Apple Snow Leopard Server sposa l’iPhone

di Noemi Ricci

scritto il

Mac OS X Snow Leopard versione Server: presentate le funzionalità nella nuova release, tra cui i servizi per l'utilizzo di iPhone in azienda, il file system ZFS e OpenCL

Non solo iPhone 3G: Apple ha anunciato ufficialmente durante il keynote di Steve Jobs al WWDC 2008 di San Francisco la nuova release di Mac OS X Snow Leopard versione Server.

Tra le numerose funzionalità integrate , tutte business-oriented, segnaliamo i servizi di condivisione per calendari, i contatti con notifiche push per iPhone, gli strumenti di collaborazione online, l’accesso remoto sicuro per utenti mobili, il file system ZFS e OpenCL e il supporto aggiuntivo per 64 bit e multicore.

In generale, risultano migliorate le prestazioni della versione sia desktop che server. Quest’ultima, di fatto, sfrutterà al massimo la tecnologia a 64 bit dei processori e l’architettura multicore.

L’integrazione di OpenCL consente l’utilizzo ottimale delle risorse di calcolo dei processori grafici per eseguire complesse operazioni matematiche, velocizzando simulazioni, codifica video, modelli matematici ed economici.

Grazie alla presenza del file system ZFS a 128 bit, Snow Leopard è in grado di fornire tutte quelle funzioni e servizi avanzati, indispensabili per l’ambiente server.

A fronte del grande successo dell’iPhone, la nuova release versione server integrerà tutta una serie di servizi e funzioni per l’impiego aziendale del melafonino.
Qualche esempio? Come dicevamo, il calendario e la rubrica con supporto per la creazione di gruppi o la condivisione di informazioni, che consente la programmazione congiunta di eventi e l’accesso ai contatti.

In ambito enterprise, in effetti, risultano di grande utilità per l’integrazione con la rete aziendale anche le sopracitate le notifiche push.

Infine, prevista anche l’integrazione di Podcast Producer 2 ed il miglioramento di Mail Server per la gestione della posta elettronica aziendale.