RIM: boom di app BlackBerry grazie al carrier billing

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

In aumento la vendita di app BlackBerry dal market RIM grazie al carrier billing: la fatturazione diretta tramite operatore avvantaggia i clienti business e i partner mobile.

In occasione del Mobile World Congress 2012, RIM (Research in Motion) ha annunciato una crescita del 120% per gli operatori TLC in relazione nell’acquisto di app BlackBerry da BlackBerry App World; un risultato particolarmente brillante che deve parte del suo merito all’introduzione dell’opzione di carrier billing, in grado di facilitare l’acquisto di applicazioni mobili.

La fatturazione integrata con l’operatore telefonico offre un valore aggiunto all’interno ecosistema mobile, che include carrier, sviluppatori, provider e clienti, e un servizio in più agli utenti.

Il carrier billing consente l’acquisto di app e beni digitali senza interferire  nell’esperienza di acquisto degli utenti, con la possibilità di pagare su base mensile attraverso regolare fattura oppure attraverso pagamenti una-tantum o ricorrenti (su abbonamento).

Alla luce dei dati di vendita (+120%) il nuovo meccanismo sembrerebbe aumentare sensibilmente la propensione all’acquisto di app attraverso il BlackBerry App World, grazie proprio all’immediatezza delle operazioni: quasi il 70% delle transazioni relative al download delle app per BlackBerrydal marketplace avviene tramite carrier billing.

Sono oltre 40 gli operatori telefonici a livello mondiale che hanno attivato l’opzione di carrier billing per i loro clienti all’interno del BlackBerry App World. Nell’elenco diversi operatori europei (quali A1 Telekom in Austria, SFR in Francia e Telefonica in UK) e americani (AT&T e T-Mobile in USA, Rogers Wireless in Canada e Digicel ai Caraibi e America Latina).

Secondo Dario Talmesio, Principal Analyst, Informa Telecoms & Media, «ci sono chiari benefici a livello business per gli operatori mobili quando implementano il carrier billing, poiché questo permette loro di costruire sopra relazioni di pagamento già esistenti con i clienti».