Made in Italy e Rfid: Moda in pole position

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

La filiera italiana della Moda è tra i segmenti del Made in Italy pionieri per l'uso di tecnologie Rfid, con benefici economici e ottimizzazione del ciclo produttivo.

L’adozione dell’Rfid nel Made in Italy non è una novità: soprattutto la filiera della Moda, però, sta oggi emergendo come nell’utilizzo virtuoso di tali tecnologie: ancor più di altri settori, ha da subito creduto nei benefici connessi, come conferma il nuovo insider report “La Diffusione delle tecnologie a Radiofrequenza nella filiera italiana del Fashion” redatto da Cedites (Loft Media Publishing) e Aton.

La ricerca fotografa la diffusione crescente nel 2010 lungo tutta la filiera: dalla produzione al confezionamento e trasformazione. Un trend positivo e in crescita, anche se è presto per parlare di adozione di massa.

I benefici più interessanti nell’applicazione di tali tecnologie nel comparto Moda sono di ordine logistico e contribuiscono alla ottimizzazione della filiera, con conseguente ritorno economico.

Inoltre il tag Rfid può contribuire alla tutela del Made in Italy e migliorare gli aspetti di tracciabilità dei singoli capi. Ad esempio grazie al controllo sul mercato grigio, l’Rfid ha consentito di abbattere i costi legali del 100% e dal punto di vista della filiera ha dimezzato i tempi di spedizione e aumentato del 90% la velocità nella fase di controllo del confezionamento. Un ritorno immediato degli investimenti, che permette alle aziende di recuperare quanto impegnato nel giro di sei mesi.

Link utili:

  • Rapporto “La Diffusione delle tecnologie a Radiofrequenza nella filiera italiana del Fashion