Tratto dallo speciale:

Social Collaboration Survey 2013

di Francesca Vinciarelli

scritto il

Al via il sondaggio online per le PMI italiane che si accostano agli strumenti di collaborazione sociale: ecco come e perchè partecipare alla Social Collaboration Survey 2013.

I più recenti studi confermano come le imprese a livello globale siano sempre più orientate all’adozione di soluzioni di Social Collaboration per incrementare la priduttività e migliorare il rapporto con clienti e fornitori: una tendenza che anche tra le PMI italiane si sta diffondendo gradualmente (approfondisci: Social Business, il futuro del lavoro è la partecipazione ). Per effettuare un primo benchmark e raccogliere utili feedback è ai nastri di partenza la Social Collaboration Survey 2013. Obiettivo finale, fornire dati strutturati e sistematizzati sullo stato della Social Collaboration nel nostro Paese, delineando gli ostacoli alla diffusione di tali tecnologie, le strategie più efficaci per adottarle con successo, i trend futuri di breve e medio termine (leggi anche: Benefici e ostacoli della Social Collaboration in azienda). Il sondaggio online prende in considerazione 4 dimensioni fondamentali per la diffusione della Social Collaboration:

  • Cultura
  • Organizzazione e processi
  • Tecnologia
  • Misurazione

Dati e tendenze che le PMI dovrebbero conoscere a fondo per capire come si stanno muovendo le aziende concorrenti a livello nazionale e internazionale ma anche e soprattutto per individuare le best practice e gli errori da evitare nella migrazione al modello lavorativo della Social Collaboration ( scopri la Social Collaboration per PMI nell’era BYOD) Ai partecipanti alla Survey, che si chiuderà a settembre 2013, viene fornita garanzia di anonimato. I risultati verranno resi pubblici e condivisi liberamente. Il progetto è completamente gratuito e senza fini di lucro => Partecipa alla Social Collaboration Survey 2013!