IRAP

L’IRAP (Imposta Regionale Attività Produttive) è un’imposta istituita con il D. Lgs. 446/1997 dall’allora Governo Prodi e successivamente divenuta, con la Legge Finanziaria del 2008, una tassa a tutti gli effetti, con il 90% del gettito ottenuto attribuito alle Regioni con l’obiettivo di finanziare il Fondo Sanitario Nazionale.

Chi è soggetto all’imposta

Si tratta di un’imposta strettamente legata al fatturato di Aziende, Enti o liberi professionisti: sono quindi soggetti al suo pagamento, in buona sostanza, tutti coloro i quali esercitano un’attività anche non commerciale, comprese le Pubbliche Amministrazioni e i produttori agricoli i quali, però, in alcuni casi, possono essere esonerati.

Determinazione dell’imponibile

L’imponibile per il calcolo dell’IRAP varia a seconda che il soggetto passivo sia:
  1. Impresa commerciale;
  2. Produttore agricolo;
  3. Ente non commerciale e/o Ente pubblico,
  4. Banche e/o Assicurazioni
Nel caso di impresa commerciale l’imponibile viene calcolato sul differenziale fra le voci classificabili nel valore della produzione, in base a quanto stabilito nello schema di bilancio di cui al Codice Civile, e quelle classificabili nel costo della produzione. Fra i costi di produzione non vanno calcolati i salari dei dipendenti, i crediti maturati e gli interessi di eventuali canoni di leasing. Per i produttori agricoli l’imponibile viene determinato come differenza tra l'ammontare dei corrispettivi e l'ammontare degli acquisti effettuati per la produzione agricola stessa; è possibile decidere di scegliere di calcolare l’imponibile come le imprese commerciali. Il produttore agricolo esonerato dall’IVA lo è anche dall’IRAP. Per gli Enti non commerciali l'imponibile è pari al totale dei compensi per lavoro dipendente, anche autonomo occasionale; qualora l'Ente svolga attività commerciale vale quanto detto per le imprese commerciali. Per quanto riguarda la PA vale quanto esposto per gli Enti non commerciali con la dovuta notazione che, per il calcolo dell’IRAP retributiva, il criterio dell’imponibile è quello di cassa. Se l’Ente pubblico svolge attività commerciale si può fare riferimento per il calcolo dell’imponibile ai criteri valevoli per le imprese commerciali (art. 5 del D. Lgs. 446/1997).

Aliquota e calcolo dell’Imposta

Al momento della sua introduzione l’aliquota prevista era del 4,25% ridotta al 3,90% con la Finanziaria del 2008, da moltiplicare per un coefficiente pari a 0,9176 in quelle Regioni che si erano avvalse del comma 3 dell’art. 16 del D. Lgs. 446/97 o per quelle la cui aliquota fu portata al 5,25% dalla Legge Finanziaria del 2006 (Lazio, Abruzzo, Campania, Molise e Sicilia). Il citato comma 3 consentiva alle Regioni di alzare o abbassare di un punto percentuale l’aliquota fissata al 4,25%: l’intervento deciso nella Finanziaria del 2006 fu necessario per tamponare lo sfondamento della spesa sanitaria.

Quando si paga

Per il versamento dell’IRAP valgono le stesse scadenze fiscali di IRPEF e IRES. Fino al periodo fiscale 2007 il modulo della Dichiarazione IRAP si allegava al Modello UNICO; successivamente, con la Legge Finanziaria del 2008, questo non è stato più possibile e le imprese commerciali devono oggi effettuare il versamento tramite il Modello F24 in due rate (16 Giugno e 30 Novembre dell’anno di competenza). Sempre il 16 Giugno deve essere erogato il versamento per il saldo dell’anno precedente: si può decidere di pagare entro i 30 giorni successivi tale data con una maggiorazione dello 0,4%. Le Pubbliche Amministrazioni devono usare il Modello F24-EP (Enti Pubblici).

Rimborsi IRPEF per aziende e Partite IVA

Rimborsi IRPEF Buone notizie per il mondo delle Partite IVA con personale dipendente: sono in arrivo i rimborsi IRPEF dovuti alla deducibilità parziale dell’IRAP ai sensi dell’art. 2, comma 1-quater, del DL n. 201/2011 (c.d. Salva Italia). Sono già molte le aziende che aver ricevuto nel mese di agosto una busta verde dall’Agenzia delle Entrate contenente la notifica di tale rimborso, con le informazioni sul suo importo, sull'anno di riferimento e sulla data a decorrere dalla quale è possibile riscuotere le somme spettanti. => Deduzione IRAP: i criteri di calcolo Rimborsi Si tratta...

Professionisti: IRAP su compensi a terzi

IRAP Il professionista che eroga elevati compensi a terzi, per prestazioni inerenti l'esercizio della propria attività, è soggetto al pagamento dell’IRAP, indipendentemente dal ricorso a lavoratori dipendenti o a una società/associazione professionale: lo ribadisce la Corte di Cassazione (sentenza n. 12287 del 12 giugno 2015), analizzando la controversia riguardante l'impugnazione del silenzio-rifiuto opposto dall'Amministrazione Finanziaria a istanze del contribuente, esercente l'attività di perito edile, di rimborso dell'IRAP versata negli anni dal 2001 al 2004. => Addio esenzione...

Tasse sulle imprese in calo

Tasse Secondo le ultime analisi ISTAT, le tasse sulle imprese sono diminuite del -10%, con risparmi per le aziende pari a 2,6 miliardi di euro nel 2014. Un risultato al quale hanno contribuito le misure sull'Aiuto alla Crescita Economica (ACE) e l'IRAP. Lo studio ha analizzato, in particolare, l'effetto di tre misure attuate in questi anni dal Governo italiano: il potenziamento dell'ACE l’agevolazione introdotta dal decreto “Salva Italia” (Dl 201/2011) per rafforzare il sistema produttivo italiano puntando sul finanziamento delle piccole e medie imprese mediante capitale proprio con...

IRAP liberi professionisti: imponibile e deducibilità

Incentivi Quali sono spese e costi che liberi professionisti possono portare in deduzione ai fini IRAP e quali invece non sono deducibili? Per prima cosa ricordiamo che l'imposta non è dovuta se l’attività delle Partite IVA è svolta in assenza di autonoma organizzazione: non deve cioè esservi impiego di dipendenti o collaboratori e i beni strumentali non devono eccedere quelli di un contesto familiare (computer, fax, stampante, autovettura...). Per tutti gli altri casi si procede nel modo seguente. => Esenzioni IRAP per Partite IVA Calcolo IRAP La base imponibile IRAP è data dalla...

IRAP: maggiorazioni in Toscana

IRAP Secondo la recente sentenza emessa dalla Commissione tributaria regionale della Toscana (n. 1180/5/15), la sospensione dell’aliquota IRAP stabilita dalla Finanziaria per il 2003 non riguardava l'aliquota maggiorata del 4,40%, deliberata dalla Regione Toscana a partire dal 2003, ma solo le maggiorazioni non confermative delle aliquote in vigore per il 2002. => La nuova disciplina IRAP: chiarimenti Entrate Contenzioso La sentenza risolve un contenzioso sollevato da banche e istituti assicurativi contro la maggiorazione dell’aliquota IRAP disposta a livello regionale, aumento che...

Niente IRAP per i professionisti con supporto retribuito

IRAP Non è soggetto all'IRAP il professionista che si avvale dell'aiuto di colleghi di altri studi professionali. È quanto emerge dalla sentenza n. 15020/2014 della Suprema Corte di Cassazione in tema di assoggettamento ad IRAP dell’attività di lavoro autonomo. Il lavoro autonomo non è infatti soggetto al versamento dell'IRAP nel caso in cui non si tratti di attività autonomamente organizzata. Autonoma organizzazione Ricordiamo che il requisito della autonoma organizzazione ricorre quando il contribuente: sia, sotto qualsiasi forma, il responsabile dell'organizzazione, e non sia...

Esenzione IRAP per esiguità di investimento

Beni strumentali L'esistenza di una autonoma organizzazione rappresenta il presupposto per l’applicazione dell’IRAP ai professionisti e ai lavoratori autonomi. Questo significa che sono soggetti ad IRAP i lavoratori autonomi per i quali sussistano i seguenti requisiti: il professionista è responsabile dell'organizzazione; il professionista non è inserito in strutture organizzative riferibili a responsabilità e interessi altrui; il professionista impiega beni strumentali eccedenti il minimo indispensabile per l'esercizio dell'attività  in assenza di organizzazione o si avvale in modo non...

Professionisti: IRAP e gestione studio

Studio professionale È soggetto all'IRAP il professionista che affida la gestione dello studio a terzi, ad esempio una società di servizi. In questi casi risulta irrilevante la mancanza di dipendenti e collaboratori diretti. A precisarlo è la Corte di Cassazione con la sentenza n. 12287/2015. Ancora una sentenza in cui la Cassazione si pronuncia sul tema del presupposto impositivo dell’autonoma organizzazione dell’IRAP nel caso in cui libero professionista affidi all'esterno la gestione del proprio studio professionale, erogando elevati compensi per prestazioni afferenti l’esercizio della propria...

PMI: IRAP ridotta in Friuli Venezia Giulia

Tasse La Giunta regionale del Friuli Venezia Giulia ha detto si al nuovo regolamento che prevede la riduzione dell'IRAP dell'1% a beneficio delle imprese di nuova costituzione, come anche delle aziende che decidono di trasferire il loro insediamento produttivo sul territorio della Regione. => IRAP 2015: online i software Rilancimpresa FVG Si tratta di provvedimenti previsti dalla legge Rilancimpresa FVG di Riforma delle Politiche industriali, finalizzati a: «favorire la costituzione di nuove realtà economiche e incentivare l'apertura di insediamenti produttivi sul territorio regionale...

IRAP per le imprese commerciali

Snc Con la sentenza n. 10600/2015 la Corte di Cassazione ha confermato che l'attività svolta dalle società commerciali costituisce in ogni caso presupposto d'imposta ai fini IRAP, ai sensi dell’art. 2, D.Lgs n. 446/1997 (Istituzione e disciplina dell'imposta regionale sulle attività produttive). Dunque nel caso in cui si scelga di svolgere un'attività utilizzando uno dei modelli di società non è rilevante la sussistenza o meno di un’autonoma organizzazione, requisito solitamente richiesto per l'applicazione dell'IRAP. => Professionisti autonomi, quando scatta l'IRAP Il...

X
Se vuoi aggiornamenti su IRAP

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy