Creare mappe concettuali con CmapTools 5.03

di Caterina Martino

scritto il

Organizzare il proprio lavoro realizzando schemi e mappe concettuali in modo semplice e ordinato: è possibile con il software open source CmapTools

CmapTools è un software gratuito per velocizzare la costruzione di mappe concettuali. Realizzato dall’Institute for Human and Machine Cognition (IHMC) (Cornell University of West Florida), nasce come strumento per docenti e studenti ma presenta caratteristiche tali da poter essere adoperato anche in azienda e da professionisti, per corsi di formazione, riunioni o progetti di lavoro.

Consente di realizzare mappe concettuali, interattive, statiche ed esplicative, schemi riassuntivi e con parole-chiave, supportandoci in molteplici attività.

La possibilità di personalizzare i nodi concettuali e le relazioni che intercorrono tra essi è vasta: possiamo associare colori diversi per ogni concetto; definire con precisione il tipo di legame; usare font diversi differenziando un nodo all’altro; delineare i vari tipi di relazione tra i concetti utilizzando un diverso andamento, e molto altro ancora.

Inoltre, il software ci consente di esportare la mappa in altri formati, condividerla in rete con altri utenti e addirittura trasformarla in una pagina web. In questo tutorial descriveremo i passi essenziali relativi all’installazione a all’utilizzo di questo programma.

Download e installazione

Per scaricare CmapTools 5.03 colleghiamoci al sito ufficiale (la cui home page si presenta sotto forma di mappa concettuale) e progediamo alla registrazione.

Nei campi obbligatori inseriamo indirizzo email, nome, nazione, uso – commerciale (con nome della nostra azienda) o personale – indicando anche il sistema operativo. Terminiamo facendo clic su Submit.

Nella pagina Download IHMC CmapTools scegliamo il tipo di file da scaricare a seconda del sistema operativo (nel nostro caso, “IHMC CmapTools v5.03 for Windows”) e salviamo l’eseguibile.

Avviamo l’installazione, che non è complessa ma richiede numerosi passaggi. Lanciamo il file WinCmapTools_v5.03_04-07-09.exe, accettiamo i termini del contratto, scegliamo il tipo di installazione (è preferibile Advanced Configuration e definiamo il percorso di installazione.

Con l’installazione avanzata possiamo decidere come aggiornare il programma: in modo automatico (Automatically) o su nostra richiesta (On Demand).

Successivamente, scegliamo la voce “Delete all User IDs and Passwords at the end of each session”, fondamentale per proteggere le credenziali di accesso, soprattutto se operiamo su un pc aziendale utilizzato da più utenti aziendali.

Lasciamo vuoti i campi Profile e My Cmaps che vanno compilati solo se vogliamo usare una cartella di dati diversa da quella di default. Possiamo decidere di attivare la registrazione automatica di tutte le nostre mappe, per il momento facciamo clic sulla voce “No, do not auto-record”.

Scegliamo “No” per non attivare l’autenticazione dei protocolli PKI nella loro comunicazione con il server. Scegliamo “Yes” per la creazione di file log che segnalano eventuali problemi di funzionamento. Scegliendo Yes, ci viene chiesta la cartella di salvataggio dei file log, lasciamo selezionata quella proposta, quindi facciamo clic su Next.

Non modifichiamo gli ultimi passi della scheda Configuration e cioè quelli relativi a nome dei file log, loro grandezza e numero massimo di file log che possono essere creati nel PC.

Nella scheda Pre-installation Summary possiamo infine ricontrollare i dati inseriti prima di confermare. Facciamo clic su Install e in pochi secondi si completerà l’installazione. Quando compare la scheda Install Complete facciamo clic su Next e poi su Done per terminare e chiudere la procedura.

Utilizzo

Apriamo il programma dal menu Start. Inseriamo nome e email con cui abbiamo effettuato la registrazione, scegliamo il nome utente e password e facciamo clic su OK.

All’apertura del programma compaiono due finestre: un foglio vuoto nel quale realizzare la mappa e la finestra di interazione col programma denominata “Viste”.

Specifichiamo ora le impostazioni generali. Nella finestra “Viste” facciamo clic sul menu “Modifica” e nell’elenco scegliamo Preferenze: possiamo modificare i nostri dati, stabilire impostazioni su server, ortografia, salvataggio automatico delle mappe e così via.

Nella finestra “Viste” decidiamo se lavorare in locale (Cmap in Locale) o in condivisione (Cmap Condivise in rete) con la possibilità di accedere a dei database con le mappe di tutti gli altri utenti del mondo. Inoltre, sempre in “Viste”, possiamo visualizzare la Cronologia del percorso di navigazione tra le mappe condivise e i nostri Preferiti.

Creare una mappa

Iniziamo a lavorare in locale: selezioniamo Cmap in Locale e, in “Viste”, facciamo clic su File e poi su Nuova Cartella, nella cui finestra digitiamo un nome che vogliamo associare ed eventualmente una descrizione; poi confermiamo con OK.

In fondo al riquadro della finestra “Viste” usiamo il comando Miniature per cambiare la modalità di visualizzazione delle cartelle; è utile quando le cartelle da gestire sono molte.

Per creare sottocartelle selezioniamo una cartella già esistente, che diventerà la cartella di livello superiore. Mentre è selezionata, facciamo clic su File e poi su Nuova cartella. Definiamo le caratteristiche della seconda cartella e confermiamo. La nuova cartella sarà inserita in quella precedente.

Per creare uno nuovo foglio di lavoro, usiamo il comando Nuova Cmap dal menu File. Per salvare una mappa (in locale o su un server) contenuta nel foglio, facciamo clic su File e poi su Salva Cmap come.

Se non intendiamo condividere il nostro lavoro, scegliamo la cartella di destinazione (doppio clic su di essa nell’elenco del campo Posizione). Inseriamo il nome da associare alla mappa ed eventualmente una parola chiave. Confermiamo con Salva.

(*Fine prima parte)

I Video di PMI