calcolare l’imponibile come le imprese commerciali. Il produttore agricolo esonerato dall’IVA lo è anche dall’IRAP. Per gli Enti non commerciali l'imponibile è pari al totale dei compensi per lavoro dipendente, anche autonomo occasionale; qualora l'Ente svolga attività commerciale vale quanto detto per le imprese commerciali. Per quanto riguarda la PA vale quanto esposto per gli Enti non commerciali con la dovuta notazione che, per il calcolo dell’IRAP retributiva, il criterio dell’imponibile è quello di cassa. Se l’Ente pubblico svolge attività commerciale si può fare riferimento per il calcolo dell’imponibile ai criteri valevoli per le imprese commerciali (art. 5 del D. Lgs. 446/1997).

Aliquota e calcolo dell’Imposta

Al momento della sua introduzione l’aliquota prevista era del 4,25% ridotta al 3,90% con la Finanziaria del 2008, da moltiplicare per un coefficiente pari a 0,9176 in quelle Regioni che si erano avvalse del comma 3 dell’art. 16 del D. Lgs. 446/97 o per quelle la cui aliquota fu portata al 5,25% dalla Legge Finanziaria del 2006 (Lazio, Abruzzo, Campania, Molise e Sicilia). Il citato comma 3 consentiva alle Regioni di alzare o abbassare di un punto percentuale l’aliquota fissata al 4,25%: l’intervento deciso nella Finanziaria del 2006 fu necessario per tamponare lo sfondamento della spesa sanitaria.

Quando si paga

Per il versamento dell’IRAP valgono le stesse scadenze fiscali di IRPEF e IRES. Fino al periodo fiscale 2007 il modulo della Dichiarazione IRAP si allegava al Modello UNICO; successivamente, con la Legge Finanziaria del 2008, questo non è stato più possibile e le imprese commerciali devono oggi effettuare il versamento tramite il Modello F24 in due rate (16 Giugno e 30 Novembre dell’anno di competenza). Sempre il 16 Giugno deve essere erogato il versamento per il saldo dell’anno precedente: si può decidere di pagare entro i 30 giorni successivi tale data con una maggiorazione dello 0,4%. Le Pubbliche Amministrazioni devono usare il Modello F24-EP (Enti Pubblici).

Modello Redditi e IRAP: modifiche e proroga

Fisco Con il Provvedimento n. 90915/2017, l’Agenzia delle Entrate ha modificato i modelli di dichiarazione 2017: Redditi ENC, Redditi SC, Redditi SP, Consolidato nazionale e mondiale ed IRAP, insieme alle relative istruzioni, alle specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei relativi dati. L'obiettivo delle modifiche è di adeguare i modelli dichiarativi alle novità normative intervenute successivamente alla pubblicazione dei modelli e istruzioni e di correggere alcuni refusi. => Dichiarazione dei Redditi 2017: guida completa Proroga IRAP e Redditi SC Slittano inoltre di 15...

Agevolazioni IRAP in Liguria

IRAP La Regione Liguria traccia un bilancio più che positivo dell’iniziativa promossa nell’ambito del Grouth Act e volta a azzerare l’IRAP regionale per le nuove imprese: sono 765 su 987 le attività nate nel 2016 ad aver richiesto l’agevolazione fiscale. => Start & Growth: avvio imprese in Liguria Agevolazione IRAP Secondo la normativa, l’esenzione IRAP riguarda le nuove imprese nate nel 2016 e ha una durata quinquennale, applicabile nei settori: manifatturiero, edilizia, agroalimentare, artigianato, turismo, ristorazione, ricettività, nautica da diporto, informatica,...

Regime di cassa: le nuove regole

Credito Le PMI in contabilità semplificata non devono effettuare alcuna comunicazione al Fisco per applicare il nuovo regime di cassa, mentre il contribuente in regime forfettario deve esprimere una specifica opzione. Le regole sono contenute nella circolare dell'Agenzia delle Entrate 11/2017, dedicata alla determinazione IRPEF e IRAP nel nuovo sistema di contabilità per cassa. Il riferimento normativo: commi da 17 a 23 della Legge di Bilancio 2017 (legge 232/2016). => Imprese minori: il nuovo regime fiscale 2017 Beneficiari In parole semplici, si introduce dal 2017 il regime di cassa...

Decreto Terremoto: niente tasse alle imprese

dl terremoto Sostegno economico ad imprese e lavoratori delle zone colpite dal terremoto, che si aggiungono a quelle già previste dalla Legge di Stabilità, fra cui la creazione di una zona franca fiscale per le aziende che si trovano nei 134 comuni colpiti dal sisma, con esenzioni IRPEF, IRES, IRAP, IMU e TASI: il Consiglio dei Ministri del 2 febbraio 2017 ha approvato un nuovo decreto terremoti con l'obiettivo, ha spiegato lo stesso premier Paolo Gentiloni, di «mettere in campo tutte le norme e le iniziative necessarie per accelerare i percorsi di ricostruzione ed emergenza», rispondendo in modo...

Calcolo della base imponibile IRAP

IRAP La base imponibile IRAP, sulla quale si calcolano le imposte da pagare, in generale si determinata sottraendo al valore della produzione lorda i costi di produzione ma, in realtà, la determinazione precisa (produzione netta) cambia a seconda della tipologia di impresa o attività e del regime di contabilità. Vediamo una breve sintesi delle diverse modalità per calcolare la base imponibile IRAP. Imprese in contabilità ordinaria Le imprese in contabilità ordinaria che determinano il valore della produzione secondo le regole delle società di capitali e degli enti commerciali...

Scadenze fiscali: UNICO & Co.

Scadenze settembre In dirittura d'arrivo gli ultimi appuntamenti di settembre con il Fisco, tra le scadenze fiscali di maggiore rilievo: UNICO, IVA annuale, IRAP e Modello Cnm (Consolidato nazionale e mondiale). => Scadenze fiscali settembre UNICO 2016 L'ultimo giorno di settembre 2016 rappresenta infatti il termine ultimo per la presentazione telematica, direttamente o tramite intermediario abilitato, del Modello UNICO 2016, che comprende in forma unificata sia la dichiarazione dei redditi relativi all'anno di imposta 2015 che quella IVA. I contribuenti interessati dalla scadenza sono le società di...

Furto di merci, contabilità e disciplina fiscale

Gestione contabile e fiscale del furto dei beni in azienda Il furto di merci rappresenta una ingente fonte di perdita per le imprese, che devono far fronte a investimenti per dotare il magazzino di prodotti da rivendere o da lavorare. Vediamo la disciplina riguardante imposte dirette e IVA che si applicano in caso di sottrazione della merce, per evitare problemi di accertamenti fiscali per errori contabili. => Consulta la gestione contabile dei furti di beni In primo luogo va sottolineato che, in caso di furto di cespiti, si deve imputare in contabilità l'onere del costo che non è stato possibile ammortizzare in contropartita. La normativa...

Esenzione IRAP studio professionale

Un contribuente opera con codice attività 74.90.99 Altre attività professionali nca, effettua consulenze fiscali ma non essendo iscritto a nessun albo professionale, versa alla gestione separata INPS i propri contributi, opera nello stabile dove vi è un altro studio e dispone di strumenti minimi per lavorare. In data 29/12/2015 ha tuttavia assunto una dipendente a tempo parziale, con sola funzione di segreteria (rispondere al telefono e prendere appuntamenti). Può comunque essere esentato dall'IRAP in quanto non rientrante nella casistica della stabile organizzazione?

Taglio IRES: i conti sui risparmi

Tasse Tra gli ultimi annunci del premier Matteo Renzi ci sono quelli in tema di strategie su tasse e lavoro, con la promessa che nel 2017 per le imprese verranno ridotte l'IRES e l'IRI. Taglio IRES Un taglio, quello dell'IRES al 24% rispetto all'attuale 27,5% con il quale sono tassati gli utili delle società di capitali e i gruppi di società, che secondo uno uno studio della CGIA Mestre che porterà alle imprese, soprattutto quelle di grandi dimensioni, un risparmio pari a circa 4,1 miliardi di euro di tasse. => Tasse imprese, Renzi: taglio IRES e IRI Nel complesso si stima che le...

Applicazione aliquota IRAP, vale lo Statuto

IRAP Ai fini dell’applicazione dell’aliquota IRAP maggiorata per banche e assicurazioni, fa fede l’attività dichiarata nello Statuto e non quella concretamente svolta. Lo ha affermato la CTR Lombardia con sentenza n. 42/6/2016, che trae origine dal ricorso di una società contro una cartella di pagamento notificata da Equitalia, contestando l'applicazione del 4,82% IRAP (riservato a banche, assicurazioni e altri enti finanziari) piuttosto che l’aliquota ordinaria del 3,9%. => Dichiarazione IRAP 2016: modelli e novità Calcolo IRAP Dallo Statuto della società si evinceva...

X
Se vuoi aggiornamenti su IRAP

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy