Tratto dallo speciale:

Il Cloud Computing nelle imprese italiane: sì al “pay as you go”, ma resta di nicchia

di Alessandro Vinciarelli

scritto il

Il Cloud Computing introduce tra le aziende italiane l'approccio "pay as you go", per risparmiare sui costi, ma ancora è di nicchia. Le ricerche IDC e NextValue

Le aziende italiane stanno migrando da uno schema di acquisti IT “buy and own” (compra e possiedi) ad uno “pay as you go” (paga solo ciò che usi). Un approccio che interpreta in maniera efficace le opportunità del modello Cloud Computing e del SaaS (Software-as-a-Service), che non richiedono il possesso fisico delle infrastrutture per poter utilizzare con profitto soluzioni e servizi.

Anche le medie aziende hanno compreso i vantaggi di queste tecnologie che, tra l’altro, tagliano le spese e ottimizzano gli investimenti. Lo confermano numerose ricerche, tra cui quelle IDC e NextValue.

Lo studio IDC “Leasing and Financing Survey Results“evidenzia come il Cloud Computing sia oggi l’alternativa più apprezzata rispetto al tradizionale leasing IT (scelta principale per il 27% delle aziende prese in esame, con un “gradimento” di 2.7 punti su un massimo di 4).

Il Software come Servizio, inoltre, emerge come uno strumento efficace e flessibile per abbattere i costi finanziari, tanto che molte case produttrici di software e servizi stanjno rendendo disponibili parte delle proprie applicazioni in questa modalità.

La ricerca Nextvalue sul Cloud Computing nelle imprese italiane, invece, dipinge lo scenario corrente: un mercato ancora acerbo ma con molti segnali di graduale crescita e soprattutto molte potenzialità.

Presento a Milano, nel corso di un evento patrocinato anche da EMC, Google, IBM, Microsoft, Oracle, Reply e VMware – “Cloud Computing, SaaS, Virtualization: L ‘ impresa crea valore scalando la commodity dell ‘ IT” – lo studio evidenzia che la visione cloud è ancora appannaggio delle grandi aziende.

Ancora un mercato di nicchia in Italia, dunque. Gli ostacoli sono numerosi, soprattutto culturali (60%): la mancanza di una adeguata cultura aziendale ne ostacola la diffusione, ma non bisogna dimenticare le incertezze sul fronte maturità tecnologica (35%).

I Video di PMI

SPID: Guida al rilascio dell’identità digitale