Tratto dallo speciale:

Soluzioni per consolidare l’IT

di Angela Rossoni

scritto il

Alcune soluzioni complete e semplici all'uso che consentono alle PMI di ottenere i vantaggi del consolidamento delle proprie risorse IT

Consolidare la propria infrastruttura IT significa per le aziende ridurre il numero di macchine fisiche, lasciando invariati le funzionalità offerte grazie alla virtualizzazione. Significa anche migrare più applicativi eterogenei in un numero ridotto di server fisici, riducendo così i costi e la complessità delle infrastrutture IT, le quali possono erogare maggiori servizi con risorse economiche sempre più ristrette. Esistono sul mercato alcune soluzioni complete per il consolidamento dei server, che consentono di abbattere i costi di gestione dell’infrastruttura IT, di migliorare l’efficienza e le prestazioni dei sistemi e di aumentare la stabilità e l’affidabilità dei sistemi.

Citrix offre XenServer, un sistema end-to-end dinamico per la virtualizzazione dei server che trasforma le applicazioni e l’infrastruttura IT di un’azienda in servizi on-demand efficienti. Centralizzando e semplificando la gestione delle applicazioni e dei carichi di lavoro mission critical (sistemi operativi, applicazioni e configurazioni), la soluzione consente di ridurre i costi operativi anche del 50%, oltre ad ottimizzare l’efficienza e l’utilizzazione dei server e a garantire un application delivery più veloce, livelli di disponibilità più elevati, una maggiore efficienza e prestazioni spinte indipendentemente da dove si trovi l’utente. Eventuali aggiornamenti e patch sono effettuati solo su una copia di ciascuna applicazione o sistema operativo, anziché dover gestire più dispositivi utente all’interno dell’organizzazione.

Figura 1:

Attraverso XenServer più server possono essere avviati da una singola immagine condivisa, e i carichi di lavoro sono forniti dinamicamente ai server sia fisici, sia virtuali. In questo modo è possibile fornire nuove applicazioni nel giro di pochi minuti e di aggiornare le applicazioni esistenti in brevissimo tempo, il tutto senza sacrificare la semplicità d’uso. XenServer è in grado di eseguire più macchine virtuali su un unico server fisico grazie al suo potente Hypervisor open source Xen, alla gestione efficace della CPU e della memoria, alla tecnologia di provisioning e alla virtualizzazione I/O assistita dall’hardware. La soluzione è disponibile in quattro versioni: di queste, l’Express Edition, indicata per installazioni server singole e carichi di lavoro statici, è una versione gratuita di tipo entry level.

Hyper-V Server 2008 R2 di Microsoft è un prodotto standalone ottimizzato per la virtualizzazione, che consente alle aziende di qualsiasi dimensione di migliorare l’utilizzo dei propri server e di ridurre i costi di gestione. Hyper-V Server contiene Windows Hypervisor, il driver Windows Server e i componenti per la virtualizzazione. È caratterizzato da un ingombro ridotto e richiede risorse operative limitate per il funzionamento. È facilmente installabile all’interno di ambienti IT esistenti ed è in grado di sfruttare le risorse esistenti di gestione e di provisioning, minimizzando le curve di apprendimento per l’uso. Hyper-V Server 2008 R2 supporta la funzione di live migration: gli utenti possono spostare dinamicamente le macchine virtuali da una macchina fisica ad un’altra senza comportare interruzioni del servizio. Il software supporta inoltre la migrazione fra diverse versioni di CPU all’interno della stessa famiglia di processori, semplificando l’aggiornamento dell’hardware. Il prodotto è scaricabile gratuitamente dal sito di Microsoft.

Le soluzioni di consolidamento dei server System p di IBM consentono alle aziende di ridurre il numero dei server dedicati a una singola applicazione, consolidandoli in un numero inferiore di server ad elevate prestazioni più potenti e più economici da gestire. Le funzioni di virtualizzazione consentono di regolare dinamicamente le risorse dei sistemi per soddisfare i periodi di picco delle richieste per tutti i carichi di lavoro, dai server web alle applicazioni ERP e CRM, ad elevato utilizzo di database.

La funzione Capacity Upgrade on Demand (CUoD), disponibile opzionalmente su alcuni modelli di server, consente alle aziende di ottenere capacità di elaborazione aggiuntiva senza alcuna interruzione di servizio. Il consolidamento dei server attraverso i server System p permette di ridurre la complessità dell’infrastruttura IT e i suoi costi, riducendo il numero dei server fisici e di conseguenza i costi e lo spazio necessario. Inoltre aumenta la disponibilità, le prestazioni e l’efficienza operativa con un’utilizzazione maggiore del processore, della rete e delle risorse del database del server, grazie alla tecnologia IBM POWER5 e a funzioni come Advanced POWER Virtualization (APV).

Figura 2:  IBM System P

IBM System p

La versione Starter di VMware Infrastructure 3 Suite è pensata appositamente per le piccole aziende o per le filiali remote. La soluzione, basata sulla tecnologia VMotion di VMWare, consente di migrare in tempo reale macchine virtuali da un server fisico ad un altro, virtualizzando ed aggregando server standard, con reti, risorse di storage e NAS in gruppi di risorse unificate. In questo modo, ambienti completi che comprendono sistemi operativi ed applicazioni sono incapsulati in macchine virtuali indipendenti dall’hardware.

Figura 3:  VMWare InfrastructureIl software di virtualizzazione crea un livello di astrazione tra i server, lo storage, il networking, l’hardware e il software, assicurando risparmi sui costi hardware anche del 50%, un abbattimento della spesa energetica dell’80% e alti livelli di affidabilità, oltre ad offrire vantaggi in termini di business continuity, flessibilità, funzionalità, prestazioni e semplificazione della gestione delle risorse IT. VMware Infrastructure 3 Suite consente inoltre di ridurre lo spazio occupato dai server del 50% e i tempi di fermo macchina dal 25 al 55%. La soluzione é stata testata su oltre 200 combinazioni di server, di sistemi di storage e di software di gestione, e supporta i sistemi operativi Windows, Linux, Netware e Solaris.