Microcredito PMI, al via nuovo Bando MiSE

Click day a inizio aprile per il microcredito PMI, finanziamenti fino a 35mila euro, anche per autonomi e professionisti, attraverso il Fondo di Garanzia PMI, rimborsabili in 7-10 anni: assistenza dai Consulenti del Lavoro.

presentazione microcredito pmi

Prestiti fino a 35 mila euro, restituibili in 7-10 anni, per autonomi, PMI, micro imprese, professionisti, singoli imprenditori, che vogliono aprire un’attività: è il bando Microcredito PMI, per aderire al quale sarà fissato un click day all’inizio del prossimo mese di aprile.  A disposizione c’è un totale di 40 milioni di euro, 30 messi a disposizione dal ministero dello Sviluppo Economico, e 10 dal Movimento 5 Stelle, attraverso il Fondo di Garanzia per le PMI. Lo annunciano i Consulenti del Lavoro, partner dell’iniziativa, che per sensibilizzare le PMI e gli autonomi hanno fatto partire la campagna “Il Microcredito passa dai Consulenti del lavoro“.

=> Consulta tutti i bandi di Microcredito PMI

Il riferimento normativo è il decreto ministeriale 24 dicembre 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 3 febbraio 2015. Il bando per il Microcredito finanzia persone singole, società di persone, Srl semplificate, associazioni, cooperative per l’avvio o l’esercizio di attività di lavoro autonomo o di Microimpresa, società tra professionisti. La caratteristica fondamnetale del microcredito è che non sono necessarie le garanzie che vengono normalmente richieste per un prestito bancario. Ogni richiedente può ottenere un prestito base di 25mila euro, che possono arrivare a quota 35mila prevedendo un’erogazione frazionata che subordina i versamenti successivi ai primi alle seguenti condizioni: il pagamento puntuale delle ultime sei rate e lo sviluppo del progetto finanziato, attestato dal raggiungimento di risultati intermedi che sono stabiliti dal contratto e verificati dall’operatore di microcredito.

Il finanziamento viene restituito con un piano di rate trimestrali, che dura sette anni, oppure dieci se il finanziamento riguarda anche progetti formativi. Il prestito è sempre finalizzato all’avvio di una nuova attività organizzata in forma individuale, di associazione, di società di persone, Srl semplificata, cooperativa. Non possono accedere titolari di partita IVA da più di cinque anni, o con un numero di dipendenti o collaboratori superiore a cinque. Escluse anche le imprese che, per dimensioni, rientrano nell’ambito di applicazione della Legge fallimentare. È possibile ottenere la garanzia del Fondo per le PMI fino all’80% del finanziamento, e una controgaranzia, sempre all’80%, su un importo garantito da Confidi o da un altro fondo.

=> Il nuovo Fondo di Garanzia per le PMI

Marina Calderone, presidente dei Consulenti del Lavoro, sottolinea che gli interessati:

«Potranno avere dai Consulenti del lavoro tutte le informazioni necessarie per la compilazione della domanda, che pubblicheremo anche sul sito www.consulentidellavoro.it» e aggiunge: «assistiamo 1.250.000 piccole e medie e imprese e gestiamo quasi 8 milioni di rapporti di lavoro, pertanto, gli studi dei nostri iscritti rappresentano un presidio funzionale al buon andamento della pubblica amministrazione».

Effettuata la richiesta, i requisiti vengono verificati in 30 giorni e viene presentata la relativa documentazione alle banche per l’erogazione del prestito. (Fonti: scheda tecnica sul Bando Microcredito PMI dei Conulenti del Lavoro)

X
Se vuoi aggiornamenti su Microcredito PMI, al via nuovo Bando MiSE

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy