InfoCert nel Cloud Signature Consortium

di Francesca Vinciarelli

scritto il

InfoCert promuove il Consorzio che punta a sviluppare un open standard per le firme digitali remote e in cloud in vista dell'entrata in vigore di eIDAS.

Prende il via il Cloud Signature Consortium, un organismo internazionale impegnato nella definizione di nuovi standard aperti, in ambito web e mobile, per le firme digitali remote e in cloud. Ad annuncialo è stata InfoCert, società del gruppo Tecnoinvestimenti SpA e Certification Authority leader europeo nei servizi di digitalizzazione e dematerializzazione, in qualità di socio promotore.

=> Best Practice in azienda nel percorso verso il cloud

Il consorzio ha l’obiettivo primario di definire nuovi standard d’interoperabilità compliant con eIDAS – le nuove regole UE che rappresentano un passo decisivo per il via definitivo ad un mercato unico digitale Europeo – per la firma digitale remota e in cloud. In sostanza quello che si intede fare è promuovere la trasformazione digitale del business su scala globale garantendo a chiunque l’accesso a soluzioni di firma digitale sicura mediante un’ampia gamma di applicazioni cloud e dispositivi mobili.

=> Regolamento eIDAS: cosa sapere

I membri del consorzio sono attualmente 13 tra i quali, oltre ad Adobe come primo promotore e InfoCert come unica Centification Autorithy italiana, ci sono fornitori di firma digitale in cloud, trust services provider, istituzioni accademiche, enti di standardizzazione e organizzazioni per la sicurezza.

Danilo Cattaneo, Amministratore Delegato di InfoCert, spiega:

«InfoCert è orgogliosa di promuovere il Cloud Signature Consortium perché è convinta che l’interoperabilità sia fondamentale per una sempre più diffusa adozione di soluzioni trust, vero fattore abilitante di qualsiasi trasformazione digitale del business. Il debutto del consorzio nell’imminenza dell’entrata in vigore del regolamento eIDAS conferma la necessità di creare ecosistemi digitali trusted che superino gli anacronistici confini nazionali del business».

=> Firma digitale certificata: funzionamento e vantaggi

Si applicherà infatti a decorrere dal 1° luglio 2016 il Regolamento (UE) n. 910/2014 del Parlamento Europeo e del Consiglio UE in materia di identificazione elettronica e servizi fiduciari per le transazioni elettroniche nel mercato interno, noto con l’acronimo di eIDAS – electronic IDentification Authentication and Signature (eTS – electronic Trust Services), che stabilisce le condizioni per il riconoscimento reciproco tra gli Stati Membri in ambito di identificazione elettronica e le regole comuni per le firme digitali sicure.

Per saperne di più vai al sito dedicato al Cloud Signature Consortium.