Tratto dallo speciale:

Mobile App: in arrivo obblighi privacy nella UE

di Noemi Ricci

scritto il

Mobile App: nuove direttive e raccomandazioni UE per utenti, sviluppatori, produttori di sistemi operativi e distributori, per tutelare la privacy e sicurezza dei dati sensibili contenuti nei terminali mobili, soprattutto in ambito aziendale, dove spopolano BYOD e BYOA.

Il rapido diffondersi dei dispositivi mobili all’interno delle realtà aziendali sta orientando l’attenzione dell’UE verso i problemi di privacy legati all’istallazione e utilizzo di applicazioni.

=>Scopri il BYOA: app dei dipendenti per la produttività sul lavoro

Le Autorità europee per la protezione dei dati si sono riunite nel “Gruppo Articolo 29” e hanno analizzato la questione determinando gli obblighi che distributori e produttori di sistemi operativi e apparecchi di telefonia mobile dovranno rispettare per garantire la Privacy dell’utente che adotta una Mobile App.

La necessità deriva dai numeri: in media, risultano istallate  circa 40 app su ogni smartphone o tablet, ognuna delle quali con potenziale accesso ad una enorme quantità di dati sensibili e informazioni personali.

=> Scopri le migliori App per il business

«Spesso tutto ciò avviene senza che l’utente dia un consenso libero ed informato, quindi in violazione della legislazione europea sulla protezione dei dati», ha spiegato Antonello Soro, Presidente dell’Autorità italiana per la privacy.

Le nuove misure hanno proprio lo scopo di garantire la tutela dei dati personali, quindi la privacy e la reputazione degli utenti, obbligando gli operatori a fornire informative adeguate e ad ottenere appunto un consenso veramente libero e informato.

=> Leggi la Guida all’utilizzo sicuro delle Mobile App

Vengono inoltre fornite delle raccomandazioni per sviluppatori, produttori dei sistemi operativi e distributori, perché la sicurezza dei dati personali e la loro protezione avvenga in modo coordinato e duraturo nel tempo.

Si va dall’impiego di identificativi non persistenti anti-tracciamento, ai tempi di conservazione dei dati degli utenti, all’utilizzo di icone di immediata comprensione sulle diverse tipologie di trattamento dei dati utilizzato, alla richiesta di consenso da parte dei genitori in caso di minorenni.

=> Vai alla Guida alla privacy in azienda

Infine infine posto l’accento sulla necessità di fornire agli utenti una efficace assistenza, specifica per i problemi legati al trattamento di dati personali da parte delle App installate.

Per maggiori informazioni consulta il Comunicato Stampa del Garante per la Protezione dei Dati Personali

___________________

* Immagine Shutterstock

I Video di PMI

Google Analytics: attenzione alla Frequenza di Rimbalzo!