Lavori gravosi

I lavori gravosi sono una serie di 11 mestieri introdotti con la Legge di Bilancio 2017. I lavoratori che svolgono, da almeno 6 anni, una delle attività presenti nell’elenco possono accedere sia all’APe Social (con 63 anni compiuti e 36 anni di contributi versati) che alla pensione quota 41, quella dei lavoratori precoci.

Lavori gravosi: quali sono

Entro il 1 Marzo 2017 il Governo emanerà un decreto attuativo che definirà le caratteristiche specifiche di ognuno degli 11 mestieri ritenuti gravosi, che sono:

  • addetti alla concia di pelli e pellicce;
  • addetti ai servizi di pulizia;
  • addetti spostamento merci e/o facchini;
  • conducenti di camion o mezzi pesanti in genere;
  • conducenti treni e personale viaggiante in genere;
  • guidatori di gru o macchinari per la perforazione nelle costruzioni;
  • infermieri o ostetriche che operano su turni;
  • maestre/i di asilo nido e scuola dell’infanzia;
  • operai edili o manutentori di edifici;
  • operatori ecologici e tutti coloro che si occupano di separare o raccogliere rifiuti;
  • chi cura, per professione, persone non autosufficienti;

Requisiti e domanda

Possono inoltre accedere alla pensione anticipata per i lavori gravosi anche i lavoratori precoci disoccupati e che non usufruiscono di ammortizzatori sociali da almeno 3 mesi, gli invalidi al 74% e i caregiver che da almeno 6 mesi seguano un parente di primo grado affetto da disabilità.

Tutti gli articoli

APE gravosi: chiarimenti INPS

Come si calcolano gli anni di lavoro gravoso necessari per il diritto all’APE sociale e alla pensione anticipata precoci: precisazioni INPS e casi particolari.

Mansioni gravose, i nuovi moduli

L’INPS inserisce le nuovi mansioni gravose previste dalla Legge di Stabilità 2018 nei moduli per l’attestazione del datore di lavoro necessaria alla domanda di APE Social e pensione precoci.