Tratto dallo speciale:

e-Intensity: Italia in ritardo nel Digital Business

di Tullio Matteo Fanti

scritto il

Italia indietro per politiche anti-digital divide e poco brillante per qualità delle infrastrutture e dell'accesso alla rete, investimenti per e-commerce e pubblicità online, utilizzo del Web da parte di imprese, istituzioni e cittadini.

L’Italia è ancora in ritardo sulle politiche che dovrebbero proteggere il nostro Paese dal digital divide sia a livello privato che business.
A sostenerlo, una ricerca del Boston Consulting Group intitolata “e-Intensity Index 2012”, che posiziona l’Italia a metà della classifica a livello mondiale.

Lo studio, ha analizzato i diversi Paesi in base a 3 indicatori di performance:

  • Enablement – la qualità delle infrastrutture e dell’accesso alla rete.
  • Expenditure – quanto viene speso per e-commerce e pubblicità online.
  • Engagement – quanto imprese, governi e consumatori abbracciano l’utilizzo di Internet.

Al primo posto nella classifica si trova la Corea del Sud, seguita da Danimarca, Svezia, Islanda e Regno Unito. L’Italia si posizione nella parte bassa della classifica, all’incirca verso la metà, dopo Portogallo e Spagna, superando Russia e Grecia.

=>Scopri il tasso di diffusione Internet in Italia

L’indice del nostro Paese relativo al digital divide è del 72%, contro una media nazionale del 52%.

La ricerca mostra inoltre un incremento costante, anno dopo anno, del divario tra i punteggi massimi e minimi dei vari Paesi, che appare praticamente raddoppiato rispetto al 2009.

Ad incidere in modo significativo sulla valutazione sono le politiche governative: Brasile, Cina, Russia, Lituania, Lettonia ed Estonia mostrano un progressivo miglioramento in questo senso, mentre l’Italia esibisce una certa tendenza all’immobilità.

=>Confronta con i dati ITU su Banda larga e digital divide nel 2012

Il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera nei giorni scorsi  ha annunciato un finanziamento di «150 milioni di euro di fondi pubblici, che pensiamo di triplicare con l’aiuto degli enti locali e dei privati, per intervenire sul digital divide del Paese».  Nella speranza che la tendenza italiana sul digital divide possa cambiare, Passera ha dichiarato: «entro il prossimo anno pensiamo di poter arrivare a una copertura quasi totale».  Non resta che attendere.