Ricostituzione pensione: ricalcolo e prescrizione

I termini di prescrizione per la ricostituzione delle pensioni, anche in caso di prestazioni di invalidità civile.

Sono titolare di un assegno di invalidità con decorrenza dall’anno 2000 e ho presentato domanda di ricostituzione per alcuni contributi non conteggiati al momento della liquidazione della pensione presentata nel mese di ottobre 2016. Gli arretrati da conteggiare sono di cinque anni, dal 01/11/2012. Quali sono i termini di prescrizione ai quali sono sottoposte le differenze dovute sulle rate già maturate e riscosse?

Domanda di: Giuseppe R.

La ricostituzione della pensione è uno strumento che consente il ricalcolo dell’importo del rateo, sia d’ufficio che a domanda, qualora intervengano elementi che comportino una modifica degli elementi di calcolo della pensione stessa (ad esempio aspetti di tipo contributivo, reddituali, o sanitari).

La domanda di ricostituzione non è sottoposta ad alcun limite di decadenza per il riconoscimento del diritto.

=> Ricostituzione pensione, domanda e termini

Le somme liquidate a titolo di arretrati sono invece sottoposte ai termini ordinari di prescrizione, ma l’articolo 38 del Decreto Legge n. 98/2011, convertito con modificazioni in Legge n. 111/2011 ha ridotto a cinque anni i termini di prescrizione dei ratei dei trattamenti pensionistici e delle differenze dovute a seguito di riliquidazioni, in particolare per i ratei maturati dal 6 luglio 2011.

=> Pensioni 2018: calcolo, requisiti e novità

Per quanto riguarda le prestazioni di invalidità civile i ratei già liquidati e non riscossi sono soggetti alla prescrizione quinquennale, mentre i ratei non ancora liquidati sono assoggettati alla prescrizione decennale ordinaria.

Per maggiori informazioni: Messaggio INPS n. 220/2013.

X
Se vuoi aggiornamenti su Ricostituzione pensione: ricalcolo e prescrizione

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy