Saldi e truffe online: guida in pillole dalla Polizia Postale

di Redazione PMI.it

scritto il

Il decalogo di regole da seguire per difendersi dalle truffe online nel periodo dei saldi di fine stagione.

Prestare attenzione alle possibili truffe online è una buona abitudine che tutti coloro che si dedicano agli acquisti web dovrebbero seguire tutto l’anno. Tuttavia è proprio in corrispondenza dei saldi di fine stagione che il rischio aumenta in modo esponenziale.

=> Saldi invernali 2020: le occasioni e-commerce

I saldi di gennaio 2020 sono già iniziati in molte regioni e sono numerosi i portali e-commerce che offrono prodotti a prezzi scontati.

La Polizia Postale ha stilato un prezioso decalogo contenente i consigli per acquistare online in tutta sicurezza anche nel periodo dei saldi invernali:

  1. usare software e browser aggiornati: poter contare su un sistema operativo ottimale e su un antivirus efficace aggiornato all’ultima versione è il primo passo da compiere per neutralizzare anche le minacce più recenti;
  2. preferire siti certificati o ufficiali: è sempre preferibile dare la preferenza agli e-commerce che fanno capo a grandi catene già note in grado di garantire la massima sicurezza in termini di pagamento, assistenza e garanzie sui prodotti;
  3. cercare i riferimenti ufficiali del sito web: anche i negozi online devono riportare sempre i riferimenti ufficiali, come la Partita IVA e un indirizzo fisico permettendo ai consumatori di contattare l’azienda in modo facile e immediato;
  4. leggere i feedback lasciati da altri acquirenti: i commenti sono una risorsa utile per poter avere fiducia sul venditore;
  5. usare App mobile ufficiali: se si sceglie di acquistare da grandi negozi online è sempre meglio utilizzare le App ufficiali, evitando il rischio di “essere indirizzati” su siti truffaldini o siti clone;
  6. usare carte di credito ricaricabili: è buona norma anche cercare l’icona del “lucchetto chiuso” in fondo alla pagina o la dicitura “https” nella barra degli indirizzi, indice di garanzia di riservatezza dei dati inseriti nel sito;
  7. non cadere nella rete del phishing e/o dello smishing: prestare attenzione alle email o agli SMS che chiedono di cliccare su un link per raggiungere una pagina web trappola, collegamento che differisce sempre da quello originale;
  8. leggere attentamente gli annunci pubblicitari: se troppo brevi o poco esaustivi è sempre buona norma chiederne ulteriori informazioni al venditore;
  9. diffidare dai prodotti messi in vendita a un prezzo irrisorio: questo potrebbe essere indice di truffa;
  10. dubitare da chi chiede di esser contattato al di fuori della piattaforma di vendita, così come dagli annunci contenuti all’interno di email ambigue e da chi ha troppa fretta di concludere l’affare.

I Video di PMI

Conta l’r-commerce più dell’e-commerce?